Il callorino dell'Alaska: habitat e caratteristiche

I maschi di callorino dell'Alaska vengono allontanati se deboli, e formano dei branchi per cercare di "rubare" le femmine di altri territori. Di fatto, alcune femmine finiscono addirittura per perdere la vita in questi conflitti, anche più spesso dei maschi.
Il callorino dell'Alaska: habitat e caratteristiche
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato da il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 01 novembre, 2022

Il callorino dell’Alaska, chiamato anche “otaria orsina”, è un mammifero noto per la sua bella pelliccia, che vive per lo più in acqua, nuotando senza meta. Tra le sue caratteristiche più evidenti troviamo un peculiare dimorfismo sessuale, il quale rende significativa la differenza tra maschi e femmine.

Le orecchie sulla testa rivelano che è una “falsa foca”, appartenente a un gruppo di mammiferi noto anche come “otarie da pelliccia”. Il callorino dell’Alaska (Callorhinus ursinus) appartiene al gruppo dei pinnipedi ed è un parente stretto dei leoni marini. Continuate a leggere per saperne di più su questo animale dall’appariscente pelliccia.

Habitat artico dei callorini dell’Alaska

I callorini presentano un’ampia distribuzione, partendo dall’Oceano Pacifico settentrionale, il Mare di Bering e il Mare di Okhotsk, per arrivare fino al Giappone. La maggior parte di questi animali si trova lontano dalle coste, tra gli 80 ei 160 chilometri di distanza. Inoltre, anche se sono in grado di raggiungere il circolo polare artico, sono più comuni nelle acque intermedie.

Le loro abitudini consistono nel nuotare in mare aperto tutto il giorno, mentre tornano sulla terraferma solo per la stagione degli amori. Per questo motivo, i callorini dell’Alaska trascorrono solo un intervallo di circa 35-45 giorni all’anno sulla terraferma. Sono animali solitari, e trascorrono la maggior parte della loro vita alla deriva, immergendosi di tanto in tanto per cacciare.

Un callorino dell'Alaska.

Caratteristiche fisiche

Si tratta di una specie piuttosto pesante, dal momento che i maschi possono arrivare fino a 213 centimetri di lunghezza e a un peso di 275 chilogrammi. Tuttavia, le femmine sono più piccole, in grado di raggiungere 213 centimetri di lunghezza e un peso di 50 chilogrammi. Ciò indica una grande differenza tra i sessi, o in altre parole, la presenza di un insolito dimorfismo sessuale.

Hanno un corpo di forma ovale e allungata, con una testa corta ma flessibile e una grande quantità di pelo. La colorazione della pelle presenta sfumature scure di marrone, nero e grigio. Inoltre, i loro arti sono costituiti da pinne allungate, completamente glabre. Quest’ultima è una caratteristica tassonomica importante, poiché serve per identificare la specie.

Le orecchie di questi mammiferi sono vistose, nude e allungate e presentano colori scuri, anche se appena percettibili. Questi mammiferi presentano anche una sorta di vibrisse, o “baffi”, che fuoriescono vicino alla bocca e si estendono oltre le orecchie. Di fatto, questi “baffi” subiscono un processo di invecchiamento, che le fa sbiadire man mano che l’individuo cresce, qualcosa di simile ai capelli grigi negli esseri umani.

Alimentazione del callorino dell’Alaska

Questi mammiferi marini sono carnivori, pertanto si nutrono di diversi tipi di pesci e cefalopodi. Per facilitare la caccia attaccano principalmente acciughe, aringhe, capelin, calamari e altre specie che si muovono in gruppo. Questo non li limita, poiché si nutrono di tutto ciò che riescono per sopravvivere: per questo sono considerati anche animali opportunisti.

I callorini tendono a nutrirsi di notte, poiché è il momento in cui diversi pesci nuotano in superficie. Tuttavia, sfrutteranno qualunque opportunità per catturare la loro preda, indipendentemente dall’ora del giorno o dalle condizioni ambientali.

Riproduzione del callorino dell’Alaska

Gli individui di questa specie sono mammiferi poligami che di solito formano harem, in cui il maschio domina un territorio per accoppiarsi con diverse femmine. Questo evento si svolge ogni anno sulle coste di alcune isole, sulle quali i maschi arrivano per primi e iniziano a lottare per difendere i loro domini. Anche se ciò può sembrare violento, i combattimenti consistono in minacce che raramente finiscono per sfociare in lesioni fisiche.

In generale, la maggior parte degli esemplari torna nelle isole native per riprodursi, di modo che alcune regioni presentano popolazioni elevate di questa specie. In questo senso, i siti più rilevanti sono le Isole Pribilof, le Isole San Miguel, la California, la Russia e il Mare di Bering.

Infatti, secondo un articolo della rivista scientifica Animal Behaviour, questi mammiferi, man mano che crescono, diventano più abili a livello motorio e sono in grado di tornare nell’isola dove sono nati.

I maschi non hanno alcun controllo sul numero di partner che entrano nel loro harem, poiché sono queste ultime a scegliere a quale appartenere. In questo senso le femmine selezionano il territorio in base alle dimensioni del gruppo, motivo per cui finiscono per accumularsi attorno alle coste. Il successo o il fallimento di un maschio dipende dalle femmine.

Gestazione e nascita della prole

La riproduzione avviene ogni anno e le neo mamme si spostano sulla costa per partorire tra i mesi di maggio e giugno. Una volta nati i piccoli, le femmine rimangono negli harem per accoppiarsi con i maschi e quindi rimanere di nuovo incinte. In questo modo le neo mamme approfittano del tempo trascorso a terra prima di ripartire per il mare.

La madre è l’unica che manifesta cure genitoriali minime, poiché fornisce cibo ai piccoli durante i primi giorni di vita. A metà luglio la femmina lascerà il piccolo per andare in cerca di cibo, cosa che la allontanerà circa 4 mesi. Successivamente, nel mese di novembre, torna a dargli da mangiare per l’ultima volta e migra verso sud per l’inverno, abbandonando così il suo piccolo.

Sospensione della gravidanza

Le femmine hanno la capacità di ritardare l’impianto dell’embrione, un evento noto come diapausa embrionale. Ciò significa che la femmina si trova in un punto intermedio tra l’essere incinta e il non essere incinta, come se l’embrione fosse “congelato”. La normale gestazione dura circa 8 mesi, ma considerando i 4 mesi di durata della diapausa embrionale, questa tempistica si può estendere fino a un anno.

Indipendenza dei piccoli

Il fatto che vengano abbandonati dai genitori non rappresenta un grande rischio per i piccoli, trattandosi di animali precoci o, in altre parole, del tutto indipendenti. Ciò significa che, dopo essere stati abbandonati dalle madri (a metà novembre), sopravvivono e imparano a cacciare da soli.

Questa situazione fa sì che il tasso di mortalità dei piccoli sia molto alto, e la maggior parte di loro morirà prima dei 5 anni, nonostante sia una specie longeva in grado di raggiungere i 26 anni di età. Ciò complica la situazione della specie, dal momento che raggiunge la maturità sessuale solo tardivamente (tra gli 8 e i 10 anni).

Stato di conservazione

Secondo l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, questa specie è classificata come vulnerabile. In passato la pelle di questo animale era considerata una grande fonte di reddito. Infatti, ogni anno venivano cacciati tra i 40.000 e i 126.000 esemplari di callorino dell’Alaska.

Esistono programmi per il controllo della caccia a questo mammifero, ma non sono stati del tutto efficaci. Per questo, sebbene la sua popolazione sembri stabile, si teme che vi siano altri fattori non rilevati che possano incidere negativamente su di essa. A questo punto, per mancanza di informazioni, si possono solo rafforzare i piani di gestione e incoraggiare la creazione di zone protette.

Un callorino dell'Alaska che sbadiglia.

I due fattori essenziali che minacciano il callorino dell’Alaska sono l’influenza dell’uomo e la sua stessa biologia. Per questo motivo, l’opzione migliore è puntare a un equilibrio che permetta la rigenerazione delle popolazioni della specie e che ne promuova la convivenza con gli esseri umani.

Potrebbe interessarti ...
Chiudono una strada per proteggere il leone marino della Nuova Zelanda
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Chiudono una strada per proteggere il leone marino della Nuova Zelanda

Chiudono una strada trafficata per proteggere il leone marino che ha deciso di dare alla luce il suo cucciolo in un vicino campo da golf.



  • Scheffer, V. B., & York, A. E. (1997). Timing of implantation in the northern fur seal, Callorhinus ursinus. Journal of Mammalogy78(2), 675-683.
  • Temte, J. L. (1985). Photoperiod and delayed implantation in the northern fur seal (Callorhinus ursinus). Reproduction73(1), 127-131.
  • Daniel Jr, J. C. (1981). Delayed implantation in the northern fur seal (Callorhinus ursinus) and other pinnipeds. Journal of reproduction and fertility. Supplement29, 35-50.
  • Bartholomew, G. A., & Hoel, P. G. (1953). Reproductive behavior of the Alaska fur seal, Callorhinus ursinus. Journal of Mammalogy34(4), 417-436.
  • Baker, J. D., Antonelis, G. A., Fowler, C. W., & YORK, A. E. (1995). Natal site fidelity in northern fur seals, Callorhinus ursinus. Animal Behaviour50(1), 237-247.
  • Kenyon, K. W., & Wilke, F. (1953). Migration of the northern fur seal, Callorhinus ursinus. Journal of Mammalogy34(1), 86-98.
  • Towell, R. G., Ream, R. R., & York, A. E. (2006). Decline in northern fur seal (Callorhinus ursinus) pup production on the Pribilof Islands. Marine Mammal Science22(2), 486-491.
  • Gelatt, T., Ream, R. & Johnson, D. 2015. Callorhinus ursinusThe IUCN Red List of Threatened Species 2015: e.T3590A45224953. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2015-4.RLTS.T3590A45224953.en. Downloaded on 31 July 2021.