7 curiosità sui babbuini

I babbuini hanno un marcato dimorfismo sessuale, per cui i maschi sono generalmente più grandi e più forti delle femmine. In alcuni casi, la differenza di peso e di dimensioni tra i due ammonta a quasi il doppio.
7 curiosità sui babbuini
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato da il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 15 novembre, 2022

I babbuini sono un gruppo di primati che si contraddistinguono per la mancanza di peli su sedere e viso. Anche se sono esemplari poco socievoli, le loro caratteristiche fisiche sono inconfondibili anche tra gli altri ominidi. Grazie a questa e ad altre curiosità, i babbuini sono animali relativamente popolari tra la gente.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, sono conosciute come “babbuini” diverse specie appartenenti al genere Papio. Sono parenti stretti dei mandrilli e dei cercopitechi nani del sud, che fanno parte delle cosiddette scimmie del vecchio mondo. Continuate a leggere questo articolo e scoprite alcune curiosità sui babbuini.

Come sono fatti i babbuini?

I babbuini sono animali di taglia media con una lunghezza media compresa tra 50 e 90 centimetri. Mantengono la stessa fisiologia di tutti i primati, con un corpo ampio, arti snelli e coda arcuata. Tuttavia, si differenziano per avere una mascella più lunga e sottile, con grandi canini e un morso potente.

Questi primati sono distribuiti principalmente in Africa, anche se alcuni esemplari abitano la penisola arabica. Per questo motivo il loro habitat comprende sia le praterie della savana che alcune zone arboree.

Un babbuino

Fatti poco conosciuti sui babbuini

I babbuini sono animali riconosciuti per la loro personalità implacabile e per il loro aspetto peculiare. Tuttavia, questo gruppo presenta alcune curiosità ignorate dai più.

1. Sono molto aggressivi

Anche se possono apparire innocui, i babbuini sono caratterizzati da comportamenti aggressivi e talvolta esagerati. Inoltre, questo tipo di comportamento si intensifica durante la stagione riproduttiva, poiché diversi esemplari arrivano persino a inseguire i loro aggressori se questi osano attaccarli.

2. Non hanno molti predatori

Una curiosità particolare sui babbuini è che hanno pochi predatori. Ciò è dovuto al loro comportamento molto aggressivo, tramite il quale scacciano la maggior parte degli animali. In effetti, solo leopardi, coccodrilli e leoni sono in grado di vincere una battaglia contro questi primati, ma non sempre ne escono illesi.

3. Formano grandi gruppi

Nonostante il loro comportamento aggressivo, i babbuini tendono a formare gruppi che vanno da 5 a 200 individui in totale. Naturalmente, mantengono una struttura gerarchica in cui il maschio più forte guida il resto del gruppo. Tuttavia, in genere si verificano conflitti interni (combattimenti) per prendere il comando del gruppo.

Babbuini che si abbeverano

4. La loro coda non è prensile

Per quanto i babbuini possano presentare abitudini arboree, non hanno una coda prensile che li aiuti ad rimanere aggrappati ai rami. Tuttavia, sugli alberi sono molto abili grazie ai loro pollici opponibili, anche se preferiscono trascorrere la maggior parte del tempo a terra.

5. Emettono delle vocalizzazioni piuttosto complesse

Le vocalizzazioni dei babbuini sono essenziali per la comunicazione interna del gruppo. Infatti, la combinazione di vari suoni (urla, ringhi o latrati) e rumori (schiocchi delle labbra o sbadigli) funge da linguaggio. Inoltre, sono in grado di inventare nuove combinazioni per dare un senso a una nuova situazione nel loro ambiente.

6. Il loro sedere è coperto da un callo

I babbuini sono conosciuti anche per il loro sedere particolare, che presenta dei colori vividi (in alcune specie). Contrariamente a quanto sembri, quest’area è in realtà ricoperta da un callo sporgente che ne protegge e ne ammortizza il peso.

7. Esistono 6 specie di babbuini

La tassonomia dei babbuini è cambiata più volte nel tempo. Inoltre, i mandrilli hanno fatto parte di questo gruppo ad un certo punto della storia. Tuttavia, sono attualmente riconosciute solo le seguenti specie e sottospecie formali:

  • Anubi o babbuino verde (Papio anubis).
  • Babbuino della Guinea (Papio papio).
  • Babbuino nero (Papio ursinus).
  • Babbuino Kinda (Papio kindae).
  • Babbuino giallo (Papio cynocephalus).
  • Amadriade (Papio hamadryas).

Come potete vedere, i babbuini sono un gruppo di animali curiosi e molto particolari. Anche se hanno una distribuzione piuttosto limitata ed è improbabile entrare in contatto con loro, ciò non toglie nulla alla grandiosità della specie. Infatti, si potrebbe dire che sono un chiaro punto di riferimento per la fauna africana e asiatica.

Potrebbe interessarti ...
La storia dei babbuini pacifici
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
La storia dei babbuini pacifici

Da sempre, la presenza di babbuini pacifici è qualcosa di molto raro. Questo genere di primati africani è noto per la formazione di enormi truppe.



  • Fuchs, A. J., Gilbert, C. C., & Kamilar, J. M. (2018). Ecological niche modeling of the genus Papio. American Journal of Physical Anthropology, 166(4), 812-823.
  • Anderson, J. R., & McGrew, W. C. (1984). Guinea baboons (Papio papio) at a sleeping site. American Journal of Primatology, 6(1), 1-14.
  • Kemp, C., Rey, A., Legou, T., Boë, L. J., Berthommier, F., Becker, Y., & Fagot, J. (2017). Vocal repertoire of captive Guinea baboons (Papio papio). Origins of human language: Continuities and discontinuities with nonhuman primates, 15.
  • Boë, L. J., Berthommier, F., Legou, T., Captier, G., Kemp, C., Sawallis, T. R., … & Fagot, J. (2017). Evidence of a vocalic proto-system in the baboon (Papio papio) suggests pre-hominin speech precursors. PloS one, 12(1), e0169321.
  • Owren, M. J., Seyfarth, R. M., & Cheney, D. L. (1997). The acoustic features of vowel-like grunt calls in chacma baboons (Papio cyncephalus ursinus): Implications for production processes and functions. The Journal of the Acoustical Society of America, 101(5), 2951-2963.
  • Ennaji, F. E., Fagot, J., & Belin, P. (2022). Categorization of vocal and nonvocal stimuli in Guinea baboons (Papio papio). American Journal of Primatology, e23387.