Il comportamento dei serpenti

Con quasi 3.500 specie descritte, i serpenti continuano a rimanere un mistero. Il comportamento dei serpenti è affascinante e poco esplorato, ma se volete conoscerlo vi basta leggere il nostro articolo.
Il comportamento dei serpenti

Ultimo aggiornamento: 04 settembre, 2021

I serpenti sono un gruppo di rettili incompreso, in quanto possono causare ammirazione e paura in egual misura. Sono presenti praticamente in tutti i continenti e sono fondamentali all’interno degli ecosistemi. Ma l’essere umano sa realmente tutto sul comportamento dei serpenti?

Il modello di comportamento nei serpenti è molto complesso, poiché varia all’interno di ciascuna specie e molti comportamenti non sono stati ancora associati a un meccanismo biologico specifico. Anche così, tutto ciò che è stato raccolto dai diversi erpetologi del mondo suggerisce che i serpenti sono molto più intelligenti di quanto si possa pensare. Se volete capire perché, continuate a leggere.

Le caratteristiche dei serpenti

I serpenti si trovano all’interno del Regno Animalia, che a sua volta fa parte del phylum Cordata, nella classe dei Rettili, nel superordine Squamata e nell’ordine Ophidea. Attualmente sono note 3496 specie di serpenti, di cui solo 375 sono importanti dal punto di vista medico per l’uomo a causa del loro morso.

La principale caratteristica anatomica e fisiologica dei serpenti è la mancanza di arti, un tratto noto anche come apodia. Hanno corpi allungati che possiamo separare in testa, tronco e coda, sebbene tutte queste sezioni siano ricoperte da squame. Per quanto sorprendente possa sembrare, esistono specie che conservano ancora tracce di quelle che un tempo erano le zampe.

La pelle è molto variabile tra le diverse specie. Questo organo ha funzioni generali condivise e altre specifiche per ciascuno di essi – come il serpente a sonagli. A sua volta, il tessuto esterno dell’animale è costituito da più strati: il primo, molto ricco di cheratina, è quello che fa la muta.

Le scale si sovrappongono e sono spesso usate per distinguere le specie l’una dall’altra. D’altra parte, la pelle nel suo insieme è un organo con più terminazioni nervose, che fornisce ai serpenti una grande sensibilità e tatto.

Per quanto riguarda il tronco dei serpenti, è formato da numerose vertebre, dalle quali emergono un paio di costole. Per quanto riguarda questo problema, sono stati effettuati studi che hanno confrontato diverse specie di serpenti che vivevano in ambienti variabili, con l’intenzione di scoprire se ci fosse alcuna differenza nel loro scheletro in relazione al proprio habitat.

Si è riscontrato esito negativo: le specie analizzate erano praticamente le stesse dal punto di vista morfologico. Una delle possibili spiegazioni è che i serpenti cambiano molto il substrato – e persino il clima – e una morfologia versatile garantisce la sopravvivenza e il successo evolutivo. Pertanto, tutti questi animali devono presentare un potenziale adattabile e comune.

In riferimento alla testa, ci sono chiare differenze tra serpenti velenosi e costrittivi. Entrambi hanno una mandibola con ossa che possono essere mobili o semifisse, con tendini e legamenti molto flessibili che permettono loro di spalancare la mascella, per poter ingerire la preda.

La principale differenza sta nella forma del cranio, piatto e molto più fragile nei serpenti velenosi che nei costrittori. I primi sono più soggetti a traumi cranici, ma compensano con il veleno che permette loro di ingerire la preda in sicurezza.

La dentizione

Per quanto riguarda i denti dei serpenti, possiamo classificarli in diversi tipi:

  • Aglifi: questi serpenti hanno più denti, che gli consentono di afferrare la preda. Questa caratteristica si riscontra soprattutto nelle specie non velenose.
  • Opistoglifi: hanno le zanne e i dispositivi velenosi sul retro della mascella, ed anche piccoli denti. Pochissime specie in questo gruppo causano danni agli esseri umani, motivo per cui di solito sono considerate non velenose.
  • Proteroglifi: questi serpenti hanno 2 piccole zanne collegate alla ghiandola del veleno nella parte anteriore della mascella. Quando mordono, di solito non rilasciano immediatamente la preda, poiché hanno bisogno di tempo per inoculare abbastanza tossine.
  • Solenoglifi: hanno 2 grandi zanne anteriori collegate alle ghiandole velenifere. Queste zanne hanno un’articolazione che consente ai serpenti solenoglifi di muovere i denti. Sono il gruppo con le maggiori conseguenze per la salute umana.
I morsi di serpente possono essere seri.

Il carattere

I serpenti sono animali a sangue freddo, quindi il loro carattere dipende spesso dalla temperatura ambientale. A basse temperature vanno in letargo, mentre durante il resto dell’anno la loro attività varia a seconda dell’ambiente. Poiché non possono generare abbastanza calore per rimanere costanti, dipendono completamente dalle variabili dell’ecosistema.

Inoltre, il carattere dipende da ogni specie e differisce anche da individuo a individuo, poiché ci sono serpenti che possono essere più intrepidi di altri. Normalmente sono animali tranquilli che trascorrono la maggior parte del loro tempo a termoregolare la loro temperatura, cosa strettamente legata al comportamento dei serpenti.

Quando un serpente è più aggressivo o nervoso, aumenta proporzionalmente il suo dispendio energetico. Questi comportamenti si manifestano principalmente quando questi animali cacciano, difendono il territorio, è la stagione riproduttiva o nella lotta ai predatori.

La comunicazione dei serpenti

La comunicazione degli esseri viventi è legata ai sensi. Nel caso dei serpenti, i sensi principali per comunicare con l’ambiente e con gli altri individui sono i seguenti:

  • Vista: dipende molto dalla specie in questione, poiché alcune hanno un ottimo sistema visivo, mentre altre sono praticamente cieche – come i serpenti scavatori.
  • Tatto: i serpenti hanno un senso del tatto molto sviluppato, che permette loro di sapere in quale substrato si trovano, ma anche di percepire le vibrazioni che si generano nell’ambiente. Con questo, i serpenti sono in grado di rilevare prede e pericoli.
  • Odore: l’odore dei serpenti non è come quello degli umani. Questo senso è legato alla lingua biforcuta, responsabile della raccolta di informazioni chimiche dall’ambiente. Queste sostanze raggiungono l’organo di Jacobson, presente all’interno della bocca. Una volta catturate, le particelle danno informazioni all’animale sia sulle caratteristiche dell’ambiente, sia su tutte le possibili specie presenti in esso.
  • Fossatermorecettore: alcuni serpenti, soprattutto velenosi, possiedono anche un altro organo in grado di offrire una visione termica dell’ambiente.
  • Udito: per quanto riguarda il senso dell’udito, questo è praticamente inesistente nei serpenti. Si ritiene che siano praticamente sordi, poiché mancano di un orecchio medio.

Oltre a questo, i serpenti comunicano anche con altri serpenti o specie attraverso determinati movimenti. Vediamo un po’ come fanno.

Il linguaggio del corpo

Il linguaggio del corpo dei serpenti ci permette di conoscere il loro stato d’animo. Il comportamento dei serpenti calmi si manifesta principalmente sotto forma di assenza di movimento o con movimenti striscianti. D’altra parte, quando si sentono attaccati, presentano una moltitudine di movimenti del corpo che dipendono da ciascuna specie.

In questi casi, la maggior parte delle specie aumenta il proprio volume – si gonfiano, aprono la zona del collo, si sollevano – o generano qualche tipo di suono, cercando di scoraggiare un possibile pericolo. In caso di attacco presentano movimenti rapidi e precisi, e alcuni addirittura sputano veleno.

Il comportamento dei serpenti

L’etologia dei serpenti è ancora molto sconosciuta. Il comportamento di questi rettili, così come la comunicazione, varia notevolmente tra le specie ed è spesso difficile da studiare in natura stessa, motivo per cui la maggior parte delle ricerche è stata condotta in cattività.

Quando si pensa ai serpenti, sono normalmente visti come animali solitari, praticamente privi di relazioni sociali e senza cambiamenti nel comportamento. Questo preconcetto è sbagliato, poiché è stato riscontrato che esistono diverse specie che interagiscono con individui della stessa specie, e serpenti che hanno modificato il proprio comportamento a causa dei cambiamenti climatici.

Uno studio di Morgan Skinner ha mostrato che i serpenti della specie Thamnophis sirtalis sirtalis sono in grado di riconoscersi e scegliere quegli individui con cui hanno il miglior rapporto. Inoltre, è stato verificato individualmente quanto audaci fossero gli esemplari e che vi fossero anche tratti variabili tra di loro.

Gli animali selvatici non possono essere tenuti come animali domestici.

Corteggiamento e accoppiamento

Il comportamento dei serpenti in ambito riproduttivo è strettamente legato ai feromoni, e dipende dalla zona e dalla stagionalità. La maggior parte di loro sono ovipari – depongono le uova – oppure ovovivipari, cioè tengono le uova dentro e poi i piccoli nascono dall’interno della madre.

C’è il caso di qualche serpente viviparo. In questi ambienti, le femmine hanno la placenta e danno origine alla prole già formata.

La riproduzione dei serpenti varia con ogni specie. In alcune, i maschi corteggiano le femmine vibrando, sfregando e persino mordendo. Al momento della riproduzione in quanto tale, il linguaggio ormonale e il contatto sensoriale tra maschio e femmina sono fondamentali per la riproduzione – che può richiedere ore – per concludersi correttamente.

Alcune specie sono anche caratterizzate da combattimenti tra maschi. In questo caso il comportamento dei serpenti varia tra combattimenti con il corpo sollevato e battaglie con il corpo rannicchiato, atto che si accompagna alla spinta. In casi eccezionali, un esemplare dominante può uccidere il maschio rivale.

Le femmine possono cannibalizzare i maschi per ottenere sostanze nutritive. Altri costruiscono nidi per deporre le uova ed è stata addirittura osservata la difesa dell’area del nido da parte di entrambi i genitori, in serpenti come il cobra reale (Ophiophagus hannah).

Il comportamento dei serpenti anti-predatore

Quando un serpente è in pericolo, il suo impulso principale è scappare. Non sono animali aggressivi, si difendono solo in quei casi in cui sono minacciati e senza scampo. Tuttavia, questi rettili mostrano affascinanti comportamenti deterrenti.

Per mostrare il loro pericolo, molti serpenti emettono suoni forti. Indubbiamente, uno dei rappresentanti più evidenti su questo fronte sono i serpenti a sonagli, appartenenti al genere Crotalus.

Questi serpenti compiono movimenti della coda, scuotendo così la campana che hanno all’estremità – costituita da casse cornee – per ottenere un suono stridulo e minaccioso. Un altro esempio è quello della vipera soffiante (Bitis arietans), che genera anche un suono forte quando inspira ed espira aria.

Forse il comportamento più curioso dei serpenti in termini di difesa è quello delle specie che sputano. Quando minacciati, questi rettili aprono la bocca e proiettano un getto di veleno, solitamente diretto agli occhi e alla bocca dell’aggressore. Quando entra in contatto con il predatore, questo può diventare cieco e persino morire se lo ingerisce.

Un’altra forma di difesa è il cambiamento del corpo, durante il quale i serpenti cercano di apparire più grandi. In questi casi i serpenti possono gonfiarsi, sollevarsi e anche in casi particolari aprire un berretto che hanno sul collo.

Per evitare danni con questi rettili, è meglio lasciarli soli in ogni momento.

E’ possibile addestrare un serpente?

I serpenti possono essere abituati a modificare determinati comportamenti grazie alla ripetizione e alla pazienza. Quando un serpente viene tenuto in cattività, normalmente non sarà aggressivo, ma in caso contrario può essere addestrato a cessare di essere aggressivo.

È molto importante mantenere una regolarità in questi allenamenti. All’inizio, si raccomanda di riconoscere diversi individui e non vederli più come una minaccia. Per fare ciò, devono familiarizzare con il profumo del custode. Un’attenta pulizia dei locali senza maneggiare l’animale può aiutare.

Quando si vuole maneggiare il serpente, è consigliabile iniziare con un uncino – se si tratta di una specie velenosa – tenendo la testa dell’animale lontana dal corpo. L’uncino aiuta il serpente a non scambiare la mano del custode per cibo e poco a poco l’animale si abituerà al maneggio.

La corretta gestione può eliminare il comportamento antagonistico, ma il comportamento del serpente non può essere addestrato sotto molti altri aspetti.

Il comportamento dei serpenti incantati

Avrete sicuramente visto incantatori di serpenti nei documentari. Negli spettacoli che realizzano, all’interno di un cesto compaiono dei serpenti – solitamente cobra reali – che si alzano e iniziano a compiere movimenti simmetrici a quelli dello strumento musicale (Pungi) suonato dall’incantatore. Sembrano certamente ipnotizzati.

Le tecniche utilizzate per eseguire questa performance sono molto stressanti e persino mortali per i serpenti che vengono utilizzati. Per evitare rischi, molti degli incantatori estraggono il veleno prima di iniziare lo spettacolo e alcuni addirittura mutilano il serpente estraendogli le zanne.

L’addestramento che subiscono i cobra consiste nella privazione del cibo e nella confusione. Il serpente scambia il Pungi per un rivale e rileva le vibrazioni che lo strumento genera. Si alza per difendersi e attaccare se necessario. Gli incantatori stanno a una distanza di sicurezza per evitare di essere morsi in caso di attacco.

La maggior parte dei serpenti coinvolti in questi spettacoli muore poco dopo.

Sai com'è il comportamento dei serpenti?

Il mondo dei serpenti è affascinante e c’è ancora molto da sapere. La sua conservazione è molto importante per il corretto funzionamento degli ecosistemi, quindi rispettare e proteggere tutti i serpenti del pianeta è necessario per preservare il nostro ambiente.

Potrebbe interessarti ...
L’isola dei serpenti: uno dei luoghi più pericolosi al mondo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
L’isola dei serpenti: uno dei luoghi più pericolosi al mondo

L'isola dei serpenti è un luogo decisamente curioso e interessante, sul quale non vive nessun essere umano. Scopriamo le sue caratteristiche.