Perché il canarino si gonfia e arruffa le piume?

Il vostro canarino si gonfia e ha le piume arruffate? Vi preoccupa quando succede? In questo articolo troverete le risposte.
Perché il canarino si gonfia e arruffa le piume?

Ultimo aggiornamento: 19 settembre, 2021

Se vivete con un canarino (Serinus canaria domestica), forse noterete in lui alcuni comportamenti che possono trarvi in inganno. Gli uccelli hanno un comportamento molto più difficile da interpretare etologicamente rispetto ad altri animali domestici, poiché sono geneticamente più distanti da noi rispetto ad un cane e un gatto, ad esempio. Se siete qui perché il vostro canarino si gonfia e arruffa le piume e questo vi preoccupa, vi daremo delle risposte.

L’arruffamento delle piume può essere un segno di molti eventi fisiologici, alcuni dei quali normali e altri di natura patologica. Continuate a leggere se volete saperne di più sull’argomento.

Perché gli uccelli si gonfiano e arruffano le piume?

Prima di entrare nel mondo dei canarini è necessario spiegare perché gli uccelli in genere adottano questo comportamento. L’arruffamento delle piume e il rigonfiamento corporeo (fluff up in inglese) risponde in natura alla necessità di termoregolarsi rispetto all’ambiente.

In poche parole, gli uccelli adottano questo comportamento quando hanno freddo. Per evitare di perdere più calore del necessario, gli uccelli creano delle piccole “sacche d’aria” tra le piume quando le arruffano, che li isolano un po’ di più dall’ambiente esterno. Essendo animali endotermici (in grado di generare il proprio calore metabolico), possono aumentare la propria temperatura corporea con meccanismi di questo genere.

Come indicano gli studi, gli uccelli hanno molti più meccanismi per evitare la dispersione di calore: si raccolgono sotto le proprie ali, riducono la circolazione nelle zone più fredde del corpo (le zampe) e si spostano verso fonti vicine ai raggi del sole.

Perché le piume del mio canarino stanno cadendo?

Gli uccelli arruffano le piume quando sono arrabbiati?

Molti mammiferi (come gatti, scimmie e topi) gonfiano e sollevano i peli per sembrare più grandi, attraverso un meccanismo noto come piloerezione. Questo ha un chiaro senso evolutivo: stanno cercando di mostrare che sono arrabbiati o in pericolo e “si mostrano più grandi” per intimidire i potenziali predatori.

Questo comportamento si può osservare anche negli uccelli, soprattutto quelli dell’ordine Psittaciformes (i pappagalli, i cacatua e gli inseparabili, per esempio). Ad ogni modo, va ricordato che il canarino è un passeriforme o uccello canoro. In questi uccelli, più piccoli e di minore complessità comportamentale, l’arricciamento delle penne non corrisponde a un segno di rabbia.

Perché il mio canarino si gonfia e arruffa le piume?

Ora sapete perché gli uccelli arruffano le piume e si gonfiano nel proprio ambiente naturale. Nelle righe seguenti, presentiamo i possibili scenari in cui un canarino domestico adotta questo comportamento.

1. Fa freddo

Se il tuo canarino si gonfia costantemente e arruffa le piume durante l’autunno o l’inverno, è molto probabile che abbia freddo e stia cercando di termoregolare la sua temperatura interna. La temperatura ideale per questi animali è tra i 18 e i 22°C, anche se possono resistere anche a cali fino a 12°C. Se questi scendono sotto gli 8°C, necessitano di diete particolari.

Nel caso in cui il canarino viva in una gabbia all’aperto e le temperature siano molto basse durante i periodi invernali, la cosa migliore da fare è spostare la sua gabbia all’interno della casa e mantenere l’animale in un ambiente temperato. Il freddo non solo fa gonfiare il canarino, ma può favorire la comparsa di malattie infettive.

2. Si sta pavoneggiando

La ghiandola uropigea, nota anche come “ghiandola dell’uropigio” o “del codrione”, è una struttura presente nella maggior parte degli uccelli. È responsabile della secrezione di una sostanza oleosa utilizzata per la toelettatura e l’impermeabilizzazione delle piume, e come potete immaginare è presente anche nei canarini.

Se il vostro canarino si gonfia, incava le penne e allo stesso tempo tocca spesso con il becco la zona dorsale vicino alla coda (a livello delle ultime vertebre caudali), è molto probabile che si stia pavoneggiando e riempiendo le penne di olio. Questo è anche un segno che si sente tranquillo.

3. Il canarino è malato

Il Fluff up è un normale evento fisiologico e si può manifestare più volte durante il giorno. Ciò che non è affatto normale è che un canarino abbia sempre le piume arruffate e gonfie. In generale, se l’uccello rimane su una gamba tutto il giorno con le piume arruffate, è tempo di pensare che si tratti di una malattia.

Altri segni di patologia nei canarini che dovrebbero essere presi in considerazione sono i seguenti:

  • Il canarino smette di cantare al di fuori della stagione della muta.
  • Le piume cadono al di fuori della stagione della muta.
  • Si regge su una zampa per gran parte della giornata.
  • Smette di mangiare e bere.
  • Ha difficoltà a respirare e respira in modo rumoroso.
  • Presenta secrezioni purulente in una qualunque parte del corpo o diarrea.

Malattie fungine, virali, batteriche e asma sono alcuni dei quadri clinici che possono manifestarsi con parte dei suddetti sintomi. Inutile dire che tutti questi segni clinici giustificano una visita immediata dal veterinario, poiché la vita del canarino è in pericolo.

Perché il mio canarino ha smesso di cantare?

Come avrete visto, il fatto che un canarino si gonfi e arruffi le piume regolarmente non è un problema, poiché fa parte del suo rituale di toelettatura o è un meccanismo per immagazzinare calore. In ogni caso, se questa situazione è costante e presenta altri sintomi, è necessaria un’attenzione professionale, poiché l’uccello è malato.

Potrebbe interessarti ...
Il canarino smette di cantare: cause e soluzioni
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il canarino smette di cantare: cause e soluzioni

Se il canarino smette di cantare ci possono essere diversi fattori che influiscono sul suo comportamento. Scopriteli insieme alle soluzioni!



  • Weathers, W. W. (1981). Physiological thermoregulation in heat-stressed birds: consequences of body size. Physiological Zoology, 54(3), 345-361.
  • Whittow, G. C., & Tazawa, H. (1991). The early development of thermoregulation in birds. Physiological Zoology, 64(6), 1371-1390.
  • Smit, B., Harding, C. T., Hockey, P. A., & McKechnie, A. E. (2013). Adaptive thermoregulation during summer in two populations of an arid‐zone passerine. Ecology, 94(5), 1142-1154.
  • Ruuskanen, S., Hsu, B. Y., & Nord, A. (2021). Endocrinology of thermoregulation in birds in a changing climate. Molecular and Cellular Endocrinology, 519, 111088.