Cosa mangiano gli scorpioni e come cacciano?

Gli scorpioni sono predatori insettivori. Tuttavia, alcune specie si avventurano fino ad attaccare piccoli vertebrati.
Cosa mangiano gli scorpioni e come cacciano?

Ultimo aggiornamento: 31 maggio, 2021

Gli scorpioni sono aracnidi predatori noti per le loro punture velenose. Tutti hanno 8 zampe, pedipalpi modificati con una pinzetta (chela) e una coda che termina con un pungiglione, che produce tossine più o meno potenti. Al di là dei dati generali, sapere cosa mangiano gli scorpioni aiuta la loro conservazione ed evita le paure negli ambienti umani.

Questi aracnidi hanno una cattiva reputazione immeritatamente, poiché meno di 50 specie delle 2.500 descritte finora hanno un veleno abbastanza letale da porre fine alla vita di un essere umano. Se vuoi saperne di più sulle abitudini alimentari dello scorpione, continua a leggere.

Informazioni generali sugli scorpioni

In primo luogo, vogliamo sottolineare che useremo il termine “scorpione” per designare tutti gli aracnidi dell’ordine degli Scorpioni, che comprende circa 2.500 specie divise in 22 famiglie riconosciute. L’evoluzione di questo gruppo risale a 435 milioni di anni fa e, in tutto questo tempo, le specie si sono diffuse in tutto il mondo, ad eccezione dell’Antartide.

Tutti gli scorpioni presentano un corpo diviso in 3 segmenti: cefalotorace (testa), mesosoma (addome) e metasoma (coda). Tutti hanno un esoscheletro, occhi, cheliceri, pedipalpi chelati, 4 paia di zampe e una coda che termina con un pungiglione. Come puoi vedere, la loro diversità morfologica è molto bassa.

Cosa mangiano gli scorpioni?

Cosa mangiano gli scorpioni?

Tutti gli scorpioni sono carnivori, cioè si nutrono della materia organica fornita dalla loro preda. La maggior parte di loro si nutre di cavallette, grilli, termiti, scarafaggi e vespe. Tuttavia, alcune specie sono anche in grado di uccidere piccoli vertebrati, come roditori, anfibi o rettili.

Come molti altri aracnidi, gli scorpioni digeriscono il cibo esternamente. Con l’aiuto dei loro cheliceri, suddividono il cibo in piccole parti, che vengono conservate in una cavità orale, tra l’area dei cheliceri e il guscio. I succhi gastrici vengono secreti in questa camera, in modo che lo scorpione possa ingerire il suo cibo sotto forma di liquidi.

Cosa mangiano gli scorpioni: la caccia

A questo punto, va notato che questi artropodi sono ectotermi. Ciò significa che non generano il proprio calore con le reazioni metaboliche e quindi dipendono dall’ambiente per la termoregolazione. Come indicano gli studi, le cellule degli ectotermi hanno meno mitocondri – gli organelli generatori di energia per eccellenza – rispetto a quelle degli endotermi.

Per tutti questi motivi, gli scorpioni hanno tassi metabolici molto più bassi di un topo o di un uccello, ad esempio. La loro strategia di caccia è di attesa, cioè aspettano che un insetto passi attraverso la loro tana e lo afferrano abilmente con le loro pinzette, quindi inoculano il veleno. Non vedrai mai uno scorpione inseguire la sua preda, poiché letteralmente non genera abbastanza energia per farlo.

A seconda della specie di scorpione, un esemplare può uccidere prede più piccole solo con la forza delle sue tenaglie. Se la vittima resiste o rappresenta una minaccia, lo scorpione ricorre alla puntura con il veleno. La produzione di tossine è molto impegnativa a livello energetico, quindi la puntura si verifica solo quando è strettamente necessario.

In base a questa stessa regola, si ritiene che gli scorpioni con artigli più grandi abbiano un veleno più lieve. D’altra parte, maggiore è la prominenza della coda e più piccole sono le chele, più letali saranno le tossine.

A causa del costo metabolico della caccia, gli scorpioni mangiano poco in generale e possono restare mesi senza cacciare una preda.

Cura in cattività degli scorpioni

Devi stare molto attento quando acquisisci scorpioni come animali domestici, poiché alcune specie sono letali e quindi il loro possesso senza permesso è illegale. Ospitare un animale potenzialmente pericoloso (PP) nell’ambiente domestico senza le strutture adeguate è considerato un crimine.

Gli scorpioni più commercializzati sono quelli del genere Heterometrus, grandi, di colore nero e con artigli molto prominenti. Non rappresentano un pericolo per gli esseri umani, quindi non sono richiesti permessi speciali per il loro possesso. Questi animali possiedono un veleno di trascurabile rilevanza clinica e usano raramente il pungiglione.

Per conservare un esemplare di questo genere, è sufficiente un terrario di 30x20x20 centimetri di lunghezza, larghezza e altezza. Il substrato universale o la fibra di cocco sono perfetti per l’installazione come pavimento e devono essere sempre posate almeno 5 dita di substrato. Agli scorpioni piace seppellirsi e rimanere nascosti per la maggior parte della giornata.

Per quanto riguarda i parametri ambientali è bene mantenere la temperatura tra i 20 ei 30 gradi e l’umidità relativa all’80%. Per ottenere ciò, è sufficiente spruzzare acqua sull’installazione circa 2 o 3 volte a settimana. Inoltre, di solito è sufficiente dare una preda media viva una settimana – grillo o scarafaggio – a un esemplare adulto. Gli scorpioni non mangiano molto.

È inoltre necessario posizionare pezzi di legno e grotte in modo che lo scorpione possa rifugiarsi.

Gestire uno scorpione può essere un compito difficile.

Infine, va notato che le specie pericolose sono vendute anche senza permesso in molte regioni. Prestare particolare attenzione con gli scorpioni del genere Tizio e Androctonus. Prima di acquistare qualsiasi specie animale, assicurati della professionalità del venditore e delle sue caratteristiche.



  • Santibáñez-López, C. E., Francke, O. F., & Prendini, L. (2014). Shining a light into the world’s deepest caves: phylogenetic systematics of the troglobiotic scorpion genus Alacran Francke, 1982 (Typhlochactidae: Alacraninae). Invertebrate Systematics, 28(6), 643-664.
  • Rand, D. M. (1993). Endotherms, ectotherms, and mitochondrial genome-size variation. Journal of molecular evolution, 37(3), 281-295.
  • Nakagawa, Y., Lee, Y. M., Lehmberg, E., Herrmann, R., Herrmann, R., Moskowitz, H., … & Hammock, B. D. (1997). Anti‐Insect Toxin 5 (Aalts) from Androctonus Australis. European journal of biochemistry, 246(2), 496-501.
  • Uawonggul, N., Chaveerach, A., Thammasirirak, S., Arkaravichien, T., Chuachan, C., & Daduang, S. (2006). Screening of plants acting against Heterometrus laoticus scorpion venom activity on fibroblast cell lysis. Journal of ethnopharmacology, 103(2), 201-207.