Squalo toro: habitat e caratteristiche

27 Novembre 2019
Una delle caratteristiche dello squalo toro è che si tratta di una delle 43 specie di squalo che possono vivere sia in acqua dolce che in acqua salata.

Lo squalo toro è una delle specie di squalo più note. Viene chiamato con nomi differenti in base al luogo nel quale vive: squalo Zambesi, squalo del Nicaragua o squalo del Gange. Grazie a questo articolo vi faremo fare conoscenza dello squalo toro, del suo habitat e delle sue caratteristiche.

La comunità scientifica lo chiama Carcharhinus leucas; presenta una figura paffutella e un muso largo e piatto. È una delle 43 specie di squalo che può vivere sia in acqua salata che in acqua dolce.

Insieme al grande squalo bianco e allo squalo tigre, lo squalo toro completa il terzetto di pescecani che presentano le probabilità maggiori di attaccare gli esseri umani. Anche se l’attacco da parte di squali è un evento piuttosto raro, questa specie è conosciuta come “il pitbull del mare”, a causa del suo comportamento aggressivo.

Abitudini alimentari dello squalo toro

La dieta dello squalo toro è composta principalmente da pesci ossei e piccoli squali. Nella zona dell’Atlantico occidentale si cibano generalmente di triglie, alose, pesci gatto, branzini, sgombri e dentici.

Inoltre, si nutrono di razze e giovani squali, compresi i piccoli pescecani della loro stessa specie, quando compiono incursioni in zone poco profonde utilizzate come zone di allevamento.

Accade spesso, poi, che si cibino di tartarughe marine, delfini, granchi e di alcuni uccelli marini. Vengono considerati animali piuttosto pigri, ma, in realtà, sono in grado di realizzare scatti rapidi, alla velocità di circa 19 chilometri orari, per catturare prede piccole e agili.

lo squalo toro si nutre di una notevole varietà di pesci, compresi i piccoli della loro stessa specie

Habitat

Gli squali toro sono cacciatori itineranti che vivono in diverse zone geografiche, compresi oceani, fiumi e perfino laghi di acqua dolce. Tendono a permanere in acque calde e moderatamente profonde, tra i 30 e i 150 metri di profondità.

Come abbiamo visto, si tratta di una delle poche specie che si spostano facilmente in acqua dolce, nella quale possono trascorrere lunghi periodi di tempo. Si riproducono in acqua salata, in habitat marini.

Questa facilità nello spostarsi da acque salate ad acque dolci si presenta quando sono ancora giovani e impiegano come zona di allevamento aree poco profonde. Sono in grado di tollerare anche acqua ipersalina.

Distribuzione geografica

Questa specie di squalo è presente soprattutto in acque costiere tropicali e subtropicali di tutto il mondo, ma anche in sistemi fluviali e in alcuni laghi d’acqua dolce. Sono stati avvistati nel Rio delle Amazzoni del Perù e nel fiume Mississippi in Illinois (USA).

Gli squali toro migrano verso il nord lungo la costa degli Stati Uniti, di solito durante l’estate. Nuotano verso il Massachusetts per poi fare ritorno a climi tropicali, una volta che le acque costiere si sono raffreddate.

Questi grandi esemplari preferiscono gli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico, mentre i fiumi che prediligono sono il Brisbane, il Rio delle Amazzoni, il Gange, il Brahmaputra, il Potomac e il Mississippi. Permangono costantemente nei fiumi, soprattutto se presentano uno sbocco verso il mare. È interessante notare che in questi fiumi non si ha notizia di nessun attacco a esseri umani.

lo squalo toro può vivere tanto in acque salate quanto in acque dolci

Caratteristiche

  • Lo squalo toro presenta solo il 50% di concentrazione di sale nel sangue. Per questa ragione è in grado di allontanarsi dall’acqua salata molto facilmente. È interessante segnalare che quando nuota in acqua dolce produce una quantità di urina 20 volte superiore.
  • Raggiunge la maturità tra i 15 e i 20 anni, e la sua speranza di vita che conosciamo è di 25 anni. Gli esemplari adulti misurano approssimativamente 3,5 metri di lunghezza e pesano circa 300 chilogrammi.
  • Generalmente, le femmine sono più grandi e longeve e, nella maggior parte dei casi, vivono fino a 17 anni. I maschi, invece, godono di una vita media che raggiunge i 13 anni.
  • La prima pinna dorsale è grande e triangolare; di solito ha origine lievemente dietro l’inserzione pettorale e non è presente una cresta intercostale.
  • Il muso è molto più corto della larghezza della bocca e piuttosto arrotondato.
  • Ha occhi molto piccoli, cosa che indica che la visione non è molto importante, dal momento che ha l’abitudine di muoversi in acque torbide.
  • Presenta tonalità che vanno dal grigio scuro al grigio chiaro, che raggiunge un tono quasi bianco nella parte inferiore.
  • Le sue mandibole possono arrivare a misurare fino a 245 centimetri; i suoi denti sono larghi, triangolari e seghettati.

Alcune informazioni interessanti sullo squalo toro

Anche se lo squalo toro non è una specie oggetto di ricerca da parte delle società di pesca, viene catturato con l’attrezzatura di un palamito a fondo. Il toro è considerato lo squalo più pericoloso al mondo.

Le grandi dimensioni di questo pescecane, la sua facilità nell’adattarsi all’acqua dolce e la sua vicinanza a insediamenti umani fanno sì che venga considerato una potenziale minaccia.