Perché le indagini sismiche influenzano i cetacei?

2 Marzo 2019
Le indagini sismiche influenzano i cetacei e altre specie marine a livello fisiologico e comportamentale, e questo può essere così grave che alcuni animali finiscono per morire

Ci sono molte notizie preoccupanti riguardo gli effetti che le indagini sismiche hanno sui cetacei. Questi mammiferi marini sono messi in pericolo da questi metodi estrattivi, vietati in alcuni luoghi come il santuario delle Baleari.

In questo articolo cercheremo di capire perché le indagini sismiche influenzano i cetacei.

Cosa sono le indagini sismiche?

Si dice che le indagini sismiche riguardano i cetacei, ma molte persone non sanno realmente di cosa si tratta.

Le indagini sismiche sono un metodo che consente di localizzare i giacimenti marini di petrolio o gas all’interno di una roccia, al fine di sfruttarli meglio.

Queste onde consentono di mappare il fondale marino. Questo mapping può richiedere diverse settimane o addirittura mesi. In questo modo, gli effetti sugli animali perdurano nel tempo.

Durante il mapping, le onde acustiche vengono emesse attraverso dei cannoni ad aria compressa che ritornano indietro portando con sé l’informazione dei diversi strati del fondo marino.

I dispositivi utilizzati per emettere queste onde generano ampie intensità sonore. Queste emissioni sonore influenzano il benessere, la fisiologia o il comportamento di diversi organismi marini.

Indagini sismiche nel mare

Le indagini sismiche influenzano la vita degli animali marini?

Anche se in questo articolo parleremo di come le indagini sismiche influenzano i cetacei, la verità è che hanno anche effetti su altri esseri viventi marini, principalmente i pesci. Per questo motivo, sono stati proposti numerosi tentativi di bloccare le indagini nel Mediterraneo.

I pesci ossei, cioè quelli che hanno le spine ossee invece della cartilagine, sono particolarmente sensibili alle indagini sismiche.

Questo perché hanno la vescica natatoria, uno spazio pieno di gas che permette di regolare il modo in cui nuotano e il loro galleggiamento.

Le indagini sismiche influenzano anche l’udito di questi animali, provocando stordimento e perdita dello stesso, nonché dell’equilibrio di galleggiamento. Questi sono effetti disastrosi sull’ecosistema.

Non mancano poi i risvolti economici negativi: le attività legate alla pesca sono diminuite tra il 30% e il 50% nelle regioni in cui vengono effettuate questo tipo di indagini sismiche.

Non solo i pesci possono essere colpiti: leoni marini, foche e trichechi soffrono di perdita dell’udito e cambiamenti nel comportamento. Purtroppo, gli effetti su questi animali sono stati studiati a malapena.

Nel caso delle tartarughe marine, le loro rotte migratorie vengono influenzate e si verificano cambiamenti nei loro comportamenti sociali. Anche i calamari giganti possono essere colpiti da lesioni agli organi interni.

Effetti delle indagini sismiche

Le indagini sismiche influenzano i cetacei?

Per il modo in cui le balene comunicano fra di loro, è impossibile negare che le indagini sismiche colpiscono i cetacei.

Stiamo parlando di animali sonori che hanno bisogno dei suoni non solo per comunicare, ma anche per stare in guardia o per cacciare.

Così, è stato rilevato che le indagini sismiche influiscono sui cetacei anche a livello dei tessuti, provocando un aumento delle bolle di gas ai danni del fegato, dei reni e dell’apporto di sangue.

Le strutture uditive sono le più colpite e anche le ossa che le compongono possono venire fratturate dalle vibrazioni. Le ferite possono trasformare gli animali in esseri totalmente sordi, quindi specie come la balena blu – che è solitaria ma si riunisce grazie al verso – possono rimanere totalmente sole per tutta la vita.

Anche se i cambiamenti non sono permanenti, una variazione nella soglia di sensibilità per alcuni giorni può significare la morte degli animali, dal momento che hanno bisogno di essere ascoltati per cercare cibo.

Ovviamente, anche se il suono è lontano e non si verifica alcun danno fisico, questi animali perdono la capacità di localizzare le barche. Possono perdere anche la capacità di comunicare a causa del rumore di fondo, oltre a cambiare le rotte migratorie e soffrire di un enorme stress.

Le indagini sismiche influenzano negativamente i cetacei per vari motivi. Da alcune indagini è emerso che anche nella regione artica potrebbero minacciare gli ecosistemi, quindi se vogliamo proteggere la fauna marina bisogna vietare queste attività, soprattutto nelle aree protette.

  • Nicola Corradi, Alberto Giordano, Francesco Giordano, Raffaele Giordano, Roberta Ivaldi, & Alessandro Sbrana. (2008). Sviluppo e prestazioni dei sistemi D-Seismic e SAM per indagini di stratigrafia sismica ad alta risoluzione: l’utilizzo nei progetti di cartografia geologica C.A.R.G. ed in Antartide. 6 Convegno Nazionale per le Scienze del Mare-(CONISMA)- Lecce 4-8 2008. https://doi.org/10.13140/RG.2.1.1781.7364
  • Arcangeli, A., Castelli, A., Marini, L., Moulins, A., Paliaga, B., Tepsich, P., & Tringali, M. L. (2013). UN PROGRAMMA COOPERATIVO DI STUDIO E MONITORAGGIO DEI CETACEI NEL MAR MEDITERRANEO: L’ESEMPIO DELLA RETE DI MONITORAGGIO DA TRANSETTI FISSI. Biologia Marina Mediterranea.
  • Mussi, B., Miragliuolo, a, & Battaglia, M. (1997). Osservazioni sul comportamento di Stenella coeruleoalba (Meyen, 1833) nell’arcipelago Pontino-Campano, Tirreno centro meridionale. Atti Del Terzo Convegno Nazionale Sui Cetacei.