Senza api non c’è vita: la delicata situazione dell’ecosistema

· 24 settembre 2018
Questi insetti sociali dal corpo piccolo, di colore giallo e nero, che viaggiano instancabilmente da un fiore all'altro, sono responsabili dell'impollinazione di fiori e piante e della produzione di cibo per altri esseri viventi.

Molte volte l’uomo non si rende conto dell’importanza che gli animali hanno per il pianeta. E anche per la nostra sopravvivenza. Anche se non ci credete, senza api è molto difficile che il nostro ecosistema possa sopravvivere. Questi piccoli insetti, che a volte temiamo per via del loro pungiglione, svolgono un ruolo vitale per l’ecologia. Senza api non c’è vita. Approfondiamo a seguire

La ‘missione’ delle api

Ci sono migliaia di specie animali nel mondo, di dimensioni maggiori o minori e con abitudini diverse. Tuttavia, chi permette alla vita di andare avanti, sono proprio le api. Sì, state leggendo bene. Questi insetti sociali dal corpo piccolo, di colore giallo e nero, che viaggiano instancabilmente da un fiore all’altro, sono responsabili dell’impollinazione di fiori e piante e della produzione di cibo per altri esseri viventi.

La biodiversità mondiale dipende dalle api grazie a un processo noto come “dipendenza simbiotica”. Fondamentalmente, questa relazione inizia quando l’insetto usa polline e nettare per nutrirsi e produrre miele, mentre trasferisce i semi da una pianta all’altra.

Il processo di impollinazione incrociata tra piante richiede, per forza di cosa, l’intervento di un essere vivente per il trasporto delle informazioni genetiche, necessarie per continuare la specie. Le api non solo aiutano a far crescere la flora selvaggia, ma anche la maggior parte delle piante da frutta e delle verdure che l’uomo consuma quotidianamente.

Quindi, senza api, l’attività agricola potrebbe scomparire e, di conseguenza, morirebbero milioni di persone e animali. La natura è molto saggia e anche la catena alimentare ha un suo equilibrio vitale. L’impollinazione crea piante che vengono consumate dagli erbivori, che sono le prede dei carnivori. Se la prima parte di questa equazione scompare, anche il resto è destinato al medesimo epilogo.

Impollinazione ape fiori

Perché le api stanno scomparendo?

Le popolazioni di questo insetto sono diminuite del 25% negli ultimi 30 anni e ciò è dovuto a motivi diversi, tutti causati – purtroppo – dall’uomo. Per cominciare, la pratica dell’agricoltura industrializzata, che utilizza erbicidi e pesticidi, e che si traduce nella perdita di habitat naturale di flora e fauna.

In secondo luogo, a causa dell’inquinamento ambientale che non consente alle api di sopravvivere in certi ambienti afflitti da smog e metalli pesanti nell’aria. I cambiamenti climatici e le maggiori piogge, la siccità o le alte temperature sono mortali per questi esseri viventi. Ovviamente influenzano anche la qualità e la quantità del nettare che raccolgono.

Come se ciò non bastasse, alcuni paesi stanno usando delle api robot per portare a termine l’impollinazione, dal momento che sembrano essere più efficienti di quelle reale.

E, naturalmente, non possiamo ignorare il fatto che molte persone temono di essere punte e, non appena vedono un’ape che vola nelle vicinanze, cospargono di insetticida tutta la casa. Le persone dovrebbero ricordare che le api non attaccano mai, a meno che non si sentano minacciate.

Pertanto, il fatto di passare a pochi metri di distanza non significa che vogliano attaccarvi con il loro pungiglione (che causerebbe anche la morte dell’insetto). Questa tecnica di difesa è usata solo in casi estremi. Per esempio, quando l’alveare è in pericolo.

Alcune api intorno a un secchio trasparente

Come evitare la scomparsa delle api?

Ora che sapete che senza le api la vita naturale sarebbe quasi impossibile, è tempo di agire. Come spesso si dice, per poter cambiare il mondo, bisogna prima cambiare noi stessi. E allora: cosa potete fare per limitare la scomparsa delle api? Vediamolo assieme:

  • Allestite un prato di fiori colorati sul terrazzo o nel giardino, in modo da attrarre e permettere alle api di raccogliere il polline (non preoccupatevi, non vi pungeranno se siete nei paraggi).
  • Consumate prodotti a chilometro zero, biologici e stagionali, per ridurre l’agricoltura industrializzata, che usa pesticidi (e danneggia la salute).
  • Acquistate miele e derivati ​​– pappa reale, polline, propoli – da produttori biologici.
  • Non uccidete le api quando le vedete ronzare vicino. Semplicemente permette loro di seguire il loro volo senza disturbarle.

Se le api scompariranno e, con loro la nostra biodiversità, il modello della civiltà umana a cui siamo abituati collasserà su sé stesso. La quantità di esseri viventi potrebbe essere ridotta drasticamente e coloro che sopravvivono non potrebbero più consumare cibi naturali, ma solamente quelli preparati in fabbrica o in laboratorio. Senza api non c’è vita.