Tumore venereo dei cani: sintomi e trattamento

7 Settembre 2019
Il 95% dei casi di tumore venereo nei cani può essere sconfitto grazie alla chemioterapia

Sfortunatamente, i nostri animali domestici si ammalano e alcune di queste malattie possono essere anche molto gravi. Fondamentale è imparare in cosa consistono e come devono essere trattate in modo corretto. Una di queste malattie è il tumore venereo, di cui vogliamo parlare oggi.

Cosa è il tumore venereo?

Si tratta di un tumore che colpisce principalmente i cani e, a differenza di altri tumori più noti, ha la peculiarità di essere trasmesso attraverso la via venerea. Questa malattia è nota già dal 1876 circa.

Tuttavia, in Paesi europei come la Spagna, non è apparsa fino al ventesimo secolo, ma è alla fine di questo secolo che ha iniziato a comparire come un’epidemia iniziando a colpire sempre più cani.

Generalmente questa malattia si manifesta in luoghi in cui il clima è mite o caldo e nei cani che si incrociano o vivono per strada, in campagna, ecc. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il contagio è venereo e di solito avviene in questo tipo di luoghi dove è più facile che siano presenti in modo promiscuo altri cani che potrebbero aver già contratto la malattia.

Non si sa molto bene quale sia la causa del tumore venereo. Alcuni medici sostengono che abbia una origine retrovirale, altri sostengono che sia l’amplificazione di un protooncogeno. Quello che si sa per certo è che la diffusione di questa malattia avviene sempre attraverso la via venerea e che spesso avviene attraverso un trapianto di cellule tumorali.

Una volta che il tumore è passato ad un altro cane, ha un tempo di incubazione da due a sei mesi, durante il quale si potrebbe presentare una piccola massa che rivelerà l’esistenza del tumore.

Sintomi del tumore venereo

In genere, i cani che contraggono il tumore venereo sono di solito cani sessualmente attivi, così come quelli che hanno la possibilità di trascorrere molto tempo in strada. Di solito i sintomi iniziano con un piccolo gonfiore nella zona dell’apparato riproduttivo, cosa che nei maschi può provocare continuamente piccole emorragie del pene.

Tumore venereo in un cane

Nelle femmine, inoltre, sulla vulva appare di solito una carnosità che causa anche perdita di sangue vaginale. Sebbene queste non siano le uniche forme visibili di questo tumore, sono quelle più comunemente osservabili.

Tale tumore può manifestarsi anche per via intranasale, nella cavità orale, negli occhi o sulla pelle. Per riconoscere questo tipo tumore, viene eseguita una citopatologia, con cui il veterinario raccoglie ed analizza un campione del tumore. Sebbene di solito non sia un tipo di tumore che tende a creare metastasi, verranno esaminati anche i linfonodi nell’area genitale.

Trattamento del tumore venereo

Se avete il sospetto che il vostro cane possa essere stato colpito da questo tumore o se già è stata confermata la diagnosi, è molto importante che manteniate la calma. Esiste infatti la possibilità di trattare in modo efficace questa malattia. La chemioterapia si rivela molto efficace nel 95% dei casi, quindi le possibilità di recupero del vostro animale domestico sono davvero molte.

Cane sottoposto a cure veterinarie

La medicina più comunemente usata è la Vinscristina, un farmaco che viene somministrato per via endovenosa una volta alla settimana per 4-6 settimane. Purtroppo, questo medicinale potrebbe avere anche alcuni effetti collaterali che causeranno disagio al vostro animale domestico, come vomito, neurite, leucopenia e depressione del midollo osseo.

Come prevenire la trasmissione di questa malattia

Se avete intenzione di far accoppiare il vostro cane, è meglio per prima cosa assicurarsi che l’animale scelto come partner non sia interessato da tumore venero. Valutate soprattutto con molta attenzione la sua area genitale. È anche possibile che si tratti di un cane che abbia contratto in passato un tumore venereo. Tuttavia se non ci sono sintomi di recidiva dopo un anno di trattamento, il vostro amico a quattro zampe non correrà alcun pericolo.

Come potete vedere, il tumore venereo non è così pericoloso come sembra e c’è un’alta percentuale di recupero. Rimanete calmi quindi se il vostro cane ne soffre, fidatevi del veterinario e procedete in modo scrupoloso con il trattamento medico previsto.

  • Sota D, Amico D. Tumor venéreo transmisible en el perro. Cienc Vet. 2004;
  • Vergaray NZM. Frecuencia del tumor venéreo transmisible en caninos. Laboratorio de Histología, Embriología y Patología Veterinaria-Facultad de Medicina Veterinaria-Universidad Nacional Mayor de San Marcos. 2006.
  • De La Cruz SM, Quijano-Hernández IA, Del Ángel-Caraza J, Castañeda JSM, Victoria-Mora JM, Barbosa-Mireles MA. Respuesta del Tumor Venéreo Transmisible Canino a Presentaciones de Vincristina de Patente y Genérica. Rev Investig Vet del Peru. 2015;