Cosa mangiano gli elefanti in cattività?

07 novembre, 2020
Gli elefanti sono animali imponenti e complessi, che in cattività richiedono molte cure, soprattutto per quanto riguarda la dieta.

Conoscere in dettaglio come si nutrono gli animali in natura è di grande aiuto quando si tratta di soddisfare le loro esigenze in cattività. Questo è ancor più vero nel caso degli elefanti, mammiferi molto selettivi e con esigenze specifiche riguardanti il cibo. Pertanto, per sapere cosa mangiano gli elefanti in cattività è necessaria una grande preparazione.

In questo articolo parleremo in modo approfondito di cosa mangiano gli elefanti in cattività, delle caratteristiche più importanti della dieta di questi animali e di come una cattiva gestione della loro alimentare possa causare seri problemi di salute.

Ecologia alimentare generica degli elefanti

La dieta naturale degli elefanti può essere suddivisa in tre categorie, come le tre specie esistenti: l’elefante africano della savana, l’elefante africano delle foreste e l’elefante asiatico. Tuttavia, mancano ancora molte informazioni sui motivi della selettività incisiva e su altre caratteristiche della loro dieta.

Gli elefanti in natura hanno una dieta molto varia: consumano più di 400 specie diverse di piante. La percentuale più alta solitamente è costituita l’erba, accompagnata da foglie, ramoscelli, radici, frutti, semi, piante erbacee, terra e pietre.

All’interno di questa eterogeneità, gli studiosi puntualizzano che questi mammiferi operano una selezione accurata di ciò che mangiano.

Ad esempio, durante la stagione delle piogge, gli elefanti tendono a pascolare, cioè ad approfittare delle canne e delle erbe in un momento in cui il loro contenuto proteico è più alto. Pare proprio che gli elefanti sappiano esattamente cosa sia meglio mangiare per loro a seconda del periodo dell’anno.

Donna che dà da mangiare agli elefanti.


Comportamento durante l’alimentazione

Diversi studi mostrano modelli simili negli animali selvatici e in cattività quando si tratta di alimentazione. La tendenza abituale sembra mostrare tre picchi di alimentazione:

  • Uno al mattino, veloce e in piccole quantità.
  • Un altro nel pomeriggio, lento e molto più abbondante.
  • Infine un picco a mezzanotte, calmo e adeguato alle esigenze di quel giorno.

Sia in libertà che in cattività, la necessità di spostarsi alla ricerca di acqua o ombra per riposare, ridurrà la frequenza di alimentazione dell’animale.

Quali sono le raccomandazioni nutrizionali per nutrire gli elefanti in cattività?

Tenendo conto della fisiologia di questa specie e fino a quando non saranno disponibili ulteriori dati, i requisiti nutrizionali minimi si basano sulle linee guida dietetiche indicate per i cavalli. Vale a dire:

  • Fieno di buona qualità (foraggio): questo dovrebbe costituire la base della dieta.
  • Il resto sarà concentrato, attraverso mangimi complementari e integratori alimentari.

Uno dei dati specifici disponibili è il cosiddetto “fabbisogno di crescita” di 1.300 grammi di proteine ​​al giorno. I contributi al di sotto di questo valore o la scarsa qualità del fieno possono portare a carenza di proteine, e quindi alla comparsa di malattie.

Il concentrato viene utilizzato per riequilibrare la carenza di alcune vitamine e minerali nella dieta foraggera, ma in nessun caso deve sostituire il foraggio come fonte primaria di fibre. In caso contrario, verrà ostacolato il corretto funzionamento del sistema digestivo dell’animale.

Anche così, è vero che in certi momenti della vita di un elefante (ad esempio, durante la gestazione) una parte del fieno può essere sostituita con erba medica di qualità superiore e può essere aumentata la dose di alcuni integratori.

Quindi è di fondamentale importanza conoscere la qualità e la consistenza del foraggio. In realtà, dovrebbe essere questo l’obiettivo principale di un programma di alimentazione per gli elefanti in cattività.

Composizione di una razione standard per elefanti in cattività

In cattività, gli elefanti consumano circa 150 chili di cibo al giorno, una quantità piuttosto scarsa rispetto a quella che consumerebbero nel loro habitat naturale. Tuttavia, lo stato di cattività consente loro di risparmiare grandi quantità di energia, quindi bisogna adattare il cibo alla nuova condizione.

Gli elefanti adulti, in media, hanno un fabbisogno di 70.000 calorie al giorno.

Per soddisfare questo fabbisogno, la razione dovrà contenere:

  • Fieno, che, come abbiamo detto, costituisce la porzione principale.
  • Tutti i tipi di verdure e vegetazione: acacie, cetrioli, lattuga, ecc.
  • Enormi quantità di acqua.

Alimentazione degli elefanti: come influisce sulla loro salute?

Tenere gli elefanti in cattività non è un lavoro facile né economico. Pertanto, i responsabili cercano in tutti i modi di migliorare il loro stato di salute e il loro benessere e, di conseguenza, aumentare l’aspettativa di vita.

Una cattiva alimentazione, come in altre specie, può provocare danni all’apparato digerente e/o metabolico.

Elefanti che mangiano dagli alberi.

Tutti gli animali in cattività, ad esempio, tendono a soffrire di sovrappeso e obesità. Questo perché mangiano molto ma non fanno l’esercizio fisico che dovrebbero, magari perché all’interno delle strutture non hanno spazio a sufficienza o peggio, non si sentono stimolati.

Anche le coliche sono motivo di grande preoccupazione: usare il fieno di buona qualità come base della dieta è la misura preventiva più importante contro questa patologia. In generale, si sconsigliano la frutta, i cereali, il pane e altri cibi per esseri umani perché possono essere dannosi.

  • Fowler M, Mikota S. Biology, Medicine, and Surgery of Elephants. Hoboken: John Wiley & Sons; 2008
  • All About Elephants – Diet & Eating Habits | SeaWorld Parks & Entertainment [Internet]. Seaworld.org. [cited 22 July 2020]. Available from: https://seaworld.org/animals/all-about/elephants/diet/