Scopriamo insieme le 4 specie di iene attuali

La famiglia degli ienidi è la meno numerosa tra tutti i mammiferi, sebbene sia un componente imprescindibile negli ecosistemi africani e in alcune parti dell’Asia. Nell’attualità esistono 4 specie di iene, di cui vi parleremo in questo articolo.

Le specie di iene esistenti al giorno d’oggi

Questi animali simili ai felidi, in realtà presentano molto comportamenti simili a quelli dei canidi. Non possono arrampicarsi sugli alberi, però afferrano le loro prede con i denti, si alimentano in modo rapido, non hanno le unghie retrattili e possono immagazzinare il cibo.

Le prime iene sono apparse niente di meno che 22 milioni di anni fa. Tuttavia, al giorno d’oggi esistono solo 4 specie, che di seguito analizzeremo:

1. Iena striata

Il suo nome scientifico è Hyaena Hyaena, ed è la più diffusa della famiglia: si può trovare in tutto il nord e l’est dell’Africa, nella Penisola arabica e nel sudest dell’Asia fino all’India. Preferisce i boschi e le savane, sebbene qualche volta stia nei deserti, sempre in solitaria.

La iena striata- nella foto che apre questo articolo- ha un pelo marrone grigiastro con delle frange nere in diagonale, sulle zampe, o in verticale, ai lati del torace. Pesa circa 40 kg e misura un metro; le orecchie sono grandi ed orientate all’indietro.

Si alimenta di roditori, di donnole, di uccelli, di carogne, di scimmie, di uova, di cuccioli di ruminanti, di primati e perfino di zebre e di gnu. Le sue grandi mascelle gli permettono di strappare la pelle dei cadaveri e di rompere le ossa.

2. Iena bruna

Questa specie di iena abita unicamente in Africa del Sud, in modo specifico nei deserti della Namibia e del Kalahari. Misura circa 80 cm e pesa 50 kg e, sebbene i maschi siano un po’ più grandi delle femmine, ma non ci sono tante differenze tra i sessi.

Iena bruna tra iene ancora esistenti

Il mantello è marrone scuro e aggrovigliato sulla coda e sul dorso; la testa può avere dei toni grigi e le zampe presentano delle strisce. La mandibola è forte per poter triturare le ossa, poiché è uno degli animali necrofagi per eccellenza. Per le condizioni dell’habitat, integra la sua dieta con insetti, roditori e frutta.

La iena bruna vive in branchi composti da 6 membri, tra cui una coppia riproduttrice e degli esemplari giovani. Le femmine partoriscono in tane dopo poco più di 3 mesi di gestazione, e il maschio alfa contribuisce nell’allevare i piccoli. 

3. Iena macchiata

Si tratta di una specie che vive unicamente in Africa. Tuttavia, è un po’ più diffusa della precedente: abita in aree subsahariane ad eccezione del Sudafrica, del Madagascar e del Congo. Preferisce le praterie e i terreni aperti e piani.

Iena macchiata

Misura circa 170 cm, pesa 85 kg e le femmine sono più grandi dei maschi. Ha il pelo marrone con macchie nere, meno che sul torace, sulla gola e sulla testa. Ha il crine arricciato, una coda nera e delle orecchie appuntite.

La iena macchiata ha delle abitudini notturne o crepuscolari, può percorrere grandi distanze senza stancarsi per via delle dimensioni del suo cuore, ed emette un suono simile ad una risata. Si raggruppa in famiglie guidate da una femmina, che alleva ogni anno due cucciolate, e caccia in branchi composti da 30 esemplari.

4. Protele

Sebbene venga chiamato anche Lupo di terra, il Protele fa parte della famiglia delle iene. Al contrario delle altre tre, questa si alimenta di insetti come le termiti, che acciuffa con la sua lingua viscosa. Può nutrirsi anche di piccoli vertebrati, come roditori e uccelli.

Protele

Il Protele si trova in Africa centrale e del Sud, ed è un animale notturno e solitario che durante il giorno dorme in grotte scavate da altri esemplari, come l’oritteropoPer marcare il territorio urina, defeca o produce degli odori attraverso le ghiandole anali.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche