Pony: origine, caratteristiche e curiosità

Ovunque ci sia un pony, attira l’attenzione di grandi e piccini. Il suo aspetto dolce e relativamente piccolo ispira simpatia. I bambini hanno sicuramente voglia di cavalcarne uno immaginando di essere dei cavalieri esperti. Probabilmente a molti di voi ricorderà qualche bel momento passato durante l’infanzia.

È raro che le persone provino paura quando si avvicinano a un pony. Al contrario, è un animale che attrae le persone. Per la sua natura pacifica, è un buon compagno per bambini, anziani e persone disabili.

Pony si sporge dalla staccionata

Caratteristiche del pony

  • Il pony è un cavallo in miniatura. La Federazione equestre internazionale (FEI) considera solo le dimensioni come criterio per considerare il pony un tipo di cavallo. Le regole stabiliscono che qualsiasi cavallo di altezza non superiore a 1,48 metri rientra in questa categoria.
  • Ben addestrati, sono molto utili per insegnare ai bambini a cavalcare. Nonostante le loro dimensioni, sono molto forti, e possono anche essere usati per persone disabili, persino in età adulta.
  • I pony di alcune razze presentano caratteristiche tipiche del nanismo: testa grande, schiena lunga e zampe corte: sembrano cavalli nani. Ci sono pony di altre specie che assomigliano a cavalli comuni nella loro forma e mostrano dimensioni più proporzionate.
un piccolo Pony marrone corre in un recinto

Origine del pony

Le recenti ricerche hanno dimostrato che il pony è un antenato dei cavalli attuali. Tutto indica che i primi esemplari avessero proprio questa taglia “ridotta”. Grazie all’intervento dell’uomo e all’allevamento pianificato, la selezione ha innescato un sensibile e costante miglioramento della specie.

Gli esemplari più grandi cominciarono ad essere più importanti e a valere di più, essendo considerati migliori. Furono realizzati degli incroci per permettergli di raggiungere altezze maggiori. In questo modo, siamo giunti ai cavalli delle dimensioni che conosciamo oggi.

Le razze di pony più conosciute

Exmoor

È la razza di pony più antica di cui si abbiano notizie. La sua lunga presenza in Gran Bretagna ha fatto sì che questo paese venga considerato come il luogo di origine della razza.

È un animale che preferisce ambienti isolati, lontano dalle grandi città. È molto resistente, indipendente e rustico. Una volta addestrato diventa docile e affettuoso. Per via di queste qualità, è certamente un ottimo esemplare per bambini e disabili.

Nei tempi antichi l’Exmoor veniva usato come cavallo da tiro nelle fattorie. Misura 1,20 metri al garrese e si differenzia dalle altre razze per i quarti posteriori, che sono molto potenti. È un animale dal colore scuro e ha una criniera lunga e abbondante.

Asturiano

Questo pony è originario del nord della Spagna, in particolare delle Asturie. È anche lui di origine selvaggia. C’è stato un tempo in cui la razza era in pericolo di estinzione, ma poi sono state implementate misure di conservazione che hanno salvato la specie.

Il suo buon carattere e la sua docilità lo rendono adatto all’equitazione, specialmente per il passo. È anche efficace nel tiro leggero. Quando viene allevato e addestrato bene, è una buona opzione per partecipare alle competizioni.

L’Asturiano è forte e pieno di energie. Il suo aspetto generale è ben proporzionato. È un animale grande, che raggiunge l’altezza massima per questo tipo di piccoli cavalli.

Gallese

Il pony gallese è stato utilizzato per creare altre razze. Da esso discendono l’Hackney, l’Hackm, il pony delle Americhe e il pony da polo. Hanno tutti lo stesso bagaglio genetico.

In natura vivono sulle montagne e sono i più grandi della specie. Grazie al loro aspetto proporzionato ed elegante, sono solitamente adatti per mostre di bellezza e competizioni.

È un pony antico, uno degli animali più versatili che l’uomo abbia mai usato. Per la sua forza, coraggio, intelligenza e docilità, è la razza ideale da cavalcare.

Shetland

Proviene dal nord della Scozia ed è una razza molto robusta e forte, abituata alle fatiche del suo luogo di origine. La sua forza lo ha reso adatto per il lavoro agricolo in cui veniva impiegato assiduamente. Oggi, di solito è usato per lezioni di equitazione ai bambini.

Ha una criniera lunga e folta e un manto doppio che lo protegge dal freddo. È la protezione naturale contro le basse temperature delle isole Shetland e gli permette di resistere alle intemperie.

Nel XVII secolo i pony erano gli animali domestici preferiti dai piccoli rampolli della nobiltà. Un simbolo di lusso ed esclusività che perdura ancora ai giorni nostri.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche