Sfinge del galio: habitat e caratteristiche

La sfinge del galio è un insetto lepidottero che, per la sua conformazione corporea, può essere scambiato per un piccolo uccello.
Sfinge del galio: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 15 agosto, 2021

Se vivete da qualche parte in Eurasia, potreste essere rimasti confusi vedendo qualcosa di simile a un colibrì che vola in mezzo a un campo secco o nell’ambiente urbano. È impossibile trovare uno di questi uccelli nell’ambiente mediterraneo, in quanto sono eminentemente Neotropicali: la cosa più vicina a questo uccello che abbiamo in queste zone è la sfinge del galio, un lepidottero che si distingue per il suo particolare aspetto.

La sfinge del galio (Macroglossum stellatarum) attira l’attenzione per il suo piano corporeo, visto da lontano potrebbe assomigliare ad un uccellino che svolazza tra i fiori. Se volete sapere tutto su questo bellissimo lepidottero, vi invitiamo a continuare a leggere.

Habitat della sfinge del galio

La sfinge del galio ha un areale di distribuzione molto ampio, poiché si può trovare dal Portogallo al Giappone, comprendendo tutta l’Europa meridionale, l’Africa settentrionale, l’Asia centrale, l’India e l’Indocina. È una specie molto presente nella penisola iberica, che compare in aree urbane, città e paesaggi mediterranei.

Questo lepidottero si distingue per le sue capacità di volo ed è disperso in molte zone durante l’estate. In ogni caso non sopravvive bene in luoghi con basse temperature, poiché essendo ectotermico necessita del calore ambientale per svolgere le sue funzioni metaboliche. Pertanto, la sua distribuzione è limitata alle alte quote e latitudini nord del continente eurasiatico.

I lepidotteri americani del genere Hemaris sono conosciuti anche come “colibrì”, ma non appartengono allo stesso gruppo della specie che qui ci interessa.

Una farfalla colibrì volante.

Caratteristiche fisiche

La sfinge del galio è un lepidottero ditrisiano, compreso nel gruppo delle farfalle sia diurne che notturne. Inoltre, appartiene alla famiglia degli Sphingidae, che conta circa 1.450 specie di sfingi in circa 200 generi diversi. Tutte queste farfalle mostrano alcune caratteristiche fisiche comuni.

Nello specifico, la specie Macroglossum stellatarum ha un’apertura alare da 4 a 4,5 centimetri e presenta un corpo robusto e grassoccio. La testa porta antenne leggermente spesse (sono ricurve all’estremità e hanno un minuscolo uncino) e ne evidenzia anche lo spirito, un dispositivo di suzione formato da lunghe mascelle che si snodano a spirale.

Al di là della sua testa, va notato che l’addome è bianco e nero sui lati e presenta sete finali a forma di coda di uccello. Questo, insieme alla disposizione delle sue ali arancioni e al suo spirito, gli conferiscono un aspetto simile a un colibrì. La somiglianza potrebbe essere dovuta a un fenomeno di convergenza evolutiva, poiché entrambi gli animali hanno abitudini simili.

Questa specie ha 3 paia di zampe e un corpo e ali ricoperti da squame e peli.

Comportamento della sfinge del galio

Questa specie è migratrice, ma generalmente non sopravvive all’inverno nelle regioni fredde in cui è distribuita. In ogni caso, come indicano portali specializzati, è l’unica sfinge europea in grado di superare con successo la stagione invernale, soprattutto se vive in regioni temperate con temperature miti.

È un lepidottero diurno che si sposta alacremente di fiore in fiore (soprattutto quando il sole è al suo culmine), emettendo un caratteristico ronzio con il battito delle sue ali. Sono farfalle comuni in giardini, parchi, arbusti e aree di transizione tra foreste e praterie. È un esemplare onnipresente, poiché si adatta sia agli ambienti secchi che a quelli irrigui.

Grazie alle sue antenne, la sfinge del galio è un ottimo volatore. Queste strutture consentono di rilevare alla perfezione la rotazione durante la manovra nei diversi assi spaziali.

Una visione insolita

Sebbene possa sembrare sorprendente, gli studi hanno dimostrato che questa specie è in grado di vedere a colori. La sfinge del galio  ha un sistema visivo tricromatico (3 diversi tipi di coni oculari) che le permettono di distinguere perfettamente le tonalità dei fiori per potersi cibare del loro nettare. La loro visione è addirittura migliore di quella dell’ape comune (Apis mellifera).

Alimentazione

Come indica il suo spirito, questa specie si nutre del nettare di diversi fiori, tutti con una corolla tubolare. Non è un caso che cerchi quasi esclusivamente piante con infiorescenze a calice profondo, evitando così la competizione con molti altri insetti impollinatori che non possono sfruttare fiori così “complessi”.

Alcuni dei generi preferiti per questa specie sono i seguenti: Centranthus, Jasminum, Buddleia, Nicotiana, Primula, Viola, Syringa, Verbena, Echium, Phlox e Stachys. Le larve o vermi, invece, si nutrono delle foglie di piante dei generi Galium, Rubia e Stellaria. Come potete notare, la dieta cambia in base allo stadio di vita dei lepidotteri.

Riproduzione della sfinge del galio

Questa specie produce 2 o più generazioni di figli per tutta la sua vita, a seconda della posizione geografica. Gli adulti si riproducono solitamente in giugno e settembre, e come abbiamo detto è uno dei pochi lepidotteri in grado di sopravvivere al clima invernale in certe zone.

Una femmina fecondata può deporre fino a 200 uova, ciascuna su una pianta separata. Da 6 a 8 giorni dopo l’ovideposizione, emergono le larve, di colore verdastro chiaro e mimetiche con le piante di cui si nutrono. A seconda del caldo e dell’esposizione al sole, lo stadio larvale può durare pochissimo tempo, circa 20 giorni.

Le larve sono molto grasse, hanno linee laterali biancastre e un tipico corno da sfinge.

Stato di conservazione

Come indicato dalla Butterfly Conservation ORG, questa specie non è stata valutata in termini di conservazione a livello regionale. Non ci sono informazioni a riguardo nemmeno nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), quindi supponiamo che la conoscenza delle sue popolazioni sia molto limitata.

In ogni caso, è noto che il 40% degli insetti impollinatori a livello generale è a rischio di estinzione, maggiore o minore. Pesticidi, acari, inquinamento, deforestazione e introduzione di specie esotiche possono mettere queste e molte altre specie in pericolo a lungo termine se non vengono apportate le modifiche appropriate.

La bellezza della sfinge del galio è incomparabile, perché con il suo volo aggraziato e i suoi bei colori questo invertebrato impressiona chiunque. Prendersi cura delle foreste ed evitare l’uso di pesticidi se non strettamente necessario sono requisiti per continuare a godere di questa e molte altre specie.

Potrebbe interessarti ...
La sfinge colibrì: che ruolo svolge nell’impollinazione?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La sfinge colibrì: che ruolo svolge nell’impollinazione?

La sfinge colibrì o del galio (Macroglossum stellatarum) è una falena diurna che svolge un ruolo cruciale nell’impollinazione



  • Kelber, A., & Henique, U. (1999). Trichromatic colour vision in the hummingbird hawkmoth, Macroglossum stellatarum L. Journal of Comparative Physiology A, 184(5), 535-541.
  • Kelber, A. (1996). Colour learning in the hawkmoth Macroglossum stellatarum. The Journal of experimental biology, 199(5), 1127-1131.
  • Farina, W. M., Varjú, D., & Zhou, Y. (1994). regulation of distance to dummy flowers during hovering flight in the hawk moth Macroglossum stellatarum. Journal of comparative physiology. A, Sensory, neural, and behavioral physiology.
  • Kern, R., & Varju, D. (1998). Visual position stabilization in the hummingbird hawk moth, Macroglossum stellatarum LI Behavioural analysis. Journal of Comparative Physiology A, 182(2), 225-237.