In cosa consiste la responsabilità del veterinario per negligenza?

Anche se non è sempre colpa del veterinario se succede qualcosa al nostro animale domestico, in alcuni casi è appropriato ricorrere alla denuncia. Cosa si intende per responsabilità del veterinario per negligenza?
In cosa consiste la responsabilità del veterinario per negligenza?

Ultimo aggiornamento: 02 agosto, 2022

Tutti noi, come proprietari e amanti degli animali, sappiamo bene quanto è importante scegliere un veterinario formato e dedito al mestiere; questo perché dobbiamo essere sicuri di potergli affidare l’integrità e il benessere dei nostri migliori amici.

Tuttavia, a volte dimentichiamo che, come cittadini, è necessario conoscere in cosa consiste la responsabilità del veterinario per negligenza. Ciò implica sapere quando e come possiamo denunciare un professionista per negligenza nell’esercizio della medicina veterinaria.

Per prima cosa, è sicuramente importante e giusto capire che la medicina veterinaria, proprio come quella umana, non è una scienza esatta o infallibile.

Purtroppo esistono molte malattie che possono compromettere gravemente la salute degli animali, così come incidenti che possono portare a danni irreversibili.

Prima di sporgere denuncia nei confronti di un professionista è necessario valutare bene la situazione. Non dobbiamo lasciare che la tristezza per la morte o la salute del nostro animale domestico ci portino a commettere un’accusa ingiusta e impropria.

Donna triste perché il suo animale domestico è morto.

Anche se è difficile, è necessario saper mettere da parte le emozioni e utilizzare il buon senso. Nel valutare la situazione, è fondamentale riflettere se si tratti o meno di un caso di cattiva condotta o di negligenza da parte del veterinario.

In sostanza, per quanto possiamo essere addolorati, cercare un colpevole frettolosamente e senza criterio non è la via giusta. È normale preoccuparsi per i nostri animali domestici, ma la preoccupazione non dovrebbe portarci a essere irrazionali. In questo modo non faremo altro che acuire la nostra sofferenza.

In cosa consiste la responsabilità del veterinario per negligenza e quando è possibile denunciare?

Gran parte delle denunce presentate contro veterinari si concentrano su casi di diagnosi errate e di negligenza nell’esecuzione di procedure cliniche o operative.

Tuttavia, in genere i padroni hanno dei dubbi su come riconoscere un caso di cattiva pratica professionale o di negligenza. Questo perché non hanno una formazione o una conoscenza specifica di medicina veterinaria.

Innanzitutto chiariamo che, secondo l’attuale legislazione, la responsabilità civile veterinaria viene definita “di mezzi e non di risultato”.

Pertanto, il veterinario ha la responsabilità civile di fornire tutte le cure necessarie ai propri pazienti, con il chiaro obiettivo di preservarne la salute e l’integrità fisica e cognitiva. Darà inoltre informazioni ai proprietari sulla diagnosi, le pratiche e i trattamenti da somministrare all’animale.

Tuttavia, va riconosciuto che l’efficacia di un trattamento ambulatoriale o di un intervento chirurgico, ad esempio, non dipende esclusivamente dalla capacità o dalla volontà del professionista.

Cane malato dal veterinario

I risultati ottenuti da un trattamento o da una pratica veterinaria dipenderanno anche dallo stato di salute, dal metabolismo e dalla gravità della condizione o del danno sofferto dal paziente.

Inoltre, le normative in materia di etica stabiliscono che qualsiasi procedura o azione svolta con l’intento di salvare la vita dell’animale non può essere intesa come cattiva pratica o negligenza. Questo anche se tali procedure non sortiscono gli effetti desiderati e l’animale muore.

Il punto chiave è confermare la validità della diagnosi e del trattamento somministrato, e non solo i risultati ottenuti dalla sua applicazione.

Pertanto, la morte o l’aver provocato danni irreversibili alla salute dell’animale non sempre possono essere attribuiti al lavoro del veterinario. Questo a meno che non venga dimostrato che il professionista ha commesso errori nella diagnosi e nella raccomandazione del trattamento appropriato. O in alternativa, che abbia commesso errori nella procedura di somministrazione del trattamento o durante l’esecuzione di un intervento chirurgico.

Tomba di un animale domestico.

Quando si può procedere con una denuncia per negligenza?

In generale, si può procedere se la diagnosi, le pratiche o le cure applicate non salvaguardano la salute del paziente, provocando danni, sofferenze o rischi inutili per il suo benessere.

Possiamo denunciare anche se scopriamo che un professionista non ha la formazione né le qualificazioni necessarie allo svolgimento della professione. Inoltre, nel caso in cui non disponga delle strutture e delle attrezzature necessarie per svolgere le pratiche offerte in clinica.

Se il vostro animale domestico è vittima di negligenza da parte del veterinario, potete rivolgervi al comitato deontologico dell’ordine dei veterinari della vostra città o regione, per presentare un reclamo formale.

Ricordate che sarà necessario fornire delle informazioni sul professionista: ad esempio, il suo nome, numero di registrazione e l’indirizzo della clinica o dell’ospedale in cui cura i suoi pazienti, nonché le circostanze del reclamo.

Potrebbe interessarti ...
Migliorare il comportamento del cane con l’aiuto del veterinario
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Migliorare il comportamento del cane con l’aiuto del veterinario

Solamente attraverso l'amore e la pazienza sarà possibile migliorare il comportamento generale del vostro amico, anche grazie all'aiuto del veterin...




I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.