5 segnali di ictus nel cane

Le conseguenze di un ictus nei cani possono essere lievi, come ad esempio mancanza di coordinazione o perdita dell'equilibrio. Tuttavia, è possibile che il danno cerebrale sia tanto grave da provocare la morte dell'animale.
5 segnali di ictus nel cane

Ultimo aggiornamento: 09 luglio, 2022

Nel cervello è presente un gran numero di vasi sanguigni che si occupano della fornitura di ossigeno e sostanze nutritive necessarie al suo funzionamento. Questi condotti in genere sono piccoli e sottili, quindi in determinate condizioni l’afflusso di sangue può essere ostacolato o causare emorragie. Questo tipo di condizione viene chiamata ictus o ischemia cerebrale e può colpire sia i cani che gli esseri umani.

L’apporto di ossigeno e sostanze nutritive è fondamentale per il cervello, quindi un’interruzione improvvisa anche di pochi minuti può causare seri problemi. Per questo motivo, è importante imparare a identificare i segnali di ictus nel vostro cane. Continuate a leggere questo articolo e scoprite di più sull’argomento.

Cos’è un ictus?

Colloquialmente e in termini medici, qualsiasi problema di ostruzione o emorragia causato da un incidente cerebrovascolare viene denominato ictus.

L’ictus si riferisce a una lesione vascolare nel cervello, ma questa complicanza può avere origini diverse. Pertanto, di solito è suddiviso in almeno 2 tipi:

  • Ictus ischemico: noto anche come infarto cerebrale. È causato da un’improvvisa interruzione del flusso dei vasi sanguigni al cervello, causando la morte dei neuroni e dei tessuti vicini.
  • Ictus emorragico: è causato dalla rottura di un vaso sanguigno nel cervello, che porta alla fuoriuscita del sangue che genera pressione sul tessuto. Questo provoca danni alla massa del cervello e alle funzioni cognitive. E’ il tipo di ictus che viene denominato “emorragia cerebrale”.

La gravità dell’ictus dipende da dove si verifica. Se le conseguenze sono minime o parziali, i pazienti sono in grado di recuperare le funzioni cerebrali compromesse. Tuttavia, se la massa cerebrale danneggiata è di dimensioni significative, è probabile che le sequele siano gravi e permanenti.

Un Cavalier King accucciato.

Quali sono le cause dell’ictus nei cani?

In generale, l’ictus nei cani può essere causato da diverse condizioni e malattie secondarie. Tra le più frequenti ci sono:

  • Neoplasie (cancro): il processo di metastasi può portare alla formazione di un embolo (ostruzione) nel flusso sanguigno che può portare a un ictus.
  • Parassitosi: alcuni parassiti viaggiano attraverso il sangue per raggiungere le cellule bersaglio. Pertanto, possono causare blocchi nei vasi sanguigni del cervello e provocare un ictus ischemico.
  • Coaguli di sangue (in seguito a interventi chirurgici): esiste una piccola possibilità che si formino coaguli di sangue dopo un intervento chirurgico. Nel peggiore dei casi, questo blocco potrebbe raggiungere il cervello e provocare un ictus.
  • Malattia di von Willebranduna malattia congenita che provoca problemi nel processo di coagulazione, portando a un’emorragia nel cervello (ictus).
  • Endocardite infettiva: un’infezione nel cuore che può provocare il rilascio di frammenti di tessuto che bloccano i vasi sanguigni nel cervello.
  • Ipertensione arteriosa: la pressione alta rende più probabile il verificarsi di ictus.

Conseguenze dell’ictus nei cani

Come potete immaginare, con l’interruzione del flusso di sangue al cervello, i neuroni non riescono a ottenere le risorse di cui hanno bisogno per poter funzionare e sopravvivere. Pertanto, inizieranno a morire dopo pochi minuti. Di conseguenza, il cane potrebbe perdere capacità cognitive o motorie in modo permanente o temporaneo.

Il danno che l’ictus può provocare al vostro animale domestico dipende anche dal tempo che si impiega prima di trattarlo. La morte dei neuroni viene interrotta solo se l’emorragia viene fermata o l’ostruzione viene rimossa. Per questo motivo, è necessario agire immediatamente per evitare che gli effetti si aggravino.

Sì, i cani avvertono la morte dei loro cari.

Segnali per identificare l’ictus nei cani

I sintomi di un cane che ha avuto un ictus compaiono senza preavviso e sono abbastanza evidenti. Se l’animale ha un ictus ischemico, i sintomi saranno evidenti immediatamente. Se invece il problema è un ictus emorragico, l’emorragia potrebbe impiegare del tempo prima di provocare una pressione tale da compromettere la salute del cane, ritardando così il manifestarsi dei primi segni.

Per assistere il cane in tempo, è necessario imparare a identificare i segnali che indicano che il cane potrebbe aver avuto un ictus. In generale, la prognosi dell’animale migliora se viene rilevato e trattato precocemente. Tra i segnali più evidenti troviamo i seguenti.

1. Paralisi

Poiché viene interrotta la normale funzione del cervello, alcune semplici azioni come muovere gli arti o alcune parti del corpo diventano impossibili. Potrete notarlo subito in quanto risulterà evidente la difficoltà dell’animale a muoversi, stare in piedi o sdraiarsi.

2. Movimenti oculari anomali

I movimenti oculari volontari sono controllati da speciali zone del cervello. Quando una di queste zone viene colpita da un ictus, i cani possono iniziare a manifestare movimenti incontrollati, alterazioni pupillari e disorientamento.

3. Perdita di coordinazione

I movimenti coordinati sono possibili solo grazie alla complessa funzione di varie aree del cervello. Se una di queste non funziona correttamente, l’animale potrebbe perdere la capacità di controllare i movimenti e coordinarli tra loro. Questo non solo impedisce il movimento, ma anche la capacità di interagire con il proprio ambiente.

4. Convulsioni

Le convulsioni sono il risultato di una serie di stimoli anormali ai neuroni che controllano i muscoli. Pertanto, si generano movimenti incontrollabili che paralizzano l’animale e ne compromettono le azioni. Anche l’ictus può provocare questi problemi, sebbene dipenda dall’area del cervello interessata.

5. Debolezza muscolare

Così come i neuroni possono sovraeccitarsi e causare convulsioni, è possibile che accada il contrario e non siano in grado di inviare segnali ai muscoli. Per questo motivo, i cani perdono il tono muscolare e diventano tanto deboli da non potersi muovere.

Come potete vedere, i segni di ictus nel vostro cane in genere sono abbastanza evidenti e facili da individuare. Non appena rilevate uno di questi segni o un qualsiasi cambiamento nel comportamento del vostro animale domestico, portatelo immediatamente dal veterinario. Ricordate che prima lo farete, migliore sarà la prognosi per il vostro compagno di vita.

Potrebbe interessarti ...
Trombofilia nei cani: cos’è e a cosa è dovuta?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Trombofilia nei cani: cos’è e a cosa è dovuta?

La trombofilia è una malattia che impedisce al sangue di coagulare correttamente e che si manifesta attraverso la formazione di trombi.



  • Guillén Crusells, M., & Gascón Pérez, F. M. Relación del accidente cerebrovascular con arritmias cardíacas en perros y gatos. (Trabajo de Grado, Universidad de Zaragoza).
  • Hernández, A., Serra-Gómez de la Serna, B. & Cava, P. (2015). Alteraciones vasculares del sistema nervioso. Consulta Difus Vet, 1-6.
  • Wessmann, A., Chandler, K., & Garosi, L. (2009). Ischaemic and haemorrhagic stroke in the dog. The Veterinary Journal, 180(3), 290-303.
  • Raurell, X., Centellas, C., & Zamora, A. (2007). Enfermedad vascular cerebral: 9 casos clínicos. Clínica veterinaria de pequeños animales, 27(1), 0027-35.
  • Font Utset, A., Closa, J. M., Mascort Boixeda, J., & Durall Rivas, I. (1987). Enfermedad de Von Willebrand en el perro: un caso clínico. Clínica veterinaria de pequeños animales, 7(1), 0039-42.