7 consigli per prendersi cura di una mantide religiosa

Le mantidi sono insetti affascinanti e diversificati, ma hanno una vita molto breve. Imparate con noi a prendervi cura di uno di questi splendidi esemplari.
7 consigli per prendersi cura di una mantide religiosa

Ultimo aggiornamento: 31 ottobre, 2021

Le mantidi (ordine Mantodea) sono affascinanti sotto ogni punto di vista, da quello estetico (per il loro aspetto simile a quello di un alieno) a quello etologico (per il modo in cui cacciano e si riproducono). Questo termine comprende circa 2.400 specie diverse suddivise in 33 famiglie e 460 generi. Senza dubbio, la specie di punta di questo taxon è la Mantide religiosa.

Quando si parla di mantidi religiose (o mantidi europee) ci si riferisce a tutte le specie presenti nell’ordine Mantodea, non solo al tipico esemplare di taglia media, dalle ali ripiegate e colori verdi. Continuate a leggere e imparate con noi una serie di consigli per prendersi cura di una mantide religiosa indipendentemente dalla sua specie.

1. Non raccogliere le mantidi dalla campagna

Potreste essere tentati di catturare la vostra prima mantide in campagna, poiché molte regioni del mondo hanno almeno una specie endemica. In ogni caso, dovreste sapere che questo atto è dannoso per gli ecosistemi, metterà sicuramente fine alla vita dell’esemplare e, inoltre, è perseguito per legge in paesi come la Spagna.

In nessun caso è corretto rimuovere gli animali dal loro ambiente naturale. Molto probabilmente sono vecchi o portano qualche tipo di parassita (interno o esterno), ma soprattutto ciò significa che non possono riprodursi e dare origine a nuove generazioni nel loro ecosistema. Può sembrare un atto innocuo, ma catturare una mantide adulta ha un impatto molto negativo a livello ambientale.

Un maschio Idolomantis diabolica
Un maschio di Idolomantis diabolica.

2. Scegliete bene la specie di cui occuparvi

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, esistono più di 2.400 specie di mantide e ognuna di esse ha una serie di requisiti unici. Anche le differenze di dimensioni tra i taxa sono un fattore da tenere in considerazione: mentre la Creobroter gemmatus non supera di molto i 4 centimetri di lunghezza, la Tenodera sinensis supera gli 11 centimetri.

È importante scegliere la specie anche in base all’esperienza del proprietario. Mentre specie più “tipiche” (Hierodula membranacea e Rhombodera basalis, per esempio) sono abbastanza facili da mantenere, altre specie anatomicamente più appariscenti (Phyllorana paradoxa, Hymenopus coronatus o Idolomantis diabolica) hanno esigenze abbastanza specifiche.

Le mantidi tropicali e del deserto sono più difficili da mantenere di quelle che si trovano negli ecosistemi temperati.

3. Mantenete semplice il terrario

La maggior parte dei proprietari sceglie di utilizzare contenitori di plastica modificati in cui tenere le mantidi durante le fasi giovanili. Questo può sembrare rischioso, ma è molto peggio posizionare l’esemplare all’interno di un ambiente enorme quando è alto appena mezzo pollice. Un terrario eccessivamente complesso favorirà cadute, perdite e annegamenti non necessari.

Quando la mantide è adulta, può essere spostata in un terrario di vetro (solo 1 esemplare per installazione o si uccideranno a vicenda). La regola generale è che sia alto 3 volte l’altezza dell’insetto e 2-3 volte la sua lunghezza e larghezza. In generale, un’urna di vetro o plastica che misura 30 x 20 x 20 centimetri di altezza, larghezza e lunghezza è più che sufficiente per una mantide media.

Mantenete semplici le decorazioni. Posizionate il substrato, un paio di rami in modo che la mantide possa appendersi e, se vi va, una pianta vera o finta.

4. Date priorità alla ventilazione

Questo è uno degli errori più comuni che fanno i proprietari per la prima volta quando si prendono cura di una mantide. Le mantidi abitano i rami degli arbusti e degli alberi bassi, quindi si trovano in un substrato ecosistemico in cui solitamente soffia il vento. Per imitare il suo ambiente naturale, dovrete mantenere il terrario ventilato.

Ciò non significa che sia necessario posizionare un ventilatore davanti all’installazione. Basta procurarsi (o acquistare) un terrario con una parte superiore in rete e alcune altre aperture di ventilazione nella sezione inferiore. Questo creerà correnti e l’aria sarà in continuo movimento senza bisogno di mobilitarla attivamente.

5. Mantenete l’ambiente umido

Le mantidi attraversano un periodo noto come ecdisi in cui mutano l’esoscheletro esterno per crescere. In questo momento hanno bisogno di un’elevata umidità, poiché questa ammorbidisce il loro guscio esterno e consente all’insetto concludere il processo il prima possibile. È molto comune che una mantide giovane muoia durante la muta.

Sebbene la maggior parte delle mantidi sopporti grandi escursioni termiche (20-30°C), molte specie richiedono un’elevata umidità relativa (60, 70 e persino 80%). È necessario spruzzare acqua nel terrario in base alle esigenze di ciascuna specie, poiché anche questi animali sfruttano la rugiada per bere acqua.

6. Far riprodurre la mantide

La stragrande maggioranza delle mantidi vive pochissimo, circa 12 mesi le femmine e leggermente meno i maschi. Sono animali domestici molto effimeri, per cui alcuni proprietari cercano di farli riprodurre non appena raggiungono la maturità sessuale (1-2 settimane dopo la caduta delle ali).

I maschi sono più snelli e più piccoli delle femmine, quindi distinguerli è facile. Mettete semplicemente due esemplari di sesso opposto in un ampio terrario e lasciate che il maschio realizzi la fecondazione. Naturalmente, tenete la femmina occupata con una preda, altrimenti finirà per mangiare il suo compagno.

Le femmine fecondate depongono le ooteche fertili da cui nasceranno dozzine di piccolissime ninfe.

7. Le mantidi sono cacciatrici e accettano solo cibo vivo

Prendersi cura di una mantide in termini di installazione non è difficile, ma la sua dieta è un altro discorso. Questi animali hanno una vista eccellente e arti anteriori modificati, il che indica che sono ottimi cacciatori. Saranno interessati solo alle prede in movimento e, quindi, dovrete allevare insetti vivi in casa per nutrirli.

I grilli, i tenebrioni, gli scarafaggi del Turkestan e le blatte Dubia (Blaptica dubia) saranno la base nutritiva delle specie medio-grandi. D’altra parte, alcune mantidi più piccole (come la Hymenopus coronatus) richiedono prede più piccole, come mosche, microgrilli e falene.

Le mantidi adulte di solito mangiano da 1 a 2 volte a settimana.

La mantide religiosa è velenosa?

Prendersi cura di una mantide non è un compito eccessivamente complesso, ma alcuni concetti devono essere chiari prima di intraprendere un progetto di questo tipo. Discutete con il venditore (sempre autorizzato e con nucleo zoologico) su quale sia la specie più adatta a voi e chiedete informazioni sui loro requisiti vitali. Scopritelo e non entrate in possesso dell’animale finché non avrete una conoscenza approfondita.

Potrebbe interessarti ...
L’animale più religioso del mondo: la mantide
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
L’animale più religioso del mondo: la mantide

Il suo nome deriva dal greco e significa «profeta» o «indovino», perché si crede che sia l'animale più religioso del mondo.