Tumore alla mammella nei gatti: cause, sintomi e trattamento

I tumori alla mammella nei gatti sono eventi clinici comuni che richiedono attenzione immediata. Non tutti sono cancerogeni, ma prevenire è sempre meglio che curare.
Tumore alla mammella nei gatti: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 14 settembre, 2021

Parlare di tumori non è piacevole per nessuno, poiché sono associati alla sofferenza, alla chemioterapia, alla lotta e in molti casi anche alla morte. Non tutte le masse tumorali che gli esseri viventi presentano corrispondono ad un quadro cancerogeno, ma quello è sempre il primo sospetto ed è necessario operarlo per agire il più rapidamente possibile. Il caso del tumore alla mammella nei gatti non è diverso.

Come indicato dal Flint Animal Cancer Center, 1 gatto su 5 sviluppa il cancro nel corso della sua vita, specialmente nella fase avanzata. Sfortunatamente, a differenza di quanto accade nei cani, la stragrande maggioranza dei tumori mammari nei felini è maligna. Se volete saperne di più su questo argomento, ve ne diremo di più nei paragrafi successivi.

Cos’è il tumore alla mammella nei gatti?

Secondo il Cancer Dictionary, un tumore è una qualsiasi massa anormale di tessuto che si presenta quando le cellule si moltiplicano più di quanto dovrebbero o non muoiono quando dovrebbero. Queste formazioni possono comparire praticamente in tutte le parti del corpo, poiché gli aggregati cellulari che compongono il nostro corpo devono essere di volta in volta sostituiti e riparati.

Come potete immaginare, nel quadro clinico che qui ci interessa i tumori iniziano a crescere attaccati alle ghiandole mammarie. Le gatte hanno un totale di 8 capezzoli (4 in ogni linea) e il tumore si presenta nelle fasi iniziali come un nodulo molto piccolo e solido attaccato alla ghiandola mammaria.

Come indicato dal Cornell Feline Health Center, dal 30 al 40% dei gatti svilupperà il cancro ad un certo punto della loro vita e 1/3 dei casi risponde a tumori mammari maligni. Il 95% delle masse tumorali compare nel genere femminile ed è la terza neoplasia maligna più comune in questa specie domestica.

Il tumore alla mammella nei gatti rappresenta uno dei tumori più comuni della specie.

Il tumore mammario di un gatto.

Tipi di tumore alla mammella nei gatti

I tumori sono divisi in 2 categorie in base alla gravità della condizione: maligni e benigni. Analizziamo le proprietà di ciascuno di essi nelle righe seguenti.

Tumore benigno

Sfortunatamente, le masse benigne rappresentano solo il 10-15% dei tumori mammari nei gatti. Questi sono autolimitati, crescono in una certa misura e non si diffondono ad altre parti del corpo dell’animale. La loro prognosi è migliore di quella della loro controparte.

Tumore maligno

L’85-90% dei tumori mammari nei gatti è cancerogeno. Ciò significa che una linea cellulare è erroneamente mutata e sta diventando dilagante, provocando così la comparsa di una massa neoplastica che può diffondersi ad altre parti del corpo. Esistono diversi tipi di cancro che colpiscono la mammella dei gatti, ma l’adenocarcinoma è il più comune.

Gli adenocarcinomi sono tumori dei tessuti ghiandolari. Tendono a diffondersi ai polmoni, alla pleura, al fegato, alle ghiandole surrenali, ai reni e ad altre parti del corpo.

Sebbene la distinzione tra tumori maligni e benigni sia molto utile, ci sono alcuni concetti da tenere a mente. Tra questi, segnaliamo quanto segue:

  1. Un tumore benigno può trasformarsi in maligno nel tempo.
  2. La presenza di più tumori mammari richiede un’analisi individuale, in quanto possono essere di vario tipo.
  3. All’interno dello stesso tumore può esserci una miscela di cellule benigne e maligne.

I sintomi del tumore alla mammella nei gatti

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, il sintomo più comune di questo quadro clinico è la presenza di un piccolo nodulo (o più) sottocutaneo nella regione addominale dell’animale. Di solito si verifica vicino o all’interno di uno dei capezzoli, sebbene si possano osservare anche segni di espansione verso altre ghiandole mammarie.

A volte la massa tumorale si ulcera, provocando una ferita aperta e il drenaggio di pus e sangue. Per questo motivo, il gatto colpito leccherà eccessivamente l’area e presenterà evidenti segni di dolore, soprattutto quando assume determinate posizioni.

In caso di cancro già metastatizzato (diffuso ad altre parti del corpo), i sintomi diventano generali. Il gatto mangerà di meno, sarà svogliato, farà meno esercizio e forse avrà problemi respiratori.

Cause possibili

Parlare di causalità nella comparsa dei tumori al seno nei gatti è molto complesso, poiché non si sa abbastanza su questi processi a livello clinico. Tuttavia, è noto che l’esposizione del gatto ai suoi ormoni riproduttivi aumenta notevolmente le possibilità di sviluppare il cancro al seno.

È interessante notare che si ritiene che la concentrazione di estrogeni e progesterone nel sangue possa favorire la crescita e l’attivazione delle cellule mammarie, e quindi aumentare le possibilità di sviluppare un tumore al seno. I gatti sterilizzati a 6 mesi di età hanno solo il 9% di possibilità di sviluppare carcinomi, mentre questo valore è moltiplicato per 7 nei gatti sessualmente intatti.

La migliore prevenzione è sempre quella di castrare il gatto con l’ovariotomia. Le probabilità di sviluppare il cancro al seno dopo l’intervento sono molto basse.

Diagnosi di tumore alla mammella nei gatti

La prima parte della diagnosi di questa condizione è l’esame obiettivo, in cui si notano una o più masse nell’addome del gatto. Prima dei test di laboratorio, si consiglia di eseguire una serie di radiografie ed esami del sangue sull’animale. Non tutti i tumori alla mammella nel gatto sono maligni, ma è necessario operarlo e valutare al più presto eventuali metastasi.

Una volta accertata la salute generale del gatto, si preleva solitamente un campione della massa tumorale mediante aspirazione con ago sottile. Questo viene analizzato con alcune tecniche e quindi si conferma se la massa è cancerogena o meno. Purtroppo la peggiore delle previsioni si realizza quasi sempre.

Trattamento

La rimozione chirurgica del tumore dovrebbe essere sempre il primo passo, sia esso benigno o maligno. Se il gatto non soffre di cancro, è molto probabile che questa procedura sia sufficiente e che l’animale sia completamente guarito. Se invece si parla di tumori cancerosi, le cose si fanno molto più complicate.

Oltre alla rimozione del tumore, nel cancro è solitamente necessaria la resezione dell’intera ghiandola mammaria e dei linfonodi associati. La chemioterapia viene utilizzata anche in quei gatti che presentano segni di metastasi o tumori molto grandi la cui espansione è praticamente inevitabile.

Un gatto con ascite dal veterinario.

Previsione e note finali

Un tumore benigno alla mammella nei gatti non causa grossi problemi e l’animale guarisce dopo l’intervento chirurgico. In ogni caso, nei casi di cancro il 66% dei felini finisce per presentare una ricaduta dopo un po’. Il tasso di sopravvivenza dipende molto dalle dimensioni del tumore (se è maggiore di 3 centimetri, l’aspettativa di vita è di 6 mesi, ma di 2 anni nei tumori inferiori a 2 centimetri).

Oltre a tutto quanto sopra, va notato che la maggior parte dei tumori mammari compaiono quando l’animale è più grande, generalmente a 11-12 anni di età. Per questo e molti altri motivi, stimare l’aspettativa di vita media di un gatto con cancro mammario è molto difficile. In definitiva, la prognosi dipende dalla velocità di rilevamento, dall’approccio utilizzato e da un po’ di fortuna.

Potrebbe interessarti ...
Cancro nei gatti, ecco i tumori maligni più frequenti
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cancro nei gatti, ecco i tumori maligni più frequenti

Se avete un micio in casa e volete sapere di più sulla salute de vostri piccoli felini, ecco una serie di informazioni utili sulle forme di cancro ...