La salute della tigre: 6 fattori che la determinano

In natura o in cattività, la salute della tigre può venire compromessa da alcune malattie. Spesso sono le stesse che colpiscono i gatti domestici.
La salute della tigre: 6 fattori che la determinano

Ultimo aggiornamento: 15 settembre, 2022

La tigre (Panthera tigris) è una delle quattro specie della sottofamiglia dei Panterini, appartenenti al genere Panthera. Il gruppo delle tigri si è diffuso in tutto il continente asiatico. Le tigri sono attualmente estinte o quasi estinte in gran parte dell’Asia. Le popolazioni rimangono relativamente stabili nella Cina nord-orientale, in Corea, in Russia e in parti dell’India e della regione himalayana.

Si conoscono otto sottospecie di Panthera tigris

  • Del Bengala, P. T. tigris. Costituiscono circa l’80% della popolazione totale di tigri.
  • Siberiana, P. T. Altaica.
  • Indocinese, P. T. corbetti.
  • Della Cina meridionale, P. t. amoyensis.
  • Di Sumatra, P. t. sumatrae.
  • Si ritiene che le tigri di Bali (P. t. balica), le tigri di Giava (P. t. sondaica) e le tigri del Caspio (P. t. virgata) siano estinte.

1. Lo stato di salute della tigre cambia a seconda del suo habitat

In natura, le tigri vivono in genere da 8 a 10 anni, anche se possono raggiungere i 20 anni. In cattività, è noto che le tigri vivono fino a 26 anni di età, anche se l’aspettativa di vita in cattività va dai 16 ai 18 anni.

Va notato che la maggior parte delle tigri adulte viene uccisa a causa della persecuzione da parte dell’uomo e della caccia. Le giovani tigri affrontano numerosi pericoli nel momento in cui diventano indipendenti dalle cure della madre, tra cui essere attaccate e mangiate da esemplari maschi.

2. A seconda della fase dello sviluppo variano i fattori che influiscono sulla salute della tigre

Nel 2018 è stato pubblicato uno studio retrospettivo sulle cause di morte delle tigri in cattività in Nord America dal 1992 al 2014. Le principali cause di morbilità (percentuale di pazienti), per la popolazione in studio, esclusi i cuccioli appena nati, sono state le seguenti:

  • Malattie muscoloscheletriche (40).
  • Riproduttive (24).
  • Odontoiatriche (19).
  • Cardiopolmonari (13).
  • Gastrointestinali (13).
  • Urogenitali (12).

Nelle tigri anziane, le due cause più comuni di morte o di eutanasia erano la malattia renale cronica e la neoplasia. Nei cuccioli, l’abbandono materno e il trauma materno erano le cause più comuni. Lo studio conclude che se le tigri sopravvivono al periodo neonatale, spesso vivono fino ai 20 anni.

3. I parassiti influenzano lo stato di salute della tigre

I parassiti, oltre a indebolire l’ospite, possono trasmettere malattie. Nelle tigri sono state rilevate specie di nematodi, trematodi e cestodi, un gruppo eterogeneo di vermi:

  • Paragonimus westermani.
  • Varie specie di Toxocara.
  • Specie di Uiteinarta.
  • Physaloptera praeputhostoma.
  • Specie di Dirofilaria.
  • Gnathostoma spinigerum.
  • Diphyllobothrium erinacei.
  • Taenia bubesei e Taenia pisiformis.
  • Gli ectoparassiti cutanei delle tigri sono Rhipicephalus annulatus, Dermacentor silvarum, Hyalomma truncatum, Hyalomma kumari, Hyalomma marginatum e Rhipicephalus turanicus.

4. Virus mortali per le tigri

Rabbia: si trasmette tramite i morsi di altri animali infetti. L’animale diventa violento e irrequieto, ma a volte può rimanere paralizzato. Va notato che la rabbia può essere prevenuta vaccinando gli animali il prima possibile.

AIDS felino o FIV (virus dell’immunodeficienza felina): questo virus è un disturbo che colpisce il sistema immunitario della tigre. I virus dell’AIDS felino e della leucemia felina in genere coinfettano lo stesso animale. L’infezione rende l’animale suscettibile alle malattie.

Virus della leucemia felina (FeLV): questo virus è responsabile di un maggior numero di decessi nei felini rispetto a qualsiasi altra malattia nota. È contagioso ma può rimanere dormiente nel midollo osseo per un lungo periodo di tempo. È responsabile di malattie cancerose e non cancerose. Non è trasmissibile dai gatti all’uomo o ad altre specie animali.

Il virus della FeLV provoca una serie di malattie e sintomi associati. Questi includono anemia, malattie del fegato, malattie intestinali, complicazioni riproduttive, linfosarcoma, leucemia, infezioni respiratorie croniche, gengivite cronica, stomatite, peritonite infettiva felina, guarigione difficile delle ferite e ascessi e infezioni croniche generalizzate.

5. Il cimurro può costituire un problema di salute per le tigri a livello mondiale

Negli ultimi anni, nuove infezioni da virus del cimurro (CDV) hanno colpito grandi felini in tutto il mondo, con tassi di mortalità significativi. Sebbene in precedenza questa possibilità di infezione fosse stata respinta, le evidenze sono indiscutibili. La conoscenza di questo virus canino nelle tigri è una componente fondamentale per una politica di gestione della conservazione della specie che risulti efficace.

6. Il bacillo della tubercolosi può infettare la tigre

Attualmente, è noto che i bacilli della tubercolosi hanno la capacità di diffondersi ed essere trasmessi a diversi animali selvatici e in cattività, comprese le tigri.

Le curiosità sui gatti selvatici sono molteplici.

Come avrete potuto notare, la tigre è in pericolo di estinzione e per preservarla è essenziale conoscere e prevenire tutto ciò che può minacciare la sua salute.

Potrebbe interessarti ...
Attacchi di tigri all’uomo: pochi ma dagli esiti drammatici
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Attacchi di tigri all’uomo: pochi ma dagli esiti drammatici

Gli attacchi delle tigri all'uomo, specialmente quelli che avvengono negli zoo, di solito hanno delle conseguenze drammatiche.



  • Özkan, B. (2018). Parasitary Infestation In Three Tiger Cubs. Journal of Istanbul Veterinary Sciences, 2(2), 38-46.
  • Myers, D. L., Zurbriggen, A., Lutz, H., & Pospischil, A. (1997). Distemper: not a new disease in lions and tigers. Clin. Diagn. Lab. Immunol., 4(2), 180-184.
  • Napier, J. E., Lund, M. S., Armstrong, D. L., & McAloose, D. (2018). A retrospective study of morbidity and mortality in the North American Amur leopard (Panthera pardus orientalis) population in zoologic institutions from 1992 to 2014. Journal of Zoo and Wildlife Medicine, 49(1), 70-78.
  • Kumar, K. A., Ravindran, R., Johns, J., Chandy, G., Rajagopal, K., Chandrasekhar, L., … & Ghosh, S. (2018). Ixodid tick vectors of wild mammals and reptiles of southern India. Journal of arthropod-borne diseases12(3), 276.
  • Gilbert, M., Miquelle, D. G., Goodrich, J. M., Reeve, R., Cleaveland, S., Matthews, L., & Joly, D. O. (2014). Estimating the potential impact of canine distemper virus on the Amur tiger population (Panthera tigris altaica) in Russia. PLoS One, 9(10), e110811.