Pesci volanti: curiosità e caratteristiche

09 maggio, 2020
I pesci volanti sono animali incredibili che possono raggiungere fino a 60 km/h sotto la superficie, per poi emergere e scivolare per oltre 200 metri.
 

Gli Exocoetidae, noti come pesci volanti o pesci rondine, sono una specie molto curiosa nel mondo animale, che ha suscitato l’interesse di ricercatori e navigatori per molti secoli. La caratteristica che rende questi pesci degli esemplari unici è proprio la loro capacità di sorvolare sulla superficie dell’oceano per distanze molto lunghe. In questo articolo troverete curiosità e caratteristiche dei pesci volanti.

Esistono più di 70 tipi diversi all’interno della famiglia dei pesci volanti o Exocoteidae. Questi 70 tipi sono raggruppati in nove generi, sebbene condividano tutti delle caratteristiche simili.

Gli Exocoteidae hanno una costituzione aerodinamica che consente loro di raggiungere alte velocità. Le loro grandi pinne pettorali li aiutano a scivolare sull’acqua e reindirizzare il vento.

Il volo dei pesci volanti generalmente si aggira intorno ai 50 metri. Tuttavia, sono stati registrati voli di oltre 200 metri. Alcune specie con le pinne pelviche dilatate possono spostarsi a più di 400 metri sopra l’acqua.

Nessuno dei pesci volanti misura più di 30 centimetri. Nonostante ciò, è necessario chiarire che le dimensioni dipenderanno in gran parte dalle specie di Exocoteidae.

Alcune delle più grandi specie con le pinne sono quelle che popolano le acque tropicali e subtropicali sulla costa occidentale dell’Oceano Atlantico. Le pinne di alcune specie sono lunghe quasi quanto il corpo dell’animale. Scopriamo insieme alcune curiosità e caratteristiche dei pesci volanti.

 

Exocoteidae, una meraviglia aerodinamica

In generale, i ricercatori distinguono i pesci volanti in due grandi categorie: i pesci a due ali e quelli a quattro ali. I pesci a due ali sono quelli che hanno le pinne pettorali altamente sviluppate. D’altra parte, i pesci con quattro ali hanno le pinne pettorali ma anche quelle pelviche molto sviluppate, il che consente loro una maggiore manovrabilità.

Esocetidi in mare aperto

Vale la pena chiarire che i pesci volanti in realtà non volano. Gli Exocoteidae non volano come un uccello, ma scivolano nell’aria con l’aiuto delle loro grandi pinne.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che la morfologia dei pesci volanti si sia evoluta in questo modo per sfuggire ai predatori. Infatti, se il pesce esce dall’acqua, la caccia è finita.

Alcuni dei predatori degli Exocoteidae sono il tonno e il pesce spada, anche se molti altri pesci li cacciano. Infatti, quando lascia l’acqua diventa una preda anche per gli uccelli. Ciò aumenta il rischio di essere mangiato.

Per “volare”, questi pesci devono raggiungere una velocità molto elevata in acqua. I pesci volanti possono nuotare a una velocità massima di 60 km/h. Quando raggiungono questa velocità, si dirigono verso la superficie con un angolo non troppo inclinato.

Una volta che rompono la superficie dell’acqua, i pesci volanti spiegano le ali pettorali. Allo stesso tempo, continuano a sbattere la coda per ricevere più slancio.

 

Dopo questo primo momento, un pesce volante può raggiungere un’altezza di diversi metri e scivolare sulla superficie dell’acqua. Gli Exocoteidae riescono a rimanere a lungo fuori dall’acqua grazie al movimento della pinna caudale. Questa pinna viene sbattuta da 50 a 70 volte al secondo per aumentare il volo del pesce.

Pesce con le ali in acqua

Habitat, alimentazione e riproduzione dei pesci volanti

Gli Exocoteidae vivono nelle acque poco profonde lontane dalle coste. In generale, si trovano nelle aree calde, tropicali e subtropicali, sebbene la morfologia di questi ultimi cambi leggermente.

Possono essere trovati in vari mari e oceani del mondo, ma principalmente nelle calde acque dell’Oceano Atlantico. Il Mar Mediterraneo ospita vari tipi di Exocoetidae.

La dieta dei pesci volanti consiste principalmente di plancton, un complesso di organismi viventi molto piccoli che rimangono sospesi nell’acqua. Molti altri piccoli pesci si nutrono di plancton per vivere. Oltre al plancton, gli Exocoetidae si nutrono anche di pesci più piccoli.

La riproduzione di questi pesci è ovipara. Le femmine depongono le uova nelle alghe o direttamente nell’acqua. Le uova sono tenute insieme da una specie di membrana di fili elastici. Nel mercato asiatico, le uova degli Exocoetidae sono considerate una prelibatezza e sono molto care.

 

Attualmente ci sono molti tour turistici per osservare i pesci volanti mentre volano sulle acque. Nei periodi caldi, molti turisti si recano presso le zone con le acque tropicali per osservare questo fenomeno.

Sfortunatamente, il numero di esemplari sta diminuendo considerevolmente a causa della caccia indiscriminata. In Asia, in particolare, gli Exocoetidae vengono catturati come cibo. È necessario mettere in pratica le adeguate misure di conservazione per questa specie, soprattutto in mare aperto.

Pez volador: características y curiosidades – https://www.aquariumcostadealmeria.com/peces/pez-volador/

Manuel Tantaleán V., Monogeneos de peces de las costas del Perú. I. Axine ibañezi n. sp. (Monogenea: Axinidae) parásito de un pez volador (Exocoetus volitans Linnaeus). Revista de Biología Tropical, VOL 22 NO 2 (1974). https://revistas.ucr.ac.cr/index.php/rbt/article/view/26022

David Jordan y Seth Meek (1885) A review of the American species of flying fishes (exocoetus). https://repository.si.edu/bitstream/handle/10088/12657/1/USNMP-8_483_1885.pdf