Perché il mio coniglio sbava eccessivamente?

Quando un coniglio sbava eccessivamente possono esserci diverse cause dietro: patologie dentali, problemi ai reni o addirittura otite. Leggete questo articolo per identificare il motivo prima che sia troppo tardi.
Perché il mio coniglio sbava eccessivamente?

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre, 2021

L’eccessiva salivazione nei conigli costituisce un chiaro segno di patologia sottostante. I problemi orali di questi animali aprono la porta a una serie di disturbi che, in più o meno tempo, comprometteranno la vita dell’esemplare.

Questo eccesso di saliva, a meno che non sia molto esagerato, a volte è difficile da notare. Pertanto, qui vi aiutiamo a identificarlo non appena appare in modo che possiate andare dal veterinario prima che sorgano ulteriori complicazioni.

Secrezione di saliva nei conigli

La saliva del coniglio ha una funzione importante nella prima fase della digestione: la masticazione. La loro dieta, composta quasi esclusivamente da fibre vegetali, spiega il bisogno fisiologico di salivazione in questi animali. Se è bagnata, il lagomorfo è in grado di schiacciare l’erba con i molari e ingoiarla senza difficoltà.

Questa secrezione ha anche proprietà curative. Per questo motivo è comune vedere un coniglio leccarsi le ferite o, come azione riflessa, un punto in cui avverte dolore.

Ma come fate a sapere se un coniglio sbava eccessivamente o più del normale? Eccone i segni più evidenti:

  1. Il pelo intorno alla bocca è bagnato e arruffato.
  2. Il coniglio muove la bocca come per masticare anche se non ha cibo in bocca.
  3. Durante la toelettatura, il lagomorfo lascia i peli più bagnati del normale.
  4. Si manifesta intorno alla bocca dell’animale l’alopecia, specialmente sul mento.
  5. La sua pelle è ispessita e arrossata in questa stessa zona.
Perché il tuo coniglio sbava troppo?

Perché il mio coniglio sbava eccessivamente?

Vi aiuterà inoltre sapere quali patologie sono legate all’eccessiva salivazione nel vostro coniglio (una condizione nota in medicina come ptialismo), in quanto ciò vi consentirà di stimare l’urgenza veterinaria che avete davanti. Nelle sezioni seguenti sono elencate le più comuni.

Patologie ai denti

Gli incisivi e i molari dei conigli sono in crescita continua (crescono di circa 2 millimetri al mese) e se non li consuma, l’animale avrà problemi. La crescita eccessiva dei molari provoca difficoltà nella masticazione, dolore e ulcere all’interno della bocca, che stimolano la sovrapproduzione di saliva.

Le infezioni della bocca, delle cavità e le fratture sono altre cause comuni di eccessiva salivazione.

Se il vostro animale soffre di una di queste patologie, la salivazione sarà accompagnata da gesti di dolore durante la masticazione, tentativi di mangiare ma non riuscire a farlo, e sintomi relativi alla digestione, come il blocco intestinale. Come minimo, sarà necessario un taglio delle punte dei molari in sala operatoria, quindi non ignorate questa condizione e andate dal veterinario.

Ingestione di tossine

Quando i conigli consumano qualcosa che per loro è tossico o ha un sapore molto amaro, salivano eccessivamente in risposta. È un riflesso che il corpo dell’animale emette per espellere sostanze pericolose dalla bocca.

Se il vostro coniglio inizia improvvisamente a sbavare, potrebbe aver mangiato qualcosa che per lui è tossico. Cercate di capire cosa potrebbe aver rosicchiato e ditelo al veterinario quando arrivate alla clinica, poiché potrebbe essergli fatale.

Bruciature

Se il lagomorfo ha accesso a fili elettrici nel suo ambiente, è molto probabile che li rosicchi. Anche se la scarica elettrica non ha messo in pericolo la sua vita (anche se potrebbe farlo, e addirittura risultargli fatale), l’energia rilasciata infliggerà ustioni alla bocca dell’animale. Noterete che il coniglio sbava eccessivamente a causa di una risposta al dolore.

Corpi estranei in bocca

Mangiare fieno molto secco, masticare legno che si scheggia o mangiare cose inappropriate sono i motivi più comuni per cui un corpo estraneo si deposita nella bocca del coniglio. Anche se lo vedete direttamente, non provate a rimuoverlo da soli, poiché potreste causare più danni. Estrarre qualsiasi elemento dalla bocca dell’animale è compito di un professionista.

Infezioni all’orecchio

Sebbene non sia frequente, è possibile che un’otite colpisca i nervi circostanti alla bocca del coniglio. Quando ciò si verifica, la salivazione non sarà l’unico sintomo visibile: le infezioni in quest’area inducono anche il coniglio a inclinare la testa, avere vertigini, produrre secrezioni purulente nell’orecchio, avere la febbre o mostrare paralisi su un lato del viso.

Malattia renale

Le malattie renali possono causare ulcere alla bocca, che a loro volta provocano un’eccessiva salivazione nel coniglio. Se questa salivazione è accompagnata da sintomi renali come svogliatezza, stitichezza, difficoltà di minzione e dolore, andate dal veterinario. Le patologie renali possono porre fine alla vita dell’animale se non vengono controllate.

Cos'è la miasi nei conigli?

L’importanza di conoscere il vostro animale esotico

A differenza di cani e gatti, il resto degli animali che vengono accolti nelle case non mostrano segni così evidenti di avere una malattia. Per questo motivo, quando si adotta un esemplare esotico, è necessario un apprendimento più profondo rispetto a quello necessario per tenere cani e gatti, più conosciuti a livello generale.

Per garantire la salute del vostro coniglio, dovreste concentrarvi soprattutto sul cibo e la sistemazione dell’animale, poiché sono le fonti più comuni di problemi in questa specie. D’altra parte, sono anche le aree che tendono a differire di più con la loro vita in libertà. Assicuratevi di riprodurre bene questi aspetti nella vostra casa.

Potrebbe interessarti ...
Il coniglio morde la gabbia: cause e rimedi
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il coniglio morde la gabbia: cause e rimedi

Quando un coniglio morde la gabbia può essere dovuto a noia, stress, mancanza di attenzione, voglia di scappare o cattive condizioni di vita.



  • Gras, J., Tuset, N., De Vega, F., Cisar, F., Navarro, J., & del Valle, O. (1975). Acute renal insufficiency in the rabbit by glycerol. Revista espanola de fisiologia31(1), 1-3.
  • Benson, K. G., & Paul-Murphy, J. (1999). Clinical pathology of the domestic rabbit: acquisition and interpretation of samples. Veterinary Clinics of North America: Exotic Animal Practice2(3), 539-551.
  • Zaheer, O. A., Ludwig, L., Gardhouse, S., & Foster, R. A. (2021). Diagnosis, treatment, and characterization with advanced diagnostic imaging of an oral ectopic elodontoma in a pet rabbit (Oryctolagus cuniculus). Journal of Exotic Pet Medicine37, 28-31.
  • Harcourt-Brown, F. M. (2007). The progressive syndrome of acquired dental disease in rabbits. Journal of Exotic Pet Medicine16(3), 146-157.