Pastore tedesco, una razza sorprendente

26 Luglio 2017

Conosciuto anche come cane da pastore tedesco, questa razza originaria della Germania ha, in realtà, una storia abbastanza recente. I primi esemplari, infatti, apparvero a ridosso del XIX secolo. Creato per occuparsi dei greggi di pecore, il pastore tedesco è un cane davvero formidabile. Fedele, ubbidiente e affettuoso, perfetto per accompagnare l’uomo in ogni circostanza. Ecco tutto ciò che vale la pena sapere su questa sorprendente razza.

Storia del pastore tedesco

Il capitano dell’esercito Maximilian Von Stephanitz è considerato il vero ‘padre’ del pastore tedesco. Proprio grazie alla sua iniziativa fu possibile sviluppare questa famosa razza. L’obiettivo era quello di guidare e accompagnare i greggi. Ovviamente, difendendo le pecore da lupi, volpi ed altri carnivori. Una sorta di guardia del corpo capace di offrire assistenza a contadini e pastori.

Pastore tedesco, una razza sorprendente

Nel 1899 fu fondata l’Associazione Amici del pastore tedesco ed è proprio con questa data che si identifica la nascita ufficiale della razza. Furono scelti gli esemplari migliori per realizzare incroci robusti e sani, dunque per ottenere un cane praticamente perfetto dal punto di vista fisico e psicologico.

Il primo pastore tedesco dell’associazione fu chiamato ‘Jack’. Era molto potente, con un pelo di tonalità grigiastra e con un aspetto molto simile al lupo. Von Stephanitz lavorò in modo da crescere discendenti adatti al lavoro, al contatto con i contadini e alla vita nei campi.

Il passo successivo fu quello di offrire questa nuova ed efficace razza come cane ufficiale delle forze di polizia e dell’esercito tedesco. Il pastore tedesco si dimostrò subito più intelligente di altre razze, con un’altissima resistenza fisica e un’affidabilità totale. Tanto da venire subito impiegato per accompagnare le persone ipovedenti.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, questo polivalente cane divenne fondamentale nelle operazioni di ricerca e pattugliamento, ampliando ulteriormente le qualità di un cane amato e ammirato a livello internazionale.

Caratteristiche fisiche del pastore tedesco

Si tratta di un cane dalla stazza media o grande, con un aspetto robusto e una forte mandibola dalla chiusura a forbice. Da un punto di vista estetico, il tipico colore del pastore tedesco è a manto nero con gradazioni di marrone, rossiccio o anche grigio.

Gli esemplari maschi adulti possono arrivare a pesare tra 30 e 40 kg. Le femmine si posizionano più in basso, tra i 20 e 30 kg. L’altezza al garrese è, rispettivamente, di 65 e 55 cm. Rispetto all’età, l’aspettativa di vita del pastore tedesco può raggiungere persino i 13 anni. Da piccoli, appena cuccioli, hanno la particolarità di avere le orecchie penzoloni. A partire dal terzo mese, si raddrizzano da sole o, come spesso accade, i padroni optano per bendarle e agevolare, così, il processo.

Gli occhi sono color mandorla e di grandezza media. La testa è proporzionata alla lunghezza del corpo e sul muso risalta un tartufo pronunciato, sempre di colore scuro.

Rispetto al pelo, questo è spesso, diviso su due livelli. La parte più esterna permette al cane di resistere alle intemperie, mentre quella interna, più liscia e densa, serve per mantenere il calore corporeo. Il pastore tedesco cambia il pelo durante tutto l’anno, in particolare in autunno e primavera. Per questo motivo, è necessario pettinarlo ogni giorno.

Per la sua enorme duttilità, è possibile impiegare il pastore tedesco in un’infinità di lavori: cane da guardia, cane poliziotto o antidroga, per la difesa personale o come pastore ( in Gran Bretagna e negli Stati Uniti ancora oggi è utilizzato proprio per accompagnare i greggi).

Per quanto riguarda la salute fisica, va ricordato che questo cane dev’essere vaccinato in tempo, per evitare l’insorgere di patologie pericolose, come il cimurro. Il suo principale problema si presenta, però, in età avanzata. Questa razza è propensa a soffrire della cosiddetta displasia dell’anca e, in minor misura, dalla Malattia di von Willebrand e da insufficienza pancreatica.

Personalità e temperamento del pastore tedesco

Pastore tedesco, una razza sorprendente

Anche se si tratta di una razza abbastanza recente. il cane da pastore tedesco ha saputo instaurare una forte relazione con gli umani. Nato come semplice guardiano per il gregge, oggi si conoscono le sue grandissime qualità fisiche e la sua spiccata intelligenza. Affidabile, ubbidiente e coraggioso, oggi è sicuramente uni dei cani più amati al mondo.

Non a caso viene spesso indicato come un animale perfetto per stare assieme ai bambini. Allo stesso tempo, è guardingo e attento con chi conosce poco. Sempre prontissimo a scattare, entrare in azione e difendere le persone che ama, la sua famiglia e i suoi padroni.

La sua enorme fedeltà non implica però, necessariamente, che si debba mantenere un contatto costante. Rispetto ad altri cani, è infatti capace di stare da solo senza il rischio di sentirsi isolato o deprimersi. Basta avere uno spazio abbastanza ampio dove possa correre e giocare. Una casa con giardino è il luogo ideale per crescere un pastore tedesco in salute, il cane perfetto per tutta la famiglia, ma anche per le coppie o per chi vive solo.