Trattamenti per curare la giardiasi nei gatti

La giardiasi nei gatti è una malattia causata da un parassita. Scopriamo come si cura, ma soprattutto come si diffonde per prevenirla.
Trattamenti per curare la giardiasi nei gatti

Ultimo aggiornamento: 13 marzo, 2021

La giardiasi è una malattia parassitaria molto comune nei gatti ma anche in altri animali domestici. In questo articolo vi diciamo tutto ciò che bisogna sapere sulla giardiasi nei gatti e quali trattamenti esistono per curare questa malattia.

Cos’è la giardiasi?

Come prima cosa vale la pena chiarire di che tipo di malattia si tratta. La giardiasi è provocata dal Giardia lamblia, un protozoo parassita. È un organismo che può essere osservato solo al microscopio e che si attacca alle pareti dell’intestino.

Questo organo è il primo ad essere colpito: la giardiasi si sviluppa prima nell’intestino tenue e poi in quello crasso. A sua volta, genera problemi digestivi e deteriora la salute generale dell’animale.

La giardiasi è più comune negli animali domestici con le difese immunitarie basse, ad esempio quelli che soffrono di sindrome da immunodeficienza felina, come nei cuccioli e negli anziani.

Per alcuni felini, la giardiasi è asintomatica e può essere diagnosticata solo attraverso dei controlli veterinari di routine. In altri casi, i sintomi sono: diarrea, inappetenza, nausea, vomito, disidratazione, perdita di appetito, dolore e gonfiore addominale, perdita di peso e disturbi intestinali.

Gatto che vomita


Come avviene il contagio?

Il contagio avviene soprattutto quando ci sono molti gatti insieme, ad esempio in un rifugio per animali randagi o una casa dove abitano più di cinque esemplari. Sebbene a priori non sia fatale, la mancanza di cure adeguate e tempestive può porre fine alla vita del felino. Inoltre, è bene sapere che il parassita Giardia è molto contagioso e si trasmette anche all’uomo.

Nel caso in cui il vostro animale domestico abbia accesso all’esterno, sarà più facile che venga infettato. Infatti, il protozoo Giardia predilige gli ambienti umidi che non siano stati puliti o igienizzati adeguatamente. È comune che questo microrganismo risieda nelle feci. Per questo motivo, dovreste evitare che il vostro gatto annusi o si avvicini alle feci di altri animali.

Il parassita vive anche nelle acque stagnanti o contaminate. A questo proposito, dovreste fare in modo che il vostro animale domestico non beva dalle pozzanghere. Altre forme di contagio si verificano attraverso le leccate tra gatti o da una femmina ai suoi cuccioli durante la gravidanza.

Diagnosi e trattamento per la giardiasi nei gatti

Identificare la malattia può essere un po’ difficile perché, come accennato prima, i parassiti non vengono rilevati ad occhio nudo. In alcuni casi molto gravi o in stadio avanzato possono essere trovati solo nelle feci dell’animale.

Il veterinario potrebbe rivedere il campione e non osservare nulla, quindi è fondamentale portarlo in laboratorio per analizzarlo al microscopio. Nel caso in cui non vengano trovate tracce del parassita, si consiglia di ripetere lo studio fino a quando non sia confermato o completamente escluso.

Per quanto riguarda il trattamento, oggi il più usato è probabilmente il test Elisa, che rileva la giardiasi nei cani e nei gatti in meno di 10 minuti.

Una volta diagnosticata la malattia, è molto importante agire immediatamente per eliminare completamente i parassiti che attaccano l’intestino. Il trattamento più comune consiste nell’assumere due farmaci: metronidazolo e fenbendazolo, sia insieme che separatamente.

Fibrosarcoma. Veterinario che fa una puntura al gatto.

Devono essere somministrati per 7-12 giorni, non dimenticando nessuna dose, poiché un solo giorno senza farmaco può causare un rafforzamento della colonia dei microrganismi.

Inoltre, non dovreste dimenticare di fare in modo che il vostro gatto beva molta acqua fresca ed evitare così la disidratazione. Tenete presente che, come parte del trattamento, l’animale soffrirà di diarrea per un paio di giorni. Questo è l’unico modo per stanare gli organismi nocivi.

Non dimenticate di pulire bene e spesso l’area in cui il vostro animale domestico fa i suoi bisogni, rimuovendo il contenuto della lettiera due volte al giorno. In questo modo eviterete una nuova infezione o che altri animali – e anche voi stessi – vengano infettati.

Infine, ricordate che la prevenzione è l’arma migliore che abbiamo a disposizione per evitare che i nostri animali domestici si ammalino. Oltre a somministrare il vaccino contro la giardiasi, mantenere i suoi giocattoli puliti e non permettergli di entrare in contatto con i gatti randagi sono altre due misure fondamentali da tenere a mente.

Potrebbe interessarti ...
Come prevenire i parassiti in cani e gatti
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Come prevenire i parassiti in cani e gatti

Se vi stavate chiedendo come prevenire i parassiti nei cani e nei gatti, ora avete diversi strumenti e tecniche che possono essere utili.