Scopriamo insieme le caratteristiche degli acari

30 Ottobre 2019
Gli acari sono artropodi, parenti stretti di ragni e scorpioni; hanno colonizzato quasi tutti gli habitat terrestri, comprese le nostre case.

Gli acari spesso vengono associati alle pulci, per vari motivi. In primo luogo, a causa delle loro piccole dimensioni, a volte microscopiche; inoltre perché vivono in gruppi e possono infestare le nostre case ma anche colpire gli animali domestici. Scopriamo insieme le caratteristiche degli acari.

Come vedremo in questo articolo, molti tipi di acari non mordono o danneggiano l’uomo. Continuate a leggere e scopriamo insieme le caratteristiche degli acari.

Cosa sono gli acari?

Contrariamente alla credenza popolare, gli acari non sono insetti, ma artropodi. Fanno parte della sottoclasse Acarina e sono cugini stretti di zecche, ragni, scorpioni e altri aracnidi. Questi piccoli insetti hanno colonizzato quasi tutti gli habitat terrestri, nonché acque di fiumi e mari. Sono presenti anche in habitat estremi, come nelle regioni polari, nei deserti e ad altitudini elevate.

È sorprendente constatare che gli acari sono stati trovati ovunque sia stata esplorata la loro esistenza, persino negli abissi più profondi e nelle sorgenti calde.

Come si può presumere, questo altissimo grado di diversità dell’habitat corrisponde all’ampia variabilità della loro morfologia e delle loro abitudini alimentari.

Gli acari fanno parte della sottoclasse Acarina
La classificazione degli Acarina

La tassonomia degli acari è piuttosto complessa e non ancora del tutto chiara. Gli acari sono considerati una sottoclasse, che può essere divisa in tre ordini:

  • Gli acariformi sono il sottordine più numeroso degli acari.
  • Gli opilioacariformi sono il gruppo più piccolo.
  • I parassitiformi formano un ordine di acari parassiti. Gli animali che possono ospitare questi parassiti sono uccelli, mammiferi, anfibi e rettili.

La maggior parte degli acari si nutrono di altri insetti o piante e animali morti in decomposizione. Gli acari della polvere, ad esempio, si nutrono principalmente di cellule morte della pelle.

Solo poche specie di acari sono parassite negli uccelli o nei mammiferi. Tuttavia, possono occasionalmente diventare parassiti che infestano le case.

Scopriamo insieme le caratteristiche degli acari

È importante sapere che sono state descritte più di 48.000 specie di acari. In questo universo, circa 65 specie compongono il genere Demodex e vivono sugli umani.

Si tratta degli acari appartenenti alla specie D. folliculorum e D. brevis. Queste due specie vivono esclusivamente nell’uomo. Altri acari Demodex hanno preferenze specifiche simili: D. canis, ad esempio, è un amante dei cani, ma una sovrabbondanza di D. canis può innescare una condizione potenzialmente letale chiamata rogna demodettica o demodicosi.

Gli acari Demodex che vivono negli esseri umani sono stati trovati in tutti i gruppi etnici, dai caucasici agli indigeni, compresi gli eschimesi. Pertanto, vengono considerati i normali acari microbiota della nostra pelle. La sovrabbondanza è stata associata alla manifestazione clinica della rosacea.

Demodex folliculorum
Riproduzione degli acari

La riproduzione degli acari è sessuale: avviene tra soggetti maschili e femminili. Dopo l’accoppiamento, le uova già fecondate vengono rilasciate. Va notato che la sottoclasse Acarina può depositare più di 300 uova in una sola deposizione.

Il ciclo di vita dell’Acarina è molto breve: i cambiamenti necessari per diventare un adulto di solito impiegano dai 15 ai 20 giorni e la vita di un adulto è in media di circa 25 giorni.

Acari rossi su legno
Caratteristiche degli acari: aspetti negativi

Dal punto di vista veterinario-sanitario, i danni causati dagli acari possono essere di tre tipi:

  • Sono la causa di danni diretti. Gli acari parassiti possono causare varie lesioni alla pelle poiché si nutrono di sangue o linfa. Allo stesso modo, la loro saliva tossica può causare malattie. Nell’uomo, queste ferite sono state associate a malattie della pelle come scabbia, acne, rosacea e blefarite (infiammazione delle palpebre).
  • Sono vettori di malattie. Anche se raramente, gli acari possono contribuire alla diffusione di malattie. Tra gli organismi che possono trasmettere ci sono: nematodi, protozoi (che causano la piroplasmosi), treponemi (che causano febbre ricorrente), batteri (che producono tularemia, ad esempio), rickettsia (febbre Q, tsutsugamushi o febbre da infestanti, febbre delle Montagne Rocciose …), virus (che causano vari tipi di encefalite), ecc.
  • Sono la causa di malattie allergiche. Specialmente gli acari della polvere, che possono causare asma bronchiale. La malattia è indotta dalla presenza nell’ambiente di allergeni presenti nei resti di mute o feci, che causano la reazione allergica nel corpo.

Aspetti positivi degli acari

Tuttavia, gli acari contribuiscono in modo positivo ad alcuni processi. Scopriamo insieme le caratteristiche degli acari:

  • Sono importanti per il ciclo dei nutrienti del terreno. Sono molto abbondanti nei terreni e contribuiscono notevolmente alla scomposizione della materia vegetale. Il loro ruolo è fondamentale nel riciclaggio delle sostanze del sottosuolo.
  • Possono essere usati come bioindicatori. Poiché hanno una stretta connessione con il terreno che abitano e hanno una mobilità relativamente bassa, sono stati usati numerose volte per conoscere le condizioni del sottosuolo.
  • Possono essere disinfestatori. Gli acari possono essere utilizzati come controller biologico di vari organismi nocivi, poiché sfruttano quelli che si nutrono di piccoli insetti ed altri acari. Fino ad ora, sono stati utilizzati per controllare i parassiti agricoli ed è possibile acquistarli per questo scopo. Inoltre, possono essere utilizzati per il controllo naturale delle popolazioni di insetti.
  • Patiño, L. A., & Morales, C. A. (2013). Microbiota de la piel: el ecosistema cutáneo. Revista de la Asociación Colombiana de Dermatología y Cirugía Dermatológica, 21(2), 147-158.
  • Evans, G. O. (1992). Principles of acarology. Wallingford, Oxon, UK: CAB International.
  • Díaz, R. M. D., Vidaurrázaga, C., & de Arcaya, D. (2003). Historia del ácaro de la sarna. Piel, 18(9), 471-473.