Scopriamo insieme l'origine dei rettili

28 marzo, 2021
L'origine dei rettili risale a milioni di anni fa e da allora hanno continuato ad evolversi e diversificarsi. Volete saperne di più? Leggete questo articolo.

L’origine dei rettili risale a circa 320 milioni di anni fa, a partire da una delle linee evolutive degli anfibi. Questi rettili primitivi hanno continuato ad evolversi e diversificarsi, colonizzando i vari ambienti, terra, acqua e aria.

L’origine dei rettili: la classe Reptilia

Questo gruppo di animali è composto da 4 ordini:

  • Cheloni o testudinati, cioè tartarughe e testuggini.
  • Loricati, che sono coccodrilli, alligatori, caimani e gaviali.
  • Rincocefali, costituiti da una sola specie, i tuatara.
  • Squamati, sarebbero i sauri (lucertole, iguane, varani, anfisbene, gechi) e gli ofidi (cioè i serpenti).

Durante il Mesozoico, noto anche come l’era dei rettili, esistevano fino a sette ordini, ma oggi sono rimaste solo le specie che conosciamo.

Lucertola sulla sabbia.

La maggior parte dei rettili si è adattata alla vita sulla terra, o almeno a trascorrere lunghi periodi sulla terra, anche se ci sono ancora alcune specie che preferiscono la vita acquatica. L’adattamento è consistito nello sviluppo di:

  • Una pelle spessa e squamosa.
  • Polmoni ben sviluppati.
  • Un sistema circolatorio a doppio circuito come quello dei mammiferi.
  • Una vescica che conserva l’acqua.
  • Arti forti.
  • Fecondazione interna.
  • Uova terrestri con guscio. Questa caratteristica li colloca in un crocevia nell’evoluzione dei vertebrati. I primi rettili provenivano dagli anfibi, ma differiscono dai loro antenati perché producono uova amniotiche. Cioè, l’uovo del rettile è molto simile a quello degli uccelli. D’altra parte, la loro condizione ectotermica, con il corpo ricoperto di squame e l’assenza di peli e piume li differenziano dagli uccelli e dai mammiferi.
Tartarughe che escono dal guscio.

La maggior parte dei rettili sono carnivori, ma poiché non hanno i molari per masticare, la loro digestione e il loro metabolismo sono molto più lenti di quelli degli altri animali. I rettili che seguono una dieta erbivora ingeriscono anche le pietre per aiutare a schiacciare il cibo nello stomaco. I rettili acquatici hanno la particolarità che, quando ingeriscono queste pietre, le utilizzano non solo per la digestione, ma anche come zavorra nell’acqua, per immergersi più facilmente.

L’origine dei rettili: tassonomia

Ci sono circa 7500 specie di rettili oggi, raccolte nei quattro ordini che abbiamo menzionato in precedenza.

Cheloni

Include le tartarughe terrestri, le tartarughe delle Galapagos e tartarughe marine. È il gruppo di rettili più antico.

Tartarughe di terra.

Tutti i cheloni sono caratterizzati dall’avere un robusto guscio osseo. Ad eccezione delle vertebre cervicali e caudali, il resto – insieme alle costole – appare come un tutt’uno con il carapace.

La maggior parte dei cheloni sono acquatici o semi-acquatici. Tuttavia, ce ne sono altri che si sono adattati a vivere sulla terra per lunghi periodi, anche nelle regioni aride e semi-aride. Per questo, anche se sono di piccole dimensioni, le tartarughe terrestri hanno la vescica urinaria più grande, poiché funge da serbatoio d’acqua. In confronto, la vescica delle tartarughe acquatiche è molto più piccola.

Loricati

Conosciuti comunemente con il nome di “coccodrilli”, questo gruppo include anche alligatori, caimani e gaviali. Sono considerati l’ordine più conservatore perché in pratica mantengono la stessa morfologia da milioni di anni.

Coccodrillo con le fauci aperte.

Se parliamo di origine dei rettili, i loricati furono i primi vertebrati a possedere un cuore a quattro camere e un palato duro. Quest’ultimo, insieme ad una glottide situata nella parte più posteriore della gola, permette loro di nutrirsi nell’acqua.

Hanno un tegumento molto spesso, soprattutto nella parte dorsale del corpo, costituito da osteodermi. I loro occhi sono protetti da una terza palpebra altamente sviluppata, per riuscire a vedere sott’acqua mentre mangiano.

Rincocefali

Questo ordine è composto solo dai tuatara che, sebbene fossero numerosi in passato, sono ora confinati in poche isole al largo della costa della Nuova Zelanda. Sono animali molto longevi: pensate che alcuni possono vivere oltre i 100 anni. Sebbene da fuori somiglino alle lucertole e condividano con loro alcune caratteristiche, appartengono a ordini diversi perché la loro anatomia interna è diversa.

Iguana su una pietra.


Squamati

Dei quattro ordini, questo è il più vario: comprende più di 7000 specie diverse, tra cui i sauri – lucertole, camaleonti, iguane e affini – e i serpenti – serpenti e vipere.

Origine rettili. Serpente giallo.

Mentre alcune lucertole si sono abituate alla vita nelle regioni temperate del pianeta, la maggior parte dei rettili squamati vive nelle zone tropicali calde. La loro caratteristica più evidente è il corpo ricoperto da squame, da cui prendono il nome.

  • Jacobson E. Infectious diseases and pathology of reptiles. Boca Raton, FL: CRC/Taylor & Francis; 2007.
  • Reptilia [Internet]. Es.wikipedia.org. [cited 1 October 2019]. Available from: https://es.wikipedia.org/wiki/Reptilia