Linfoma nei gatti: cause, sintomi e trattamento

Il linfoma è un tipo di cancro molto comune nei gatti. Impara a identificarlo prima che diventi un problema di salute che metta in pericolo il tuo animale domestico.
Linfoma nei gatti: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 11 settembre, 2021

Si stima che 1 gatto su 5 svilupperà il cancro per tutta la vita, una probabilità che aumenta esponenzialmente con l’età del felino. Alcuni sono più gravi e difficili da trattare di altri, ma il linfoma nei gatti (uno dei più comuni) ha una prognosi disastrosa in assenza di trattamento. Il gatto con linfoma vive in media 4 settimane se non si agisce a livello veterinario.

Questo tipo di cancro felino è sistemico e molto difficile da trattare, ma con la terapia indicata la sopravvivenza del paziente può essere leggermente prolungata. Scoprite con noi le cause, i sintomi e il trattamento del linfoma nei gatti nelle righe seguenti.

Cos’è il linfoma nei gatti?

Innanzitutto è necessario sottolineare che il termine “cancro” si riferisce ad un insieme eterogeneo di malattie. In ogni caso, hanno tutti qualcosa in comune: indipendentemente dalla loro posizione, la crescita cellulare atipica avviene sempre in queste condizioni a causa della mutazione genetica di una linea di cellule.

Normalmente, la crescita sfrenata di uno specifico tessuto dà origine a un tumore, che può crescere illimitatamente e diffondersi ad altre parti del corpo, provocando la temuta metastasi. Il resto dei tumori che compaiono nel corpo deriverà dal focus iniziale delle cellule maligne, motivo per cui sono considerati tumori secondari.

Come indicato dal portale VCA Hospitals, il linfoma felino è diverso dai tumori comuni, poiché si verifica a livello sistemico. Questa malattia deriva da un’eccessiva proliferazione di linfociti (globuli bianchi) che viaggiano attraverso il sangue e il sistema linfatico, quindi i segni della malattia sono generalizzati.

Il linfoma è un tipo di cancro molto comune nei gatti. Colpisce 48 individui su 100.000 e rappresenta il 30% dei tumori totali in questa specie.

Un esempio di linfoma nel sangue.

Tipi e sintomi del linfoma nei gatti

I linfomi del gatto possono essere classificati in base al tipo di cellule eccessivamente proliferanti (linfociti B o T) o alla sede dell’attività neoplastica maligna. Successivamente, presentiamo i diversi tipi che esistono da un punto di vista veterinario e i sintomi che portano.

Linfoma gastrointestinale

Come suggerisce il nome, questo è il tipo di linfoma che colpisce più ovviamente il tratto gastrointestinale del gatto. È la variante più comune all’interno di questo gruppo patologico, in quanto risponde al 50-70% dei linfomi negli animali domestici felini. Appare soprattutto in età avanzata, tra i 9 e i 13 anni.

Questo tipo di cancro può essere di alto grado (rapida espansione) o di basso grado (divisione lenta), che determina la rapidità con cui si sviluppano i segni clinici. Tra i più importanti, segnaliamo i seguenti:

  • Perdita di peso.
  • Vomito continuo.
  • Diarrea.
  • Mancanza di appetito.

Linfoma mediastinico

Come indicato dai portali veterinari, questo tipo di tumore colpisce i linfonodi del mediastino (che si trova al centro della gabbia toracica) e la ghiandola del timo. La crescita eccessiva di linfociti può mettere sotto pressione il torace dell’animale e quindi rendere difficile la respirazione. È anche comune che l’esofago si senta sotto pressione, il che rende più difficile la deglutizione.

Questa variante si verifica nei gatti di età inferiore ai 2 anni.

Linfomi vari

In questo caso, la crescita eccessiva delle cellule si verifica in varie parti: il sistema nervoso centrale, la cavità nasale, la pelle, i reni e altre aree. La zona più colpita è solitamente la cavità nasale e questa variante è accompagnata da strane secrezioni e difficoltà respiratorie. È più comune nei felini di età compresa tra 5 e 9 anni.

I sintomi generali in tutti i casi sono apatia, perdita di peso e problemi alimentari. Il disagio respiratorio è tipico del linfoma mediastinico.

Cause del linfoma nei gatti

Parlare di causalità esatta in qualsiasi tipo di cancro è complesso, poiché la maggior parte dei tumori maligni è causata da una moltitudine di fattori, come l’ambiente, la genetica e la salute generale dell’animale. In ogni caso, alcune delle suddette varianti sono legate ad altri quadri clinici.

Ad esempio, il linfoma mediastinico è associato al virus della leucemia felina (FeLV) nell’80% dei casi. Questo agente infettivo si stabilisce nel midollo osseo, il luogo in cui vengono prodotti tutti i corpi sanguigni (compresi i linfociti), quindi è facile immaginare la loro relazione. Anche il 30% dei linfomi renali è associato a FeLV.

Diagnosi

I sintomi di questo tipo di cancro sono piuttosto aspecifici, quindi potrebbero essere necessari diversi test per trovare la malattia. Innanzitutto, viene sempre utilizzato un esame del sangue per rilevare anomalie sistemiche, ma questo non fornisce da solo la diagnosi completa.

Saranno inoltre necessarie scansioni a raggi X, ultrasuoni o TC per trovare la massa tumorale problematica. Una volta rilevato, viene eseguita una biopsia o un’aspirazione fine per ottenere un campione del gruppo di cellule. Se i linfociti sono anormali e in crescita eccessiva, il linfoma è confermato.

Trattamento

Il linfoma viene trattato in tutti i casi con la chemioterapia, poiché i professionisti stanno affrontando una malattia sistemica che non può essere affrontata solo con una resezione chirurgica. Le condizioni di basso grado sono trattate con la combinazione dei farmaci prednisone e clorambucile 20 mg / m2. D’altra parte, quei linfomi a crescita rapida richiedono iniezioni chimiche più aggressive.

La radioterapia e la chirurgia sono progettate in casi molto specifici, come il linfoma nasale o addominale, sebbene questo sia un protocollo molto raro. Se invece nessuno di questi approcci è possibile (a causa della fragilità dell’animale e della sua età), si ricorre a un trattamento palliativo a base di solo prednisolone, uno steroide che ritarda la progressione della malattia da 2 a 4 mesi..

Fortunatamente, la chemioterapia è un approccio molto ben tollerato per i gatti. Solo il 10% di loro presenta sintomi come vomito, diarrea e vertigini.

La perdita di peso nei gatti può avere molte ragioni.

Previsione

Il linfoma nei gatti che non viene trattato con chemioterapia di solito provoca la morte del paziente in meno di 4 settimane. I gatti trattati con il solo prednisolone, invece, possono sopravvivere per ulteriori 60-90 giorni, anche se questo non è garantito in tutti i casi.

Con l’approccio corretto, il 75% dei felini entra in un chiaro periodo di remissione. In ogni caso, la loro aspettativa di vita media anche se tutto va bene è di soli 6 mesi circa, poiché le ricadute sono molto comuni. Sfortunatamente, questa condizione riporta una prognosi generale molto sfavorevole e talvolta l’unica opzione sono le cure palliative fino alla morte.

Potrebbe interessarti ...
Cancro nei gatti, ecco i tumori maligni più frequenti
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cancro nei gatti, ecco i tumori maligni più frequenti

Se avete un micio in casa e volete sapere di più sulla salute de vostri piccoli felini, ecco una serie di informazioni utili sulle forme di cancro ...



  • Tobey, J. C., Houston, D. M., Breur, G. J., Jackson, M. L., & Stubbington, D. A. (1994). Cutaneous T-cell lymphoma in a cat. Journal of the American Veterinary Medical Association, 204(4), 606-609.
  • Simpson, C. J., Mansfield, C. S., Milne, M. E., & Hodge, P. J. (2011). Central diabetes insipidus in a cat with central nervous system B cell lymphoma. Journal of feline medicine and surgery, 13(10), 787-792.
  • Benigni, L., Lamb, C. R., CORZO‐MENENDEZ, N. U. R. I. A., Holloway, A., & Eastwood, J. M. (2006). Lymphoma affecting the urinary bladder in three dogs and a cat. Veterinary Radiology & Ultrasound, 47(6), 592-596.