La determinazione del sesso in alcune specie di tartarughe

La prima volta che venne rilevato il fenomeno della determinazione del sesso in base alla temperatura fu nel 1966, durante uno studio condotto su un rettile africano chiamato agama comune. Volete saperne di più su questo processo?
La determinazione del sesso in alcune specie di tartarughe

Ultimo aggiornamento: 30 novembre, 2021

Le tartarughe sono organismi ovipari che si spostano sulle spiagge o nelle aree vicine per deporre le uova. Durante questo processo, le uova vengono custodite in piccole grotte all’interno della sabbia. Grazie a ciò, è come se si trovassero in una sorta di incubatrice naturale che consente lo sviluppo dei piccoli. Tuttavia, la temperatura non si limita a far schiudere le uova: determina anche il sesso di alcune specie di tartarughe.

Questo fenomeno non è una novità all’interno del gruppo dei rettili, poiché anche i coccodrilli mostrano questo tratto peculiare. Inoltre, questo fenomeno è diventato molto importante per via della situazione climatica globale, poiché il cambiamento della temperatura del pianeta potrebbe finire per influenzare le varie specie. Scoprite in questo articolo in che modo la temperatura determina il sesso di alcune specie di tartarughe.

Come viene determinato il sesso nei mammiferi?

Nei mammiferi, le caratteristiche femminili o maschili sono determinate da un gran numero di geni. Tutti vengono raggruppati in strutture note come cromosomi, che nel caso della determinazione del sesso degli umani sono conosciute come X e Y. Il cromosoma Y è quello che conferisce all’individuo le caratteristiche maschili, mentre il cromosoma X fa lo stesso con le caratteristiche femminili.

In poche parole, la presenza di questi cromosomi è ciò che definisce se un mammifero è maschio o femmina. Tuttavia, alcuni rettili infrangono questa regola, poiché il loro sesso viene determinato dalla temperatura.

Come si schiudono le uova di tartaruga?

La temperatura può definire il sesso di un esemplare?

I rettili sono un gruppo di animali strettamente legati al loro ambiente. Ciò è facilmente osservabile a causa della loro condizione di animali ectotermi, il che significa che hanno bisogno di calore dall’esterno per poter regolare la propria temperatura corporea. Per questo motivo, non è strano che questo tratto influenzi anche altre caratteristiche, come la determinazione del sesso.

In sintesi, i piccoli dei rettili diventano maschi o femmine in base alla quantità di calore che ricevono le uova. Durante questo processo sono coinvolti anche i geni, ma in maniera diversa. Il ruolo della temperatura è quello di “accendere” e “spegnere” questi geni, che sono responsabili del conferimento delle caratteristiche femminili e maschili.

Di conseguenza, è l’ambiente a determinare il sesso dei piccoli.

In che modo la temperatura determina il sesso delle tartarughe?

Il sesso dei piccoli di alcune tartarughe (come la Chelydra serpentina) viene determinato dalla temperatura, poiché la sabbia in cui seppelliscono le proprie uova è in grado di mantenere il calore. Di conseguenza, dipendono in tutto e per tutto dalle condizioni ambientali per quanto riguarda la determinazione del sesso dei propri piccoli.

Se le uova vengono incubate a una temperatura inferiore a 26 °C, i piccoli saranno maschi. Al contrario, perché nasca una femmina, l’uovo deve essere esposto a una temperatura superiore a 31 °C. In questo modo, il sesso delle tartarughe è determinato dal calore emanato in quel preciso momento all’interno della sabbia.

Tutti i piccoli all’interno dello stesso nido nascono dello stesso sesso?

Sebbene la temperatura sia il fattore più importante nella determinazione del sesso, non è l’unico aspetto che influisce su questa caratteristica. Per prima cosa, le buche che scavano le tartarughe sono abbastanza larghe, in modo che ogni uovo può trovarsi in una diversa zona del nido. Per questo motivo, possono nascere piccoli sia maschi che femmine nello stesso luogo, poiché le condizioni saranno diverse a seconda della posizione dell’uovo.

In altre parole, la dimensione del nido fa sì che la quantità di calore trasmessa alle uova non sia la stessa per tutti. Pertanto, è possibile che nascano piccoli di entrambi i sessi nello stesso nido. In ogni caso, la temperatura dell’ambiente definirà se nasceranno più esemplari maschi che femmine o viceversa.

Cambiamento climatico e rischio di estinzione

Il pianeta riesce, in un modo incredibile, a distribuire il calore in tutte le zone del mondo. Tuttavia, negli ultimi anni la temperatura ha iniziato ad aumentare, cosa che si è riflessa in sottili e progressivi cambiamenti del clima. Per questo motivo, questo processo è chiamato cambiamento climatico.

Per alcune specie, in genere un aumento del calore non è un problema. Tuttavia, per le tartarughe è una seria minaccia, poiché dipendono dalla temperatura per determinare il sesso della loro prole. Infatti, all’aumentare delle temperature, c’è una maggiore probabilità che la prole nasca di sesso femminile.

Ad un certo punto, il cambiamento climatico potrebbe far scomparire per sempre i maschi di alcune specie.

Una tartaruga che esce da un uovo.

Un problema che ci riguarda

Penserete che la sovrappopolazione femminile di queste specie di tartarughe non sarà un problema per ancora molti anni. Tuttavia, alcuni rapporti scientifici hanno già riscontrato i primi casi. Secondo una ricerca condotta dall’Office of National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, alcune popolazioni di tartarughe verdi hanno una prole costituita al 99,1% di femmine.

Le tartarughe non sono solo minacciate da fattori esterni, ma anche dai cambiamenti ambientali. Per giunta, il cambiamento climatico è una delle tante conseguenze del consumismo umano. Per questo motivo, ora in maniera indiretta, l’uomo potrebbe causare l’estinzione di diverse specie.



  • Jensen, M. P., Allen, C. D., Eguchi, T., Bell, I. P., LaCasella, E. L., Hilton, W. A., Hof, C. A. M. & Dutton, P. H. (2018). Environmental warming and feminization of one of the largest sea turtle populations in the world. Current Biology, 28(1), 154-159.
  • Herrera, C., Guerra, E., Penalver, V., Rosas, A., Wei, Y., Pringle, J., … & Song, B. (2020). The Impact of Temperature-Dependent Sex Determination on the Population Dynamics of Green Sea Turtles (Chelonia mydas). Revista Bionatura, 5(1), 1029-1038.
  • Ewert, M. A., & Nelson, C. E. (1991). Sex determination in turtles: diverse patterns and some possible adaptive values. Copeia, 50-69.
  • Escobedo-Galván, A. H. (2013). Temperature-dependent sex determination in an uncertain world: advances and perspectives. Revista mexicana de biodiversidad, 84(2), 727-730.
  • Maldonado, L. C. T., & Larios, H. M. (2006). Aspectos moleculares de la determinación del sexo en tortugas. CIENCIA ergo-sum, Revista Científica Multidisciplinaria de Prospectiva, 13(2), 176-182.
  • Díaz Cordero, G. (2012). El cambio climático. Ciencia y sociedad.