Differenze tra canguro e wallaby

I denti premolari di entrambe le specie hanno una forma appiattita che serve a schiacciare il cibo. I canguri in genere non fanno uso di queste strutture, quindi le perdono una volta cresciuti.
Differenze tra canguro e wallaby

Ultimo aggiornamento: 14 marzo, 2022

I marsupiali sono un gruppo di animali peculiare caratterizzato da un marsupio tramite il quale allattano i piccoli. La maggior parte si trova in Australia, motivo per cui sono diventati la specie di punta del paese. Il canguro e il wallaby sono gli animali più conosciuti, anche se sono molto simili tra loro.

I termini canguro e wallaby vengono usati in modo intercambiabile per descrivere varie specie del gruppo dei macropodi. Ciò significa che non rappresentano una categoria tassonomica formale, il che crea conflitti quando si cerca di distinguerli tra loro. Continuate a leggere questo articolo in modo da sapere come identificarli.

Un canguro o un wallaby?

Entrambi i termini si riferiscono a varie specie di mammiferi caratterizzati da piedi lunghi e pelo folto. Non vi sono grosse differenze tra loro, quindi può risultare difficile classificare ciascuno di questi mammiferi marsupiali come wallaby o canguro senza prima conoscerli un po’.

La popolarità di questi animali ha fatto sì che venissero stabilite delle regole per distinguerli. Tuttavia, a livello tassonomico le differenze tra il canguro e il wallaby sono spesso molto poco chiare. Ad esempio, il genere Macropus comprende tra le specie il canguro rosso, ma anche il wallaby dal collo rosso. L’uso di questi termini sembra indicare che si tratti di specie lontane, quando in realtà sono parenti stretti.

Un canguro grigio orientale.
Una mamma canguro con sua figlia.

Come faccio a notare le differenze tra il canguro e il wallaby?

Le differenze tra il wallaby e il canguro si basano quasi interamente sull’aspetto fisico dei due animali. Grazie a questo è possibile classificarli semplicemente osservandoli a distanza. I punti più importanti che di solito vengono presi in considerazione sono la taglia, la forma del corpo, il colore, le caratteristiche dei denti e l’aspettativa di vita.

Taglia

Questa è la differenza più evidente tra i due animali, dal momento che i canguri possono superare 1,5 metri di altezza e raggiungere un peso di 90 chilogrammi. Nel caso dei wallaby, le loro dimensioni non superano il metro di altezza e il loro peso raggiunge a malapena i 20 chilogrammi. Questa è la caratteristica più evidente e consente di distinguerli facilmente tra loro.

Ad esempio, il wallaby dal collo rosso (Macropus rufogriseus) è la specie più grande del suo gruppo, con un’altezza di circa 90 centimetri e un peso di circa 20 chilogrammi. Al contrario, il canguro rosso (Macropus rufus) è il marsupiale più grande esistente, può superare i 2 metri di altezza e superare i 90 chili di peso.

Forma del corpo

Sebbene l’aspetto dei 2 marsupiali sia abbastanza simile, la forma degli arti presenta alcune differenze associate ai loro stili di vita. Il canguro ha delle zampe grandi e allungate che gli permettono di percorrere grandi distanze saltando. Al contrario, il wallaby ha piedi più compatti che gli consentono di destreggiarsi tra gli alberi.

Potremmo vederla anche come se i wallaby fossero più “vicini al suolo”, mentre i canguri hanno un aspetto più eretto e alto. La caratteristica da cui dipende questa differenza è la distanza tra le ginocchia e le caviglie.

Colore

La pelliccia dei macropodidi non presenta grosse differenze tra i membri del gruppo. Tuttavia, alcune piccole differenze consentono di distinguere tra loro gli esemplari. I canguri mostrano una colorazione uniforme grigia o marrone, mentre i wallaby hanno tonalità miste di due o tre colori.

Denti

Questo aspetto è forse uno dei più difficili da identificare, dal momento che non è possibile controllare la bocca dell’animale. Tuttavia, le differenze nella loro alimentazione fa sì che questi animali abbiano denti leggermente diversi l’uno dall’altro. I canguri si distinguano per i denti affilati e ricurvi, mentre i wallaby hanno denti più piatti.

I cambiamenti nella forma dei denti sono determinati dal tipo di cibo. Il canguro preferisce nutrirsi di erba e ha bisogno di denti affilati per masticarla. I wallaby mangiano le foglie presenti nelle foreste, quindi hanno bisogno di denti piatti per schiacciarle.

Aspettativa di vita

Sebbene questa caratteristica non sia facile da osservare ad occhio nudo, è un’ulteriore differenza che ci permette di distinguere tra loro i due marsupiali. La durata media della vita del wallaby è compresa tra gli 11 e i 14 anni, in contrasto con i 15-20 anni che possono raggiungere i canguri. Questi dati sono strettamente legati alle condizioni del loro habitat, poiché eventi come la siccità influiscono negativamente sulla durata della vita degli esemplari.

Un wallaby su uno sfondo bianco.
Un wallaby.

I canguri e i wallaby sono animali straordinari che si somigliano molto tra loro, ma possono essere facilmente riconosciuti per via delle dimensioni. Nonostante ciò, sono parenti così stretti che a livello tassonomico di solito non vengono distinti accuratamente. Ciò non significa che sia sbagliato chiamarli cos¡, ma che si tratta di nomi colloquiali che servono ad identificarli senza troppe complicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Wallaby: un piccolo canguro tutto da scoprire
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Wallaby: un piccolo canguro tutto da scoprire

Il Wallaby viene spesso confuso con il canguro, ma si tratta di due specie diverse, nonostante presentino delle similitudini. Scopriamolo assieme!



  • Higginbottom, K. (1989). Macropod Studies at Wallaby Creek. Viil. Capture of Wild Red-Necked Wallabies by’blow-Darting’. Wildlife Research, 16(2), 173-178.
  • Caughley, G. (1964). Social organization and daily activity of the red kangaroo and the grey kangaroo. Journal of Mammalogy, 45(3), 429-436.
  • Bilton, A. D., & Croft, D. B. (2004). Lifetime reproductive success in a population of female red kangaroos Macropus rufus in the sheep rangelands of western New South Wales: Environmental effects and population dynamics. Australian Mammalogy, 26(1), 45-60.
  • Hume, I, Jarman, P., Renfree, M. & Temple-Smith, P. (1989) Fauna of Australia Macropodidae in Walton, D. & Richardson, Fauna of Australia (Volume 1B). AGPS Canberra.