Granchi del mare di Bering: tipologie e pesca

I granchi reali del mare di Bering hanno un valore commerciale approssimativo compreso tra $ 100 e $ 130 al chilo. Tra il 1975 e il 2018, i granchi reali sono stati la seconda specie più preziosa per i pescatori.
Granchi del mare di Bering: tipologie e pesca

Ultimo aggiornamento: 30 luglio, 2021

Il mare di Bering contiene un’enorme varietà di specie. Si trova a nord dell’Oceano Pacifico, che separa i continenti asiatico e americano. Gli animali marini che la abitano sostengono la vita di molte persone, motivo per cui è considerata una zona importante per la pesca. Questo luogo si distingue soprattutto per una delle sue risorse più preziose: i granchi del mare di Bering.

La vita in queste acque fredde e difficili ha fatto sì che i prezzi di questi granchi fossero piuttosto alti. Alcuni sono considerati delle vere prelibatezze, degne di un menu di lusso. Scoprite di più su questi granchi nelle righe seguenti.

Granchi del mare di Bering

Granchio gigante (Paralithodes camtschaticus)

Il granchio gigante, noto anche come granchio reale rosso o re granchio, è una delle principali specie pescate nel mare di Bering. La sua distribuzione è piuttosto ampia, poiché si estende dal Giappone, attraverso la Kamchatka, in Russia, fino alle coste del Nord America. Appartiene al gruppo dei King Crabs o granchi reali, che si distinguono per le grandi dimensioni e la forma spinosa.

Come suggerisce il nome, questo crostaceo mostra una colorazione rossa, con un guscio largo fino a 17 centimetri. Inoltre è un decapode, quindi ha 10 zampe, 2 larghe a forma di tenaglia, 6 che servono per camminare e le ultime 2 poco percettibili, ma vicine alle sue fauci. La forma del suo corpo e i suoi arti gli hanno fatto guadagnare il soprannome di granchio gigante.

Questo organismo abita solitamente le profondità del mare e si seppellisce nei banchi di sabbia, muovendosi solo per nutrirsi. Tuttavia, durante l’inverno e all’inizio della primavera, migra in superficie per riprodursi. Questa situazione viene utilizzata dai pescatori per catturarlo, seguendo le regole proposte dai governi locali.

Uno dei granchi del mare di Bering su sfondo bianco.

Granchio reale dorato (Lithodes aequispinus)

Questo decapode si trova dalla Columbia Britannica, attraverso le Isole Aleutine, fino alle regioni del Mar del Giappone. Rispetto al granchio gigante, questo è più piccolo, in quanto il suo peso medio è di circa 3 chilogrammi.

Nonostante il nome, il colore di questo crostaceo varia da un giallo spento a tonalità bruno-dorate, che lo rendono molto distinguibile dalle altre specie. Nonostante ciò, continua a condividere le stesse caratteristiche fisiche con le suddette specie: 5 paia di arti e una migrazione verso le acque superficiali durante l’inverno-primavera, tra le altre.

All’inizio la pesca di questa specie veniva effettuata per errore, poiché l’obiettivo era catturare i granchi giganti. Tuttavia, è stato introdotto sul mercato come alternativa, perché il suo sapore è solitamente un po’ più dolce e leggero di quelli di altre specie.

Granchio reale scarlatto (Lithodes couesi)

Questo è il tipo più piccolo e raro di granchio reale nel Mare di Bering e si trova nel Golfo dell’Alaska, viaggiando dal Pacifico orientale a San Diego. Per questo motivo, i pescatori non vedono che la loro pesca è praticabile, nonostante sia considerata una prelibatezza per il suo sapore.

La dimensione della conchiglia di questo invertebrato è larga appena 11,5 centimetri, con un colore scarlatto che è all’altezza del suo nome. La specie si trova solitamente a profondità fino a 180 metri, anche se molto è ancora sconosciuto su questo organismo.

Granchio reale blu (Paralithodes ornitorinco)

Questo decapode è considerato il più grande dei granchi del mare di Bering, perché la sua popolazione è solitamente leggermente più grande di quella del gigante rosso. Attualmente i loro nuclei riproduttivi sono distribuiti nell’isola di San Mateo e nelle Isole Pribilof. Tuttavia, al di fuori di Bering ci sono gruppi di questi crostacei, in particolare nei mari del Giappone e del Nord America.

L’aspetto di questo invertebrato è simile a quello dei precedenti, con la particolarità che presenta una colorazione bluastra alle estremità. Nonostante ciò, il loro guscio è solitamente bruno-rossastro. Sebbene abbia tutte le caratteristiche per essere commercializzato, poiché la sua popolazione è stata mantenuta piccola, è stato permesso di essere catturato solo dalla gente locale.

Grazie al periodo di chiusura commerciale – imposto tra il 1990 e il 2000 – la sua popolazione è aumentata. Per questo motivo, il governo dell’Alaska ha ora consentito il commercio della specie.

Grancevola artica e opilio (Chionoecetes bairdi e C. opilio)

Sebbene siano specie diverse, questi crostacei coesistono negli stessi habitat, motivo per cui entrambi sono stati chiamati granchi delle nevi. Entrambi abitano il Mare di Bering, ma si estendono lungo le coste dell’Alaska. È noto infatti che, a causa della loro parentela, queste specie si sono ibridate, generando popolazioni con caratteristiche di entrambi gli organismi.

Questi decapodi sono molto più piccoli degli altri della lista, poiché il loro guscio raggiunge a malapena i 7 centimetri di larghezza. Inoltre, si distinguono presentando un fronte rostrale – 2 protuberanze sulla schiena – vicino alla bocca. Per quanto riguarda il corpo, ha solitamente colori bruno-rossastri iridescenti e granuli sporgenti ai margini.

Un gruppo di granchi

Granchi del mare di Bering: Granchio di Dungeness (Metacarcinus magister)

Sebbene questa specie non si trovi nel mare di Bering, può essere catturata intorno a queste acque. La sua distribuzione copre le coste dell’Alaska, raggiungendo la baia di Magdalena, in Messico. Questo decapode non fa parte dei granchi reali, tuttavia è l’alternativa economica a loro, perché mantiene un buon sapore e un’elevata abbondanza.

Questo crostaceo ha un colore bruno-grigiastro, con un carapace liscio largo fino a 20 centimetri. Questi invertebrati abitano solitamente a profondità di 230 metri, in fondali fangosi o sabbiosi, nei quali si proteggono seppellendosi.

Uno dei granchi del mare di Bering.

Come si pesca nel mare di Bering?

La stagione della pesca inizia durante i mesi autunnali, principalmente nelle acque intorno alle Isole Aleutine. In origine, le reti da traino venivano utilizzate per catturare pesci e granchi del mare di Bering. Tuttavia, furono presto sviluppate trappole a forma di scatola, che consentirono di catturare selettivamente i granchi.

Queste scatole sono costituite da un telaio in acciaio circondato da reti di nylon, che insieme all’esca, riescono ad attirare i crostacei per catturarli. Una volta che questa struttura viene rilasciata, viene lasciata sul fondo per alcuni giorni prima della raccolta, per dare tempo all’esca di lavorare. Inoltre, a seconda dell’area e della profondità alla quale questa trappola viene rilasciata, possono essere catturate una o più specie di decapodi.

Il compito può sembrare semplice, ma non lo è, poiché la sfida si concentra sulla sopravvivenza in acque gelide e freddo estremo. In effetti, il governo degli Stati Uniti lo considera il tipo di pesca commerciale più pericoloso. Ciò è dovuto all’infinità di incidenti che si sono conclusi con morte certa per i membri delle navi.

Attualmente è stato dispiegato personale della Guardia Costiera che è riuscito a ridurre la mortalità per questa attività. Tuttavia, il numero di incidenti è ancora alto e ci sono ancora persone capaci di rischiare la vita per questo “oro rosso”. Nel 2005 è stata trasmessa una serie di documentari intitolata Deadliest Catch, che descrive i pericoli di avventurarsi a pescare nel mare di Bering.

Regolamento di pesca

Poiché tutti i granchi citati sono specie ambite, i pescatori sfruttano eccessivamente queste risorse. Per questo motivo sono state poste delle restrizioni per controllare la situazione: ora le barche possono tenere solo esemplari maschi e che misurano più di 12,3 centimetri di larghezza.

Il rilascio delle femmine riproduttive consente alle popolazioni di questi organismi di rigenerarsi, mantenendo un equilibrio tra le due parti.

La pesca dei granchi nel mare di Bering.

Grazie agli sforzi di manutenzione del governo locale, i granchi del mare di Bering sono sopravvissuti allo sfruttamento eccessivo. Anche se sembra strano, prendersi cura di questi crostacei significa proteggere il lavoro dei pescatori e delle loro famiglie. In questo modo si costruisce il futuro di entrambi: la natura non fornisce risorse illimitate, ma ne fornisce di rinnovabili.

Potrebbe interessarti ...

La pesca minaccia il pinguino dagli occhi gialli
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La pesca minaccia il pinguino dagli occhi gialli

Un recente studio mostra i danni che sta causando la pesca a strascico, la principale causa di morte del pinguino dagli occhi gialli.



  • Zhou, S., Shirley, T. C., & Kruse, G. H. (1998). Feeding and growth of the red king crab Paralithodes camtschaticus under laboratory conditions. Journal of Crustacean Biology18(2), 337-345.
  • Kovatcheva, N., Epelbaum, A., Kalinin, A., Borisov, R., & Lebedev, R. (2006). Early life history stages of the red king crab Paralithodes camtschaticus (Tilesius, 1815): biology and culture.
  • Shirley, T. C., & Shijie, Z. (1997). Lecithotrophic development of the golden king crab Lithodes aequispinus (Anomura: Lithodidae). Journal of Crustacean Biology17(2), 207-216.
  • Olson, A. P., Siddon, C. E., & Eckert, G. L. (2018). Spatial variability in size at maturity of golden king crab (Lithodes aequispinus) and implications for fisheries management. Royal Society open science5(3), 171802.
  • Somerton, D. A., & MacIntosh, R. A. (1985). Reproductive biology of the female blue king crab Paralithodes platypus near the Pribilof Islands, Alaska. Journal of Crustacean Biology5(3), 365-376.
  • Somerton, D. A. (1981). Regional variation in the size of maturity of two species of tanner crab (Chionoecetes bairdi and C. opilio) in the eastern Bering Sea, and its use in defining management subareas. Canadian Journal of Fisheries and Aquatic Sciences38(2), 163-174.
  • Stoner, A. W., Rose, C. S., Munk, J. E., Hammond, C. F., & Davis, M. W. (2008). An assessment of discard mortality for two Alaskan crab species, Tanner crab (Chionoecetes bairdi) and snow crab (C. opilio), based on reflex impairment. Fishery Bulletin106(4), 337-347.
  • Froehlich, H. E., Essington, T. E., Beaudreau, A. H., & Levin, P. S. (2014). Movement patterns and distributional shifts of Dungeness crab (Metacarcinus magister) and English sole (Parophrys vetulus) during seasonal hypoxia. Estuaries and Coasts37(2), 449-460.
  • McLean, K. M., & Todgham, A. E. (2015). Effect of food availability on the growth and thermal physiology of juvenile Dungeness crabs (Metacarcinus magister). Conservation physiology3(1).
  • Pérez-Barros, P., Albano, M., Diez, M. J., & Lovrich, G. A. (2020). Pole to pole: the deep-sea king crab Lithodes couesi (Decapoda: Lithodidae) in the Burdwood Bank, Southwestern Atlantic Ocean. Polar Biology43(1), 81-86.
  • Somerton, D. A. (1981). Contribution to the life history of the deep-sea king crab, Lithodes couesi, in the Gulf of Alaska. Fish Bull79, 259-269.
  • Zheng, J., & Kruse, G. H. (2006). Recruitment variation of eastern Bering Sea crabs: climate-forcing or top-down effects?. Progress in Oceanography68(2-4), 184-204.
  • Kotwicki, S., & Lauth, R. R. (2013). Detecting temporal trends and environmentally-driven changes in the spatial distribution of bottom fishes and crabs on the eastern Bering Sea shelf. Deep Sea Research Part II: Topical Studies in Oceanography94, 231-243.
  • Szuwalski, C., Cheng, W., Foy, R., Hermann, A. J., Hollowed, A., Holsman, K., … & Zheng, J. (2021). Climate change and the future productivity and distribution of crab in the Bering Sea. ICES Journal of Marine Science78(2), 502-515.