L’orango di Sumatra: caratteristiche fisiche

12 Maggio 2019
L'orangutan di Sumatra è simile in molti aspetti all'essere umano: cammina eretto, usa degli strumenti e ha una vita sociale molto attiva. Si tratta di un animale molto pacifico ma il suo habitat è a rischio e la sua estinzione è vicina.

L’orango di Sumatra è indicato come uno dei primati più simili all’uomo per le sue dimensioni, la sua postura eretta e i suoi comportamenti.

In questo articolo vi forniremo molte informazioni su questo animale. Scoprite l’orango di Sumatra.

Le caratteristiche fisiche dell’Orango di Sumatra

Il suo nome scientifico è Pongo abelii. Si tratta di una sottospecie della famiglia degli orangutan. Nello specifico, vive solo a nord dell’isola di Sumatra ed è piuttosto difficile incontrarlo.

L’orango di Sumatra presenta un notevole dimorfismo sessuale. I maschi sono più alti e pesanti delle femmine: 140 centimetri di altezza per 90 chili, mentre queste ultime sono alte 90 centimetri e pesano 45 chili.

Se confrontiamo l’orango di Sumatra con le altre due sottospecie, è possibile notare che il suo muso è più allargato e il colore del pelo è di un rosso più chiaro.

Orangutan di Sumatra

Comportamento e alimentazione

Il nome comune della specie (orangutan) si basa su due parole locali: orang , che significa persona, e hutan , che significa foresta. La denominazione “persona della foresta” è dovuta a determinati comportamenti.

Sono stati osservati alcuni esemplari che utilizzavano degli strumenti. Alcuni orangutan strappavano dei rami dagli alberi, li privavano dei rametti più piccoli e creavano una punta all’estremità. Questi utensili venivano usati per trovare le termiti.

Possono anche usare dei bastone per scacciare le api da un alveare e raggiungere il miele (come se fosse un cucchiaio). Sono stati visti creare dei contenitori con foglie o altri materiali per raccogliere l’acqua piovana e berla in seguito.

Un altro strano comportamento dell’orango di Sumatra è legato al suo movimento tra gli alberi. Questo animale usa i rami per spostarsi con movimenti lenti e ondeggianti e proteggersi dal suo predatore principale: la tigre di Sumatra.

Un esemplare di orangutan nel bosco
Questa specie è principalmente frugivora e predilige frutti grandi e carnosi. La sua dieta comprende anche insetti (termiti o formiche), foglie e corteccia.

Molto raramente, gli orango di Sumatra possono consumare carne, ma non mostrano un “bisogno” o un istinto di cacciare altri mammiferi.

Si tratta di un adattamento, un’alternativa alla carenza stagionale di frutta. Quando ciò accade, la femmina può uccidere un giovane esemplare o un anziano e mangiarlo insieme ai suoi piccoli.

La situazione attuale dell’orango di Sumatra

Questa specie è in pericolo critico di estinzione a causa del disboscamento delle foreste native, utilizzate per la creazione di terreni agricoli o piantagioni di palma -per l’industria- o a scopo alimentare. Inoltre, questi animali sono cacciati  in maniera illegale (mercato nero di animali).

Ciò fa sì che la popolazione di orango di Sumatra sia confinata all’estremo nord dell’isola, nella provincia di Aceh. Fortunatamente, in questa zona si trova un santuario naturale e un parco nazionale (il Gunung Leuser), nato appositamente per proteggere questo animale.

Il lavoro di riabilitazione e reintroduzione di esemplari in cattività o sfollati e la protezione dell’habitat forestale stanno dando buoni risultati, nonostante i progressi siano lenti.

Si pensa che entro 20 anni l’orango di Sumatra non sarà più in pericolo di estinzione e tornerà nella lista delle specie “vulnerabili”.

  • Wich, S. A., Utami-Atmoko, S. S., Mitra Setia, T., Rijksen, H. D., Schürmann, C., van Hooff, J. A. R. A. M., & van Schaik, C. P. (2004). Life history of wild Sumatran orangutans (Pongo abelii). Journal of Human Evolution. https://doi.org/10.1016/j.jhevol.2004.08.006