Nuotare con il cane: 5 consigli per garantire il divertimento

A seconda della razza, nuotare con il cane può essere un'attività molto gratificante oppure molto impegnativa. Alcuni cani amano fare un bagno molto più di altri.
Nuotare con il cane: 5 consigli per garantire il divertimento

Ultimo aggiornamento: 02 giugno, 2021

Nuotare con il cane può essere un piacere per tutti quei proprietari che amano l’acqua. Tuttavia, non è detto che il cane possa condividere la vostra passione. Molti cani amano l’acqua, mentre altri possono essere terrorizzati al solo pensiero di toccare l’acqua.

Come proprietari responsabili, dovete essere consapevoli dei comportamenti che potrebbero mettere il vostro cane a rischio di annegamento. Ecco 5 cose da tenere a mente se decidete di portare il vostro cane a nuotare.

1. Nuotare con il cane è sia una questione di razza che di condizione fisica

Indubbiamente, ci sono razze che sono state concepite appositamente per svolgere compiti acquatici. Questo è il caso del Labrador retriever o del Nova Scotia Duck Tolling retriever, entrambi i cani sono allevati per recuperare uccelli acquatici per il cacciatore.

Inoltre, alcune razze hanno persino la parola acqua nel loro nome, come il cao de agua portugues, sviluppato come aiutante dei pescatori. Oppure è il caso del Irish water spaniel. Questi cani saranno naturalmente eccellenti nuotatori. Tuttavia, la maggior parte dei cani non ama nuotare.

Quindi, quali razze non sono nuotatori naturali? In generale, i cani che hanno una muscolatura molto sviluppata e quelli che hanno un compromesso con la loro funzione respiratoria sono restii a tuffarsi in acqua. Potete immaginare il perché.

Questo è il caso delle razze brachicefale, che hanno narici corte o ristrette, palati molli troppo lunghi e sono inclini al collasso tracheale. Alcuni esempi di queste razze sono i bulldog inglesi, i bulldog francesi e i carlini.

Inoltre, i cani brachicefali hanno spesso la coda corta. Per questo motivo, non hanno un timone efficace per aiutare a dirigere il corpo durante il nuoto, il che li rende più inclini a far affondare la loro parte posteriore.

Bisogna sempre fare attenzione quando si cerca di mettere in acqua cani malati, anziani o obesi, indipendentemente dalla razza.

Cane che nuota visto dal basso.

2. Il giubbotto salvagente è la migliore misura preventiva quando si va a nuotare con il cane

Indipendentemente dalla razza che avete, i giubbotti salvagente per cani sono sempre una buona idea, ma in alcuni casi sono d’obbligo. Per esempio, quando i cani sono in acque aperte o agitate, come laghi, fiumi e oceani.

Per di più, sono necessari anche se il cane è molto anziano o ha una mobilità compromessa o qualche malattia. Inoltre, i cani in sovrappeso e i cani con torsi lunghi e gambe corte possono avere più difficoltà a stare a galla. Quindi, anche loro dovrebbero indossare giubbotti salvagente ogni volta che nuotano.

È importante tenere a mente che anche i cani che si divertono di più in acqua, potrebbero finire per avere problemi. Si deve considerare che in molte razze di cani ci sono limitazioni fisiologiche quando si tratta di nuotare.

Comunemente, i cani principianti che imparano a nuotare muovono solo le zampe anteriori, mentre le zampe posteriori pendono verso il basso, di solito cercando di trovare il fondo. Invece, quando il cane indossa un giubbotto salvagente, la sua schiena rimane a livello dell’acqua e il cane può nuotare con tutte e quattro le zampe.

Come scegliere il miglior giubbotto salvagente per cani

I fattori chiave da considerare quando si sceglie un giubbotto salvagente includono che sia fatto appositamente per la taglia del vostro cane, che fornisca una buona galleggiabilità e visibilità. Inoltre, è auspicabile che abbia strisce catarifrangenti e colori brillanti in modo che il cane sia facilmente visibile in acqua.

È anche consigliabile che abbia delle maniglie per un facile recupero in circostanze di salvataggio.

3. Non lasciate mai il vostro cane senza sorveglianza

I cani non dovrebbero mai essere lasciati nuotare senza supervisione, specialmente in acque che hanno correnti, come fiumi e oceani. Purtroppo, i cani hanno meno probabilità di mettersi in salvo per sfuggire a una forte corrente. Per questo motivo, se non si è sicuri delle sue capacità natatorie, si raccomanda di tenere il cane in prossimità della riva e sotto osservazione.

4. Se andate a nuotare con il cane, state attenti a un possibile raffreddamento

Come regola generale, i proprietari di animali domestici non dovrebbero mai esporre i loro animali a temperature che non sono confortevoli per loro. È importante ricordare che i cani non possono avvisarci quando hanno troppo freddo.

L’acqua fredda mette il cane a rischio di ipotermia. In questa condizione, il flusso di sangue è spinto dalla superficie della pelle e delle estremità verso gli organi vitali, compresi il cuore, i polmoni e il cervello. Così, in un cane che nuota in ipotermia, i muscoli si stancano e il rischio di annegamento aumenta.

5. Chiedete al vostro veterinario informazioni sulla prevenzione delle malattie

I farmaci preventivi sono trattamenti utilizzati per evitare che il vostro cane contragga certe malattie e disturbi. Perciò, se passate molto tempo all’aperto con il vostro cane, dovreste consultare il veterinario. Infatti, è necessario essere preparati per evitare o trattare l’eccessiva esposizione al sole o l’assunzione di acqua di mare.

Cani al guinzaglio sulla spiaggia, andare a nuotare con il cane.

Quindi, in conclusione è importante ricordare che non tutti i cani nascono buoni nuotatori. Tuttavia, con un giubbotto salvagente, un po’ di pazienza e qualche lezione di nuoto per cani, ogni razza dovrebbe essere in grado di muoversi e godersi un po’ di tempo in acqua in tutta sicurezza.

Potrebbe interessarti ...
Cosa fare in caso di annegamento negli animali
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cosa fare in caso di annegamento negli animali

Capita spesso in estate che gli animali si avvicinino a fonti d’acqua per fare un tuffo. Oggi vi spieghiamo cosa fare in caso di annegamento negli ...



  • Fish, F. E., DiNenno, N. K., & Trail, J. (2020). The “dog paddle”: Stereotypic swimming gait pattern in different dog breeds. The Anatomical Record.
  • Corral, C. (2018). Canine hip dysplasia: rehabilitation. The Veterinary Nurse, 9(6), 304-308.
  • Spealman, C. R. (1946). Body cooling of rats, rabbits and dogs following immersion in water, with a few observations on man. American Journal of Physiology-Legacy Content, 146(2), 262-266.