Squalo angelo: habitat e caratteristiche

Lo squalo angelo, anche se poco conosciuto, è una delle specie più belle e gentili della categoria degli squali. Purtroppo, però, è una specie ad alto rischio di estinzione.
Squalo angelo: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 25 giugno, 2021

Non tutti gli animali marini che popolano la notte sono da incubo. L’animale di cui parliamo oggi ne è un esempio: il suo aspetto sinuoso e appiattito ha lasciato il segno su ricercatori e subacquei. Ecco a voi lo squalo angelo: habitat e caratteristiche.

Le sue piccole dimensioni e l’aspetto diverso dagli altri squali hanno fatto sì che lo squatina passasse inosservato tra i suoi congeneri in termini di problemi di conservazione. Tuttavia, la sua divulgazione è necessaria, poiché è in grave pericolo di estinzione.

Habitat dello squalo angelo

Innanzitutto è necessario sottolineare che questa specie (Squatina oculata) appartiene al genere Squatina, a sua volta compreso nella famiglia Squatinidae. Un totale di 24 specie rientra in questa categoria di pesci condritti, tutti appiattiti e abitanti di fondali sabbiosi poco profondi – circa 150 metri.

Per conto suo, lo squalo angelo o “pesce angelo maculato”, vive principalmente nelle acque del Mediterraneo occidentale e le coste greche. Ma può anche essere trovato nelle zone costiere del Marocco, dell’Angola e del Mar Nero, nonché in parti dell’Oceano Atlantico.

Questo pesce cartilagineo frequenta abitualmente i fondali marini, prevalentemente spazi aperti e privi di vegetazione, poiché si nasconde nella sabbia o nel fango. Può essere avvistato a profondità comprese tra i 50 e i 100 metri di profondità, con range limite di 20 e 500 metri.

Uno squalo in fondo al mare.

Caratteristiche fisiche

L’aspetto dello squalo angelo è appiattito e la sua zona dorsale è punteggiata di marrone e nero. Queste sembianze gli rendono più facile mimetizzarsi sul fondo del mare, dove aspetta di tendere un’imboscata alla sua preda quando gli passa vicino. Questa strategia è nota come crypsis, che si significa proprio passare inosservata nell’ambiente per scopi di attacco o difesa.

Le sue pinne pettorali, invece, sono estese all’indietro, per permettere al pesce di scivolare lungo il fondale. La coda è più simile a quella di uno squalo che a quella di una pastinaca, che permette la distinzione tra i 2 gruppi di animali ad occhio nudo.

Non è un grande squalo, poiché raggiunge solo 1,6 metri di lunghezza. Tuttavia, le femmine sono significativamente più grandi dei maschi, poiché possono raggiungere i 40 chilogrammi di peso.

D’altra parte, questo squalo è in grado di pompare acqua attraverso le sue branchie, il che gli dà la capacità di rimanere fermo mentre riposa o insegue la sua preda. Gli altri squali, invece, devono essere in continuo movimento affinché l’acqua circoli passivamente attraverso le loro branchie, cosa che influisce notevolmente sulle loro abitudini alimentari.

Alimentazione dello squalo angelo

Lo squalo angelo è un pesce cacciatore che usa l’agguato come tecnica, mimetizzandosi sul fondale sabbioso e aspettando che la sua preda si avvicini per catturarla in un rapido morso. Le sue principali fonti di cibo sono crostacei, calamari e polpi.

Le sue abitudini di caccia sono notturne e di giorno riposa sui fondali, mimetizzato e al riparo dai predatori.

Riproduzione dello squalo angelo

Lo squalo angelo è ovoviviparo placentare. Ciò significa che la femmina sviluppa le uova al suo interno e poi partorisce i piccoli, espellendo successivamente i gusci vuoti. Il loro periodo di gestazione è di 8-11 mesi e le femmine fecondate danno alla luce una media di 25 piccoli, che misurano dai 24 ai 27 centimetri alla nascita.

Basandosi sulla presenza di femmine gravide e giovani, gli scienziati hanno stabilito nel Golfo di Tunisi un “vivaio” di questa specie.

Stato di conservazione

Il gruppo degli squali angelo (Squatinidae) è considerato la seconda famiglia più minacciata di elasmobranchi – squali e razze -, dietro solo al pesce sega. Come con il pesce angelo (Squatina squatina) e lo squalo angelo dalla schiena di sega (Squatina aculeata), la popolazione di squali angelo è diminuita in modo allarmante negli ultimi 50 anni.

Questo squalo è in uno stato di “minaccia critica”, come indicato dall’Unione internazionale per la conservazione della natura ( IUCN). La maggior parte dei problemi che hanno causato il suo declino provengono dalla mano dell’essere umano. Alcuni di questi sono:

  • Pesca commerciale: l’eccessivo sfruttamento dei luoghi di caccia e riproduzione ha ridotto il numero di esemplari della specie, sia a causa di morti che di distruzione dell’habitat dovuta all’uso di reti illegali – come le reti da traino.
  • Catture accidentali: la morfologia dello squalo angelo rende molto più facile rimanere impigliati nelle reti che spazzano i fondali.
  • Attività umana ricreativa: la pesca sportiva, le immersioni e altre attività legate allo sviluppo commerciale e residenziale delle coste compromettono gravemente la capacità di sopravvivenza di questo pesce.

Sebbene questa specie benefici di normative sullo sfruttamento della pesca, è una delle più trascurate nell’area della protezione degli squali. Il lavoro specifico di conservazione e divulgazione per lo squalo angelo è svolto da organizzazioni indipendenti, che concentrano i loro sforzi su siti critici per la loro sopravvivenza.

Uno squalo angelo.

Salvare questa specie è una responsabilità comune

A livello individuale, la cosa migliore che si può fare per salvare questa specie e i suoi congeneri è collaborare con questi enti che combattono per il loro benessere. D’altra parte, è anche necessario condurre uno stile di vita il più responsabile possibile con il pianeta e gli oceani che ci circondano.

Se ti piacciono le immersioni e ti imbatti in uno squalo angelo, non temere: nonostante il nome, è un animale molto gentile. Se rispetti il ​​suo spazio, assisterai alla visione di una delle creature più belle dei fondali.

Potrebbe interessarti ...

Animali a rischio estinzione: quanti sono?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Animali a rischio estinzione: quanti sono?

Sono oltre 25000 le specie di animali a rischio di estinzione e probabilmente molte di loro non vivranno più nel 2050. Un pericolo enorme per il pi...



  • Morey, G, Barker, J., Bartolí, A., Gordon, C., Hood, A., Meyers, EKM & Pollom, R. 2019. Squatina oculata . La Lista Roja de Especies Amenazadas de la UICN 2019: e.T61418A116782036. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2019-1.RLTS.T61418A116782036.en . Descargado el 17 de junio de 2021 .
  • Capape´, C., Seck, A. A., Gueye-Ndiaye, A., Diatta, Y., and Diop, M.2002. Reproductive biology of the smoothback angel shark,
    Squatina oculata (Elasmobranchii: Squatinidae), from the coast of Senegal (eastern tropical Atlantic). Journal of the Marine
    Biological Association of the United Kingdom, 82: 635–640
  • Julia M Lawson, Riley A Pollom, Cat A Gordon, Joanna Barker, Eva KM Meyers, Heike Zidowitz, Jim R Ellis, Álex Bartolí, Gabriel Morey, Sarah L Fowler, David Jiménez Alvarado, Sonja V Fordham, Rowland Sharp, Ali R Hood , Nicholas K Dulvy, Riesgo de extinción y conservación de tiburones ángel en peligro crítico de extinción en el Atlántico este y el mar Mediterráneo, ICES Journal of Marine Science , Volumen 77, Número 1, enero-febrero de 2020, páginas 12–29, https: // doi. org / 10.1093 / icesjms / fsz222