Curiosità sui coccodrilli: sono animali aggressivi?

17 dicembre, 2020
Il coccodrillo è il rettile più grande di tutta la fauna; anche se apparentemente non è un animale aggressivo, è indispensabile prendere le dovute precauzioni prima di avvicinarsi a questo animale. 

Questi grandi rettili semiacquatici attaccano principalmente per fame, per difendere i loro piccoli o perché si sentono minacciati o in trappola. Spesso, per poter osservare da vicino questi enormi esemplari, alcuni trasgrediscono le norme del buon senso, mettendo a repentaglio la loro incolumità. A continuazione scopriremo alcune curiosità sui coccodrilli e se sono davvero animali aggressivi.

I coccodrilli sono predatori naturali il cui habitat è stato gradualmente invaso dalla presenza dell’uomo. Normalmente, tendono ad allontanarsi se qualcuno si avvicina a loro. Tuttavia, se disturbati possono diventare aggressivi.

Questi animali hanno mascelle forti, denti affilati e possono raggiungere i cinque metri di lunghezza. Reagiscono violentemente al loro principale predatore, che è l’uomo.

Il buon senso?

Spesso, l’incoscienza spinge uomini e donne ad avvicinarsi impavidamente per scattarsi un selfie accanto alle fauci di queste macchine trituratrici. Erroneamente, alcuni pensano che a causa della loro corpulenza reagiranno lentamente e pigramente.

La realtà è ben diversa. Infatti, questi grandi animali hanno movimenti agili e precisi. Altri incidenti, che si verificano con una certa frequenza, sono connessi a turisti avventurosi.

Alcuni cercano persino di mettere della carne nelle loro grandi mascelle, senza alcun tipo di precauzione. Quello che succede è che i coccodrilli confondono il bersaglio e attaccano anche queste persone che non sono attente.

Coccodrillo con le fauci aperte.

Curiosità sui coccodrilli: perché sono aggressivi?

I coccodrilli tendono a nutrirsi di quasi tutto. Sono opportunisti, in quanto tendono ad approfittare di tutto ciò che è alla loro portata. In alcuni luoghi questo diventa un problema perché associano la presenza umana al cibo.

C’è la falsa percezione che solo gli esemplari più grandi debbano essere temuti. La realtà è che tutti i coccodrilli sono aggressivi, grandi e piccoli. Bisogna fare attenzione a tutte le specie e non considerarne nessuna innocua. Anche i morsi degli esemplari più piccoli possono essere molto dolorosi e pericolosi.

Tipi di coccodrilli

Ci sono 23 specie identificate di coccodrilli, sia di acqua dolce che salata. Appartengono all’ordine dei Crocodylia, la stessa famiglia degli alligatori, ma con molte differenze.

Le specie più note per i loro attacchi agli esseri umani sono il coccodrillo del Nilo e il coccodrillo marino. Altre specie sono l’alligatore americano, il coccodrillo cubano, l’alligatore nero e il coccodrillo gaviale.

Questi animali sono grandi nuotatori, capaci di sviluppare velocità intorno ai 32 km/h. Inoltre, hanno anche la capacità di respirare sott’acqua, quindi possono rimanere sommersi per molto tempo senza grossi problemi.

In pratica, molti di questi animali rimangono immobili nelle profondità dei fiumi, incapaci di muoversi durante la loro digestione.

Curiosità sui coccodrilli, coccodrillo nell'acqua.

Curiosità sui coccodrilli

I coccodrilli di solito non si nutrono quotidianamente, ma ogni sette giorni. Solitamente, non vanno a caccia, ma aspettano che la loro preda appaia. Pertanto, rimanendo per lo più in acqua, possono avere accesso a quegli animali che si avvicinano ignari alla riva del fiume o del lago per bere, quindi approfittano della situazione.

Fortunatamente, non capita spesso che le loro prede siano esseri umani. Ma, poiché sono cacciatori di opportunità, se sono affamati e le persone sono alla loro portata, non sprecheranno il momento.

I coccodrilli non si muovono velocemente sulla terraferma. Le loro gambe sono piuttosto corte rispetto alle dimensioni del loro corpo, e sono anche molto pesanti. Così perdono la destrezza, l’eleganza, ma soprattutto la velocità che mostrano nell’acqua.

Le ragioni principali per cui escono sulla terra asciutta sono per prendere il sole e deporre le uova. Le femmine possono deporre fino a 100 uova in una sola deposizione. La loro armatura squamosa permette loro di godere dei benefici del sole, senza esserne danneggiati.

È proprio questa stessa pelle che li protegge in natura, ma che per i loro predatori umani significa molto denaro. Per lo più sotto forma di stivali, portafogli o simili. Purtroppo, questo rappresenta una seria minaccia per la continuità della specie.