Qual è il cucciolo ideale per un bambino?

14 marzo 2018

Avere un animale da compagnia in casa presenta indubbiamente molti vantaggi. Soprattutto per i più piccoli, perché li aiuta a sviluppare aspetti della personalità e a stringere legami affettivi forti. Come è normale che sia, quando arriva il momento di decidere qual è il cucciolo migliore, la scelta è molto difficile. Per questo motivo abbiamo preparato una lista per aiutarvi a scegliere il cucciolo migliore per i vostri figli.

Fare il passo: prendere un cucciolo per vostro figlio

Che siano gli adulti a desiderarne uno o i piccoli di casa a richiederlo, può capitare di dover affrontare il dilemma sul portare o meno un cucciolo a casa. E, soprattutto, saper scegliere quello ideale per un bambino.

Bisogna essere consapevoli del fatto che ogni realtà è differente, e che per ogni caso può esserci un animale più adatto di altri. Bisogna anche sapere che la scelta di prendere un animale comporta responsabilità in termini di tempo, denaro e affetto.

Per cui, prima di prendere questa decisione, tenete conto di come la scelta di un animale domestico debba essere condivisa da tutti i membri della famiglia, dato che si tratta di un cambiamento che coinvolgerà ogni individuo di questa per molti anni.

cane-e-bambino

In cerca del cucciolo ideale per un bambino

Il cane

Generalmente, la prima scelta è il cane.

Questo animale è ideale per i bambini attivi, che vogliono interagire e sono affettuosi. Interagendo con un cane, saranno in grado fin da subito di stringere un legame fortissimo oltre che di affetto illimitato verso l’animale.

Il vantaggio nello scegliere questo animale sta nell’aiuto che porta a livello di sviluppo dell’empatia, della socievolezza e dell’autostima del bambino, oltre che nel far mantenere al piccolo un ottimo livello di attività fisica.

Il bambino, una volta cresciuto, entrerà a pieno titolo nelle responsabilità familiari verso il cane. All’inizio è inevitabile che siano gli adulti a doversi sobbarcare queste responsabilità, ma con il tempo, il bambino potrà ereditarne alcune.

Le migliori razze per i bambini sono il Labrador e il Golden Retriever. Se il bambino è piccolo, sono preferibili i cani grandi.

Il gatto

Una buona idea è quella di prendere un animale col quale il bambino possa interagire, che sia premuroso ma allo stesso tempo indipendente. È questo l’identikit di cucciolo ideale per un bambino; affettuoso e giocherellone, ma che richieda dello spazio personale.

Uno dei vantaggi dell’avere un gatto, rispetto ad un cane, sta proprio nel fatto che il primo è in grado di curare da solo la propria igiene personale.

Tuttavia, bisogna fare attenzione alla possibile comparsa di allergie se il gatto fa il suo ingresso in casa quando il bambino è già grandicello.

Il pappagallo

È il terzo animale più ricercato, subito dopo il cane e il gatto. Non richiede grandi cure né attenzioni. Con il tempo è inoltre in grado di integrarsi perfettamente nella vita familiare, anche a livello di interazione.

Il pappagallo è ideale per bambini osservatori, curiosi ma tranquilli. Sotto la supervisione di un adulto, il piccolo può farsi carico di alcune responsabilità verso il pappagallo, diventandone grande amico.

Porcellino d’india

Una validissima opzione se si hanno dei bambini molto piccoli. Ma anche per i bambini più grandi, se si tratta della loro prima esperienza con un animale. Il porcellino d’India è un animale notoriamente attivo, curioso e, una volta acquistata confidenza, in grado di interagire.

Tra i vantaggi, si trovano lo scarso spazio occupato e il fatto che questi animali trascorrono la maggior parte del tempo nella loro gabbia senza aver bisogno di cure particolari.

Bisogna fare attenzione alla loro igiene ed alimentazione, visto che sono di natura propensi al sovrappeso.

Coniglio

Si tratta di un animale ideale per un bambino anche grandicello. Fate sempre attenzione a come lo trattate, perché il coniglio è un animale molto delicato. La sua indole, una volta presa confidenza, è affettuosa, ma ci vuole tempo.

Il vantaggio dell’avere un coniglio è che non occupa troppo spazio, anche se ha bisogno ogni tanto di passare dei momenti fuori dalla gabbia.

bambino-con-conigli

Il coniglio è di natura diffidente all’inizio, perciò il bambino dovrà essere bravo a modellare la sua personalità quando interagisce con l’animale.

Consigli quando arriva il momento di scegliere

Per concludere, ecco alcuni appunti di cui tener conto:

  • Scegliere tenendo conto dell’età del bambino: se è molto piccolo e si tratta del suo primo animale domestico, è consigliabile cominciare con un pappagallo, attraverso il quale insegnare al bambino come ci si prende cura di un animale.
  • Sviluppo psicomotorio: fino a quando il bambino non ha sviluppato a pieno la sua coordinazione, è meglio non portare a casa animali troppo piccoli e delicati, perché nell’interagire con loro, il bambino potrebbe fargli male.
  • In qualunque caso, il cane è sempre un compagno di giochi ideale. Fate solo attenzione all’età del bambino e al suo temperamento e decidete in base a questo. Informarsi sulle caratteristiche delle differenti razze, è una buona precauzione.

Fonte dell’immagine principale: Lindsey Price

Guarda anche