Il ragno lupo: habitat, comportamento e caratteristiche

Il ragno lupo è un animale sorprendente, e non solo per il suo aspetto. In questo articolo vi mostriamo tutti i dettagli di questa famiglia di aracnidi.
Il ragno lupo: habitat, comportamento e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2022

È probabile che nell’imbattervi in questi sorprendenti aracnidi pensiate di avere davanti una tarantola. Tuttavia, il ragno lupo appartiene a un altro gruppo tassonomico, per via di alcune sue uniche caratteristiche.

Questi invertebrati infatti appartengono alla famiglia dei Licosidi, parola che deriva dal greco lycos, da cui il “lupo” che forma parte del suo nome. Ma non sono speciali solo per questa curiosità: si tratta di aracnidi dotati di grandi capacità molto interessanti da scoprire, quindi vi consigliamo di continuare a leggere.

Caratteristiche del ragno lupo

L’aspetto del ragno lupo è impressionante: il suo corpo è ricoperto di pelo, ha 8 occhi, si mimetizza facilmente grazie ai suoi colori brunastri ed è dotato di gambe lunghe che passano inosservate per via dei cheliceri sulla sua faccia. Sicuramente, il suo è un nome calzante.

Questa famiglia di aracnidi comprende 123 generi e 2.398 specie diverse.

Inoltre, gli esemplari di questa famiglia di aracnidi sono generalmente di grandi dimensioni. A ciò si aggiungono le loro abitudini notturne, motivo per cui il loro senso della vista e del tatto sono così sviluppati.

Ragno lupo: veleno

Habitat

Il ragno lupo si trova in tutto il mondo (tranne ai Poli), anche se in Occidente predomina il genere Lycosa, spesso confuso con le tarantole. La più grande concentrazione di questi aracnidi, tuttavia, si trova nello stato americano della Carolina del Nord.

Di solito abitano aree boschive, praterie, montagne e deserti in un’ampia varietà di climi, preferibilmente umidi e caldi. In ogni caso, ogni specie è preparata a resistere al clima del suo bioma specifico.

Alimentazione

Come è possibile immaginare, questi ragni sono strettamente carnivori. Inoltre, non solo si nutrono di insetti, ma le specie più grandi possono anche cacciare piccoli rettili se se ne presenta l’occasione.

Comportamento di caccia

A differenza di altri ragni e per via delle loro dimensioni, non tessono ragnatele sospese in aria. Creano invece delle tane verticali nel terreno, dove si nascondono e inseguono la loro preda.

Alcuni generi, come il Pirata, ricevono questo curioso nome per la loro capacità di muoversi in acqua o di tuffarsi per sfuggire ai predatori.

Sebbene siano velenosi, il loro veleno non è tanto potente da uccidere un essere umano adulto. Nella maggior parte dei casi, il loro morso produce lo stesso dolore di una puntura d’ape. È comune che si intrufolino nelle case alla ricerca di piccoli insetti e angoli bui in cui nascondersi.

Comportamento generale

Il ragno lupo è un animale notturno e solitario. Incontra altri esemplari del suo genere solo quando arriva la stagione riproduttiva. Trascorre la maggior parte della giornata all’interno della sua tana, un buco a forma di imbuto nel terreno che ricopre di foglie e altri detriti di terreno per nasconderne l’ingresso. Di solito copre anche le pareti con la seta.

Non solo, ma trascorrono l’inverno in letargo all’interno delle loro tane.

Dal momento che si nascondono nel terreno, sono particolarmente sensibili alle vibrazioni. Questo è il motivo per cui di solito fuggono dagli umani, e risultano innocui se non vengono disturbati. Quando si sentono in pericolo, infatti, sono in grado di emettere un suono percettibile a 10 metri di distanza, quindi è difficile disturbarli involontariamente.

I loro 8 occhi sono posizionati in modo da consentire un’eccellente visione periferica. Come ci si potrebbe aspettare, sono in grado di vedere al buio e di utilizzare questa capacità per catturare le loro prede ad una velocità sorprendente.

Riproduzione del ragno lupo

I ragni lupo si cercano durante la stagione degli amori, in primavera. Di solito sono i maschi a cercare le femmine, selezionando le tane migliori e più profonde, in quanto è un buon indicatore del rischio o meno di essere predato.

Una volta nella tana, corteggiano le femmine muovendo ritmicamente i loro pedipalpi e alzando le zampe anteriori. Quando la femmina è pronta, il maschio si posiziona sul cefalotorace e la feconda.

Le femmine di solito uccidono i maschi al termine della copulazione.

Le femmine, dopo la fecondazione, solitamente realizzano un sacco sferico fatto di seta per trasportare le uova e lo portano appeso all’addome. A differenza di altre famiglie di ragni, mostrano comportamenti di cura parentale, portando i piccoli nell’addome fino alla prima muta.

Ragno lupo: veleno

Esiste una grande varietà di ragni lupo, alcuni più grandi e altri più piccoli. Conoscere la loro natura e il loro comportamento è fondamentale per capire il loro ruolo nell’ecosistema e, soprattutto, per essere consapevoli che il loro aspetto impressionante non ci dà il diritto di ucciderli. Costituiscono una parte molto preziosa della catena alimentare e la loro assenza ha un impatto significativo sull’ambiente.

Pertanto, se siete interessati a questi aracnidi, ora sapete che il genere Lycosidae comprende delle specie molto interessanti e che vale la pena studiarle singolarmente. Vi incoraggiamo a continuare a studiarle, sarà sicuramente un viaggio pieno di sorprese.

Potrebbe interessarti ...
Il ragno lupo: ecco come riconoscerlo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il ragno lupo: ecco come riconoscerlo

Tenendo presente queste caratteristiche, non è difficile identificare il ragno lupo. Ora vi è chiaro come riconoscerlo ed evitarlo?



  • Ibérica, F. (2017, 4 agosto). Araña lobo (Lycosa tarantula). Fauna Ibérica. Recuperado 26 de abril de 2022, de https://www.faunaiberica.org/arana-lobo
  • Jocqué, R., & Alderweireldt, M. (2005). Lycosidae: the grassland spiders. Acta zoologica bulgarica, (ssuppl. 1).
  • Rypstra, A. L., Schlosser, A. M., Sutton, P. L., & Persons, M. H. (2009). Multimodal signalling: the relative importance of chemical and visual cues from females to the behaviour of male wolf spiders (Lycosidae). Animal Behaviour77(4), 937-947.