Termoregolazione nei rettili: in che modo regolano la loro temperatura?

I rettili non hanno la capacità di regolare la loro temperatura corporea tramite il metabolismo dei nutrienti. Ecco perché devono cercare il calore o la frescura all'esterno.
Termoregolazione nei rettili: in che modo regolano la loro temperatura?

Ultimo aggiornamento: 20 maggio, 2021

La termoregolazione nei rettili è il modo in cui questi animali mantengono una temperatura corporea il più stabile possibile. A differenza di altri esseri viventi, i rettili dipendono dalla temperatura ambientale, quindi hanno elaborato diverse strategie per trarne vantaggio.

I processi biologici che questi animali svolgono per mantenere la temperatura entro l’intervallo ottimale sono il risultato di cambiamenti comportamentali e chimici. Tuttavia, essendo completamente dipendenti dall’ambiente, è normale che la presenza di questo tipo di animali in alcune regioni del pianeta – come le aree polari – sia nulla.

Poiché i rettili non sono in grado di generare calore da soli, quando sono tenuti come animali domestici va loro fornita una fonte di calore. Ecco di più su come i rettili mantengono la temperatura corporea sotto controllo.

L’importanza della termoregolazione

Le regioni tropicali, subtropicali e temperate del pianeta ospitano una grande diversità di specie di rettili. Questo perché qui la temperatura ambientale rientra entro intervalli accettabili per la vita di questi animali.

Come tutti gli animali vertebrati e molti invertebrati, i rettili necessitano di termoregolazione affinché i processi biologici naturali del corpo continuino a funzionare. Quando la temperatura diventa troppo bassa o troppo alta, le proteine possono snaturarsi, il che metterebbe fine alla vita dell’animale o avrebbe conseguenze molto gravi.

A differenza dei mammiferi e degli uccelli, che sono animali endotermici, i rettili sono ectotermici e non possono produrre calore attraverso reazioni metaboliche. Pertanto, sono totalmente dipendenti dalle condizioni ambientali per poter modulare il loro tasso metabolico.

Uno dei vantaggi della termoregolazione nei rettili è che questi animali non hanno bisogno di mangiare per mantenere la temperatura, quindi tutta l’energia del cibo viene utilizzata per la crescita. I mammiferi, ad esempio, devono nutrirsi per mantenere una temperatura corporea costante.

Il tasso metabolico di un mammifero è molto più alto di quello di un rettile.

Uromastyx prende il sole in un terrario.

Termoregolazione nei rettili

La temperatura corporea nei rettili può variare temporaneamente da individuo a individuo, a seconda che sia giorno o notte e all’interno delle diverse stagioni dell’anno. Inoltre, questi vertebrati spesso diventano inattivi quando, a causa dell’ambiente, è per loro impossibile raggiungere la temperatura corporea ideale.

Le fluttuazioni giornaliere e stagionali della temperatura hanno conseguenze sul comportamento e sulla biologia dei rettili. Come nel resto dei vertebrati, il metabolismo dei rettili è controllato dal ciclo circadiano, che coinvolge un insieme di tessuti e ormoni.

I cambiamenti comportamentali legati alla temperatura nei rettili sono guidati dagli ormoni, in particolare dalla melatonina. Questa è prodotta dalla ghiandola pineale e interagisce con la ghiandola tiroidea, influenzando direttamente la secrezione di ormoni da parte di quest’ultima.

Come la melatonina, le prostaglandine svolgono un ruolo importante nella termoregolazione dei rettili. Il comportamento è influenzato dalle risposte cardiovascolari, ad esempio la frequenza cardiaca. Questa, a sua volta, è influenzato dalla concentrazione di prostaglandine.

Quando un rettile ha bisogno di aumentare la sua temperatura corporea, si sdraierà al sole o cercherà un’altra fonte di calore radiante. A quel punto, le prostaglandine iniziano a concentrarsi e ad aumentare la frequenza cardiaca. Il cuore muoverà il sangue più velocemente per riscaldare il corpo in modo più efficace.

Ecco perché i rettili cercano il sole o le zone calde per aumentare la temperatura corporea. Quando avranno bisogno di diminuirlo, si seppelliranno, si tufferanno nell’acqua o cercheranno l’ombra.

Mantenere la temperatura in un terrario per rettili

In natura, gli animali imparano ad agire per sopravvivere. I rettili, inoltre, devono sapere come cambiare il loro comportamento quando cercano calore o al contrario devono mettersi al riparo da esso. Tuttavia, quando un animale vive in un casa con noi umani, non può eseguire tutti questi comportamenti naturali.

Per questo motivo, le persone che hanno dei rettili come animali domestici posizionano uno o più riscaldatori nei terrari, che possono essere di diverso tipo. Ad esempio, lampade riscaldanti o pietre radianti. Quando si posiziona il riscaldatore nel terrario, è importante che sia collocato in un unico punto, per consentire all’animale di allontanarsi il più possibile quando necessario.

Un’altra cosa da tenere a mente per quanto riguarda i riscaldatori è che possono bruciare seriamente la pelle degli animali domestici. Pertanto, è bene proteggere questi oggetti con rete metallica o vetro e regolare costantemente la temperatura che producono.

Il termine “sangue freddo” può indurre molte persone a commettere l’errore di surriscaldare i propri animali domestici. Sebbene i rettili abbiano bisogno di prendere il calore dall’ambiente, è anche vero che è difficile per loro perderlo in seguito.

Rettili termoregolatori.

Ogni animale domestico ectotermico deve essere osservato con attenzione, al fine di rilevare quando per lui fa troppo caldo e troppo freddo. Può sembrare un compito noioso, ma come abbiamo spiegato, i rettili  mostrano questa esigenza di termoregolazione esclusivamente attraverso il comportamento.



  • Bogert, C. M. (1949). Thermoregulation in reptiles, a factor in evolution. Evolution, 3(3), 195-211.
  • Cordero, G. A., Telemeco, R. S., & Gangloff, E. J. (2018). Reptile embryos are not capable of behavioral thermoregulation in the egg. Evolution & development, 20(1), 40-47.
  • Seebacher, F., & Franklin, C. E. (2003). Prostaglandins are important in thermoregulation of a reptile (Pogona vitticeps). Proceedings of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, 270(suppl_1), S50-S53.
  • Seebacher, F., & Franklin, C. E. (2005). Physiological mechanisms of thermoregulation in reptiles: a review. Journal of Comparative Physiology B, 175(8), 533-541.