Elefante: caratteristiche, comportamento e habitat

È uno degli animali più grandi e più belli che esistano. Appartiene al gruppo dei pachidermi (per la sua pelle spessa) e può pesare più di 1 tonnellata. Oggi vi raccontiamo tutto dell’elefante, uno dei “5 Grandi” dell’Africa: caratteristiche e curiosità. Come, per esempio, il fatto che il suo cervello pesa fino a 5 kg.

Caratteristiche dell’elefante

È il più grande mammifero terrestre del pianeta e attualmente ne esistono due sottospecie: quella africana e quella asiatica. L’elefante discende dal mammut e dal mastodonte.

Tra le sue caratteristiche particolari possiamo evidenziare il suo naso allungato che non ha ossa e che viene utilizzato per raccogliere cibo, emettere suoni o identificare gli odori. Tutti lo conoscete già con il termine “proboscide“. Si potrebbe dire che funziona come un braccio dotata di una precisissima mano.

un bell'esemplare di elefante africano di fronte

Un altro elemento che attira l’attenzione sono le bianchissime ed appuntite zanne, che fanno parte della struttura ossea dell’elefante. Le orecchie sono molto grandi per via della loro funzione termoregolatrice. Hanno un gran numero di vasi sanguigni e, grazie al loro movimento, rappresentano il miglior sistema per abbassare la temperatura corporea dell’animale, durante le giornate più calde.

La comunicazione avviene sia attraverso il potente barrito che sfruttando l’emissione di suoni a bassa frequenza che viaggiano via terra e vengono percepiti attraverso le gambe.

L’altezza degli elefanti può superare i 3 metri e, nonostante le loro grandi dimensioni, possono correre a 40 km/ora. La gestazione dura 22 mesi e alla nascita il cucciolo di elefante pesa già quasi 100 kg.

Comportamento dell’elefante

Questo grande animale è molto sociale e vive in branchi. Per comunicare tra loro usano i suoni prodotti dalla proboscide, e sono in grado di esprimere emozioni diverse. L’uso del prominente naso serve per mostrare paura o segnalare un pericolo imminente. In questo modo l’elefante avverte la sua famiglia, che è composta principalmente da esemplari femmina e giovani, e alcuni maschi adulti, come una vera e propria compagnia militare.

Con una differenza però: i maschi, infatti, vivono soli fino al momento dell’accoppiamento. In quel periodo si riavvicinano alla mandria.

Quando un esemplare è troppo vecchio o si sente male, tutti gli altri membri del gruppo si sistemano intorno a lui per accompagnarlo negli ultimi giorni di vita. Gli elefanti africani sono molto intelligenti e possono contare su un cervello di dimensioni impressionanti.

Per sopravvivere, all’elefante non serve fuggire, dal momento che non ha predatori. Il nemico più grande per questa specie, senza dubbio, è l’uomo. Per secoli è stato cacciato indiscriminatamente, sia per estrarre le sue zanne d’avorio, per usarlo come mezzo di trasporto, o per sfruttarlo, facendo soldi in circhi e zoo.

Se la sua caccia è vietata, il mercato nero e il bracconaggio, invece, continuano. Se aggiungiamo a ciò che le gravidanze sono molto lunghe e che gli elefanti hanno un solo cucciolo alla volta, è facile capire perché l’elefante sia oggi in pericolo di estinzione.

La buona notizia è che una femmina può dare alla luce fino all’età di 50 anni e avere un cucciolo ogni 3 anni in uno stato naturale. Inoltre, questa specie è una delle più longeve, dal momento che un esemplare sano, adulto, può tranquillamente raggiungere gli 80 anni di vita.

Habitat e alimentazione dell’elefante

Gli elefanti possono adattarsi ai diversi climi ed ecosistemi. Sebbene siano spesso visti nelle praterie africane, possono anche vivere nelle foreste o nelle savane. Hanno bisogno di una fonte d’acqua vicina per bere e anche di fare il bagno per ridurre il calore.

una famiglia di quattro elefanti beve nel fiume

Questi enormi mammiferi amano sguazzare nel fango e persino fare una pioggia di polvere per contrastare gli effetti dei raggi solari o delle punture di insetti.

La maggior parte degli elefanti vive in aree protette e di solito migra durante tutto l’anno. Nel caso dell’Asia, il suo habitat si trova nelle foreste tropicali della Thailandia, della Cina e dell’India.

Nonostante sia molto grande, l’elefante è erbivoro e la sua dieta è basata su erba, frutta, corteccia di alberi, piante e piccoli cespugli. Puoi mangiare fino a 250 kg di cibo al giorno. Dalla nascita fino ai 2 anni, la prole si nutre solo di latte materno. Ogni giorno trascorrono non meno di 16 ore a nutrirsi, perché il loro corpo può elaborare solo il 50% di ciò che mangiano. E un altro fatto: un elefante può bere fino a 15 litri di acqua alla volta.

Numeri da record, davvero, per uno degli animali più affascinanti che esistano in natura. Speriamo che l’uomo si ravveda presto e faccia di tutto per salvaguardare questo nobile ed intelligente essere vivente.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche