I gechi sono velenosi?

I gechi sono dei piccoli rettili molto facili da trovare nei luoghi urbani caldi. Contrariamente a quanto insinuano alcuni luoghi comuni, sono completamente innocui.
I gechi sono velenosi?

Ultimo aggiornamento: 03 luglio, 2021

I gechi comuni possono essere visti comunemente negli ambienti urbani, specialmente durante le calde notti estive. Come con molti altri animali, questa vicinanza agli esseri umani ha generato tutta una serie di miti e idee sbagliate sui gechi, come ad esempio la convinzione che siano velenosi.

Queste credenze, prive di fondamento nella realtà, provocano una sensazione di rifiuto o disgusto nei confronti di questi piccoli rettili. Nonostante ciò, i gechi non sono in grado di causare alcun danno alle persone e, infatti, la loro presenza di solito è abbastanza vantaggiosa per l’uomo. Continua a leggere se vuoi capire perché.

Caratteristiche dei gechi

Il geco comune (Tarentola mauritanica) è uno dei 2 gechi che popolano la penisola iberica. L’altro tipo è il geco rosa (Hemidactylus turcicus), simile a quello comune, ma meno frequente.

Il geco comune può raggiungere i 19 centimetri dalla testa alla coda, sebbene la maggior parte degli individui sia più piccola. Il suo intero corpo è appiattito dorsoventralmente e ricoperto di piccole squame. Inoltre, ha file di tubercoli più grandi su tutta la superficie dorsale.

La colorazione è variabile e contiene toni grigiastri, marroni, nerastri o crema. La tonalità complessiva è generalmente più scura durante il giorno e più chiara di notte. Al contrario, il ventre è molto pallido, quasi traslucido.

Questi animali hanno una testa ampia con 2 occhi prominenti con una pupilla verticale. Le 5 dita di ciascuna gamba hanno una lunghezza simile. Sono appiattite alla punta, con strisce adesive che permettono all’animale di arrampicarsi su una moltitudine di superfici.

Un geco su una parete

La misura della coda si avvicina alla lunghezza del corpo. I gechi hanno la caratteristica di liberarla attraverso un meccanismo chiamato autotomia, per sfuggire ai predatori. Questa coda ricresce dopo un po ‘, ma non ritorna mai al suo aspetto originale. Inoltre, l’animale è più vulnerabile nel corso di questa fase.

Per quanto riguarda il loro habitat, questi piccoli rettili sono antropofili: sebbene abitino anche ambienti naturali, prediligono paesaggi modificati dalla presenza urbana, con muri, pareti o facciate. Sono attivi tutto il giorno, ma hanno un picco di foraggiamento significativo durante la notte.

I gechi sono velenosi?

No, i gechi non sono velenosi. Ci sono alcune specie di lucertole che hanno il veleno, ma tutte appartengono al clade Toxicofera. Al contrario, i gechi sono gechi e non producono sostanze nocive.

Inoltre, questi rettili non sono affatto aggressivi. Di fronte a qualsiasi minaccia, la loro prima reazione è fuggire e nascondersi in una fessura o sotto una pietra.

Anche se uno di questi animali dovesse mordere una persona, va notato che i gechi hanno una forza mascellare molto ridotta e i loro denti sono molto piccoli. Un morso di un esemplare di questa specie non è in grado di rompere la pelle umana.

D’altra parte, un geco proverà a mordere solo se viene catturato, per difendersi. Questo non dovrebbe essere fatto in primo luogo, poiché sottolinea l’animale e può causare molti danni.

Miti e realtà

Ci sono molti altri miti su questi animali. Alcuni sostengono di essere in grado di sputare e rendere cieco o calvo il bersaglio. Si ipotizza anche che possano entrare attraverso gli orifizi del corpo e mangiare gli organi dall’interno, o che abbiano proprietà curative. Ovviamente nessuna di queste affermazioni è vera.

I gechi sono assolutamente innocui per l’uomo. Non solo questo, ma sono anche molto utili, perché sono voraci predatori di invertebrati di ogni tipo.

La loro dieta comprende scarafaggi, ragni, formiche, zanzare, mosche, falene e molti altri artropodi. Pertanto, i gechi sono alleati molto preziosi, che si occupano di tenere a bada le popolazioni di insetti fastidiosi che possono entrare nelle case.

Come agire se c’è un geco in casa tua?

I gechi vivono vicino o sulle pareti delle case. Pertanto, è normale che alcuni finiscano per intrufolarsi attraverso una finestra o una porta. Soprattutto nelle regioni calde, questo evento è molto comune.

Come già stabilito, i gechi non sono velenosi, non recano alcun danno e si nutrono di invertebrati. Inoltre, sono molto discreti e silenziosi. La loro presenza in casa può essere favorevole, quindi se ne trovi uno, un’opzione è semplicemente quella di lasciarlo stare.

Se vuoi espellere il rettile da casa per qualsiasi altro motivo, è sufficiente lasciare una finestra aperta vicino a dove è stato trovato ed andrà via da solo. Il geco finirà per cercare cibo quando non è minacciato.

Un’altra opzione è farlo manualmente, anche se è meno raccomandato nel caso in cui l’animale venga danneggiato. Se opti per quest’ultimo, dovresti sempre agire con calma e con grande attenzione. La coda del geco non dovrebbe mai essere toccata. Si sconsiglia inoltre di stringere la pancia, che è molto morbida, poiché potrebbe danneggiare gli organi interni.

Un barattolo può essere utilizzato per catturare e trasportare l’animale. Una volta fuori casa, si consiglia vivamente di liberarlo vicino a una fessura o buco in cui possa rifugiarsi.

Un geco attaccato a un bicchiere.

In conclusione, va ricordato quanto siano innocui questi piccoli rettili. Non tentano mai di attaccare un essere umano, si nutrono di insetti e rallegrano le notti d’estate correndo intorno alle nostre mura. Come con qualsiasi altro essere vivente, dobbiamo cercare di comprendere la loro natura e rispettarla.

Potrebbe interessarti ...
Caratteristiche e habitat del geco comune
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Caratteristiche e habitat del geco comune

Il geco comune è un rettile molto diffuso nei paesi che affacciano sul Mar Mediterraneo. Scopriamo insieme le sue principali caratteristiche.