Lumaca a energia solare: il mollusco che voleva essere una pianta

I regni animale e vegetale raramente si uniscono per mostrarci un animale unico come nel caso della lumaca ad energia solare, il mollusco che voleva essere una pianta.
Lumaca a energia solare: il mollusco che voleva essere una pianta

Ultimo aggiornamento: 08 agosto, 2021

Il processo metabolico della fotosintesi consiste nel prendere l’energia luminosa dal sole attraverso i cloroplasti e convertirla in energia chimica. Questa energia viene trasmessa agli animali attraverso la catena alimentare ed è essenziale per la produzione di ossigeno. Tuttavia, la lumaca a energia solare è un animale che può eseguire questo processo.

Storicamente, è stato dimostrato che la fotosintesi è un processo esclusivo di piante, alcune alghe e alcuni microrganismi. Tuttavia, la natura presenta sempre delle eccezioni e questo è il caso della lumaca a energia solare: un animale che fotosintetizza e beneficia del suo cibo per sopravvivere in mare, anche se per breve tempo.

Caratteristiche della lumaca a energia solare

La lumaca a energia solare (Elysia chlorotica) è un mollusco gasteropode scoperto nel 1870 che abita le acque del Nord Atlantico, soprattutto negli oceani che vanno dallo stato della Florida all’isola della Nuova Scozia. Si trova in ambienti salini e salmastri, alle foci di alcuni fiumi di questa zona del mondo.

Questa lumaca può crescere fino a 45 millimetri di lunghezza, tuttavia la sua dimensione comune è compresa tra 20 e 30 millimetri.

Fisicamente è caratterizzata da un colore verde smeraldo intenso che riceve dall’assorbimento della clorofilla. Il suo corpo a volte presenta piccole macchie bianche o rosse. La sua consistenza è sottile, ma si allarga sui lati, dandole un aspetto simile a una foglia di lattuga, se si omette la particolare testa che mostrano tutte le lumache.

lumaca a energia solare

Quando questo animale avverte il pericolo, ripiega il corpo per difendersi dai suoi predatori. Allo stesso modo, tende a proteggersi da questi grazie al magnifico mimetismo fornito dalla sua particolare forma, con cui passa inosservata all’interno delle alghe di cui si nutre.

La lumaca a energia solare nella sua giovinezza ha un colore marrone o grigio con alcune macchie rosse, perché non ha assorbito i cloroplasti necessari per assumere il caratteristico colore verde. Per questo motivo, gli esemplari giovani di solito non attirano l’attenzione.

Nonostante sia un animale così unico nell’ecosistema marino, la sua aspettativa di vita non supera gli 11 o 12 mesi. Gli adulti subiscono una morte massiccia dopo aver deposto le uova e questo comportamento è la causa di una malattia ereditaria. Per quanto riguarda la sua riproduzione, non si conoscono molte informazioni. Tuttavia, altre specie del clade Sacoglossa sono ermafroditi.

Come fotosintetizza?

Innanzitutto va spiegato che questo mollusco si nutre di alghe, specie della Vaucheria litorea. La lumaca mangia queste alghe con piccoli “morsi” attraverso la sua radula o lingua. Fin dalla nascita, questi animali iniziano a consumare molte di queste alghe e hanno bisogno che acquisiscano il loro particolare colore verde brillante.

Questo perché, nutrendosi di queste piante, possono rubare loro i cloroplasti e immagazzinarli nelle cellule del corpo. È stato anche osservato che le lumache ricevono zuccheri da questa relazione interspecifica. Per questo la specie non nasce con la capacità di effettuare la fotosintesi, ma la acquisisce nel tempo, grazie al suo cibo.

Nella sua fase adulta, questo invertebrato può vivere senza consumare alghe e nutrirsi dell’energia del sole.

Inoltre, questi molluschi hanno molecole speciali che consentono loro di immagazzinare la clorofilla dei cloroplasti, invece di digerirla. L’evoluzione ha permesso alla specie di non respingere rapidamente gli elementi che consuma dalle alghe che mangia. Quindi, viene evidenziato un caso in cui i regni animale e vegetale si uniscono per presentare un singolo individuo.

Infine, va notato che c’è un trasferimento genico orizzontale tra la lumaca e le alghe. Questo flusso è comunemente generato tra batteri o in misura molto minore tra piante e pochissime specie animali. Questa relazione ha fatto sì che il mollusco aderisse a una parte dell’informazione genetica delle alghe e ammettesse i cloroplasti come propri.

Una lumaca color smeraldo fotosintetizza.

Proprio come avete potuto vedere, la lumaca a energia solare è un animale che può passare facilmente inosservato in acqua grazie al suo fantastico mimetismo. La sua evoluzione le ha permesso di sfruttare i cloroplasti delle alghe e vivere praticamente il resto della sua breve vita solo con l’energia del sole, una caratteristica che non viene ereditata e ognuno deve lottare per imparare.

Potrebbe interessarti ...
Perché alcuni squali mangiano le alghe?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Perché alcuni squali mangiano le alghe?

In questo articolo ci chiediamo perché alcuni squali mangiano le alghe? Queste specie ottengono dalle alghe tutti i nutrienti di cui hanno bisogno.



  • Rumpho, M. E., Worful, J. M., Lee, J., Kannan, K., Tyler, M. S., Bhattacharya, D., … & Manhart, J. R. (2008). Horizontal gene transfer of the algal nuclear gene psbO to the photosynthetic sea slug Elysia chlorotica. Proceedings of the National Academy of Sciences, 105(46), 17867-17871.
  • Bhattacharya, D., Pelletreau, K. N., Price, D. C., Sarver, K. E., & Rumpho, M. E. (2013). Genome analysis of Elysia chlorotica egg DNA provides no evidence for horizontal gene transfer into the germ line of this kleptoplastic mollusc. Molecular biology and evolution, 30(8), 1843-1852.
  • Pelletreau, K. N., Weber, A. P., Weber, K. L., & Rumpho, M. E. (2014). Lipid accumulation during the establishment of kleptoplasty in Elysia chlorotica. PLoS One, 9(5), e97477.