Ragno vespa: habitat e caratteristiche

Le femmine di questa specie si nutrono solitamente dei maschi che cercano di fecondarle, il che significa che il successo riproduttivo dei loro corteggiatori è molto basso. Scoprite di più in questo articolo.
Ragno vespa: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 20 agosto, 2021

Il ragno vespa è un aracnide che si caratterizza per i suoi colori sotto forma di strisce. Inoltre, sebbene le sue dimensioni lo classifichino tra i più grandi veri ragni esistenti, il veleno che produce non rappresenta un rischio per la salute. Questi invertebrati sono spesso eccellenti costruttori, poiché le loro ragnatele presentano “decorazioni” di specie distintive.

Il nome scientifico di questo ragno è Argiope bruennichi e appartiene alla famiglia degli Araneidae, un gruppo di ragni che tessono tele in modo orbitale. Scoprite di più su questo organismo colorato nelle righe seguenti.

Habitat del ragno tigre

Questo ragno è distribuito in tutta la regione paleartica, che comprende parti dell’Europa, dell’Africa, dell’Asia settentrionale e della Russia. Il ragno vespa è stato originariamente trovato solo nell’Europa meridionale. Tuttavia, per ragioni sconosciute è stato in grado di adattarsi a nuovi climi e ambienti. Una delle ipotesi più accreditate è che questo invertebrato si sia ibridato, facendo aumentare il suo successo in natura.

Il suo habitat è costituito da praterie con poca vegetazione: sebbene utilizzi alcune piante per formare le sue ragnatele, le sue dimensioni possono danneggiarle. Infatti, in un articolo pubblicato dalla rivista scientifica Basic and Applied Ecology, si è riscontrato che questo organismo era strettamente associato alla presenza di malvarosa. Queste piante erbacee sembrano attirare le prede, rendendo loro la vita più facile.

Un ragno tigre su uno sfondo bianco.

Caratteristiche del ragno vespa

Questi ragni fanno parte dei più grandi aracnidi esistenti, raggiungendo i 15 millimetri di lunghezza. I loro corpi sono divisi in due zone: un’area superiore o prosoma e un addome o opistosoma. Questa segmentazione del corpo è tipica del gruppo degli aracnidi in generale.

Il prosoma è la regione che contiene gli occhi, la bocca e le 6 paia di appendici: un paio di cheliceri, un paio di pedipalpi e 4 paia di zampe motorie. L’addome invece è costituito principalmente dagli organi riproduttivi e dalle ghiandole da cui fuoriescono le ragnatele.

I colori più rappresentativi sono esibiti dalla femmina, poiché ha un addome con disegni che alternano linee scure, bianche e gialle. Inoltre, i suoi arti sembrano formare una sorta di “X”, con due coppie rivolte in avanti e due indietro, esibendo bande o anelli lungo ciascuna gamba.

Questo modello di colorazione è simile a quello delle tigri o delle api, da cui il nome comune della specie.

I maschi invece sono meno vistosi e più piccoli, lunghi appena 5 millimetri. Presentano colorazioni abbastanza opache e all’unisono, appena percettibili all’occhio umano.

Comportamento del ragno vespa

I ragni vespa sono notturni, e a quel punto sono in grado di tessere la loro ragnatela in un’ora. La rete che formano è di tipo orbitale, decorata con piccole forme a zig zag proprio nel mezzo, qualcosa noto come stabilizzazione. Quest’ultimo sembra essere un avvertimento per uccelli e animali più grandi, poiché serve a evitare la ragnatela e a non distruggerla.

Quando questo predatore rileva o “sente” che una preda è caduta, si muove rapidamente per immobilizzarla in un involucro di seta, usando il suo morso paralizzante. Il modo in cui questi ragni si nutrono è semplice: iniettano una tossina paralizzante o un veleno che, insieme agli enzimi digestivi, disintegra la vittima.

Anche se sembra strano, i maschi tendono a vivere all’ombra della femmina, quindi costruiscono le loro ragnatele proprio accanto a loro. Questo li aiuta a proteggersi, oltre ad aspettare il momento giusto per potersi accoppiare. In effetti, la femmina è troppo aggressiva, quindi questa tattica può costargli la vita. Visto in un altro modo, è un’arma a doppio taglio.

Morso di ragno vespa

Questo invertebrato non è di importanza medica, il che significa che il suo veleno non è letale per l’uomo. Infatti, nonostante il suo aspetto, il massimo che può causare è una grave irritazione o infiammazione, con un lieve dolore. La maggior parte dei ragni attaccherà solo per difesa o quando sono con i loro piccoli. Ciò significa che se non vengono disturbati, non dovrebbero esserci rischi.

Il modo per affrontare un morso di questa specie è pulire la ferita e usare impacchi freddi per ridurre l’infiammazione. Sebbene la maggior parte dei casi non richieda assistenza medica, esiste la possibilità di una reazione allergica o di un’infezione secondaria che può compromettere la salute.

Il dolore di solito scompare in meno di un giorno, quindi se il disagio persiste, cercate l’attenzione di un professionista.

Alimentazione

Questo ragno compone la sua dieta di vari invertebrati, come ortotteri, api, vespe o ditteri. Poiché la maggior parte delle loro prede sono costituite da impollinatori, la vegetazione nel loro ambiente gioca un ruolo importante. Inoltre, utilizza un processo di digestione esterno, con il quale liquefa la sua vittima e poi la sorseggia come se fosse una bevanda.

Riproduzione del ragno vespa

Per accoppiarsi, il maschio attraversa un’odissea, poiché è in gioco la sua vita. Questo processo avviene subito dopo la muta dell’esoscheletro femminile, poiché in quel momento i suoi cheliceri o zanne non sono induriti. In questo modo, il suo corteggiatore può avvicinarsi abbastanza da accoppiarsi e finire per fecondare la femmina.

Inoltre, poiché la femmina può accoppiarsi con più di un maschio, quest’ultimo ha un asso nella manica per evitarlo. Durante il rapporto, i suoi genitali hanno un rigonfiamento che può rompersi per assumere la funzione di una spina. Grazie a questo, è garantito che sarà l’unico padre dei 200 o 300 ovuli che la neomamma depone.

Stato di conversazione attuale

Fortunatamente, questa specie non rientra in nessuna categoria di rischio. Al contrario, è probabile che possa essere considerato un organismo invasivo, poiché ha colonizzato molti ambienti diversi in un intervallo di tempo relativamente breve.

Nonostante ciò, il suo ruolo all’interno della natura è importante, in quanto regola le popolazioni di molte specie di invertebrati. Inoltre, anche se è vero che è un piccolo animale, è comunque una parte essenziale dell’equilibrio dell’ecosistema: gli aracnidi sono eccellenti biocontrollori dei parassiti degli insetti, quindi se ne vedete uno, non uccidetelo!

Potrebbe interessarti ...
3 tecniche per cacciare usate dai ragni
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
3 tecniche per cacciare usate dai ragni

I ragni usano tecniche per cacciare, tra cui ovviamente la ragnatela. Ma i ragni-granchio sono talmente veloci che non ne hanno bisogno.



  • Uhl, G., Nessler, S. H., & Schneider, J. (2007). Copulatory mechanism in a sexually cannibalistic spider with genital mutilation (Araneae: Araneidae: Argiope bruennichi). Zoology110(5), 398-408.
  • Schneider, J. M., Fromhage, L., & Uhl, G. (2005). Extremely short copulations do not affect hatching success in Argiope bruennichi (Araneae, Araneidae). The Journal of Arachnology33(3), 663-669.
  • Krehenwinkel, H., Rödder, D., & Tautz, D. (2015). Eco‐genomic analysis of the poleward range expansion of the wasp spider A rgiope bruennichi shows rapid adaptation and genomic admixture. Global Change Biology21(12), 4320-4332.
  • Cory, A. L., & Schneider, J. M. (2018). Effects of social information on life history and mating tactics of males in the orb‐web spider Argiope bruennichi. Ecology and Evolution8(1), 344-355.
  • Bruggisser, O. T., Sandau, N., Blandenier, G., Fabian, Y., Kehrli, P., Aebi, A., … & Bersier, L. F. (2012). Direct and indirect bottom-up and top-down forces shape the abundance of the orb-web spider Argiope bruennichi. Basic and Applied Ecology13(8), 706-714.
  • Fusto, G., Bennardo, L., Duca, E. D., Mazzuca, D., Tamburi, F., Patruno, C., & Nisticò, S. P. (2020). Spider bites of medical significance in the Mediterranean area: misdiagnosis, clinical features and management. Journal of Venomous Animals and Toxins including Tropical Diseases26.