Langur grigio: caratteristiche di questa simpatica scimmia

28 dicembre, 2020
Questo primate vive in gran parte del subcontinente indiano in paesi come il Bhutan, l'India settentrionale, la Cina, il Pakistan, lo Sri Lanka e il Nepal. È considerato sacro ed è comunemente noto come langur Hanuman, in onore del dio scimmia indù.

Il langur grigio vive a varie altitudini nelle foreste tropicali sempreverdi, nelle foreste di latifoglie secche e umide, nelle zone desertiche, ai piedi delle montagne e nelle foreste di conifere dell’Himalaya.

La sua capacità di adattarsi agli insediamenti umani gli permette di vivere tranquillamente in zone a forte densità di popolazione umana. Ad esempio, villaggi, città, aree residenziali, zone turistiche e altri terreni.

Caratteristiche del langur grigio

I langur grigi sono generalmente scimmie di grandi dimensioni. Tuttavia, le dimensioni del loro corpo, insieme al grado di dimorfismo sessuale tra maschi e femmine, variano notevolmente da una specie all’altra.

Nonostante le significative variazioni di dimensione per specie, la lunghezza dei maschi è generalmente fino a 75 centimetri, e fino a 65 centimetri per le femmine. Le loro code, più lunghe dei loro corpi, aiutano ad accelerare i loro spostamenti in tutta la foresta.

I maschi pesano in media 17,7 kg e le femmine circa 15,8 kg. Possono vivere fino a 30 anni in cattività e circa 20 anni in natura.

Aspetto

Il langur grigio ha un manto argentato molto fine e strati neri sulle dita, sui piedi e sulle orecchie. La zona ventrale o addominale può essere bianca giallastra, mentre le zampe anteriori e posteriori sono marrone scuro.

Langur grigio semnopithecus entellus.

La testa e la parte superiore delle zampe posteriori sono bianco crema. Le varie specie di Semnopithecus si differenziano principalmente per i livelli di oscurità sulle mani e sui piedi, o per il colore generale e la presenza o meno di una cresta.

Alimentazione del langur grigio

A causa del suo habitat diffuso, il langur grigio ha diete differenti. Queste variano in base alla sua localizzazione, al tipo di habitat, alla stagione e alle fluttuazioni meteorologiche. Solitamente, sono erbivori e consumano principalmente foglie, frutti, germogli, fiori e insetti.

I gruppi che vivono nelle vicinanze degli esseri umani a volte fanno razzie nei campi coltivati e nei giardini. I langur grigi hanno una flora intestinale unica che permette loro di scomporre i cibi ricchi di fibre che mangiano durante il giorno.

Durante i mesi invernali innevati, i langur grigi dell’Himalaya consumano corteccia, ramoscelli e conifere. Nonostante le variazioni nel consumo di cibo, le foglie rappresentano circa il 52-61 % della loro dieta, seguite dalla frutta (15-25 %). Possono anche consumare alcuni alimenti comuni nella dieta umana, tra cui frutta secca, banane, uva, biscotti e alcuni tipi di pane.

Comportamento

Il langur grigio è un animale diurno, il che significa che sono per lo più attivi durante le ore del giorno. Trascorrono tra il 50 e l’80% della loro giornata a terra in cerca di cibo nei boschi. Sono animali arboricoli e terrestri, e a volte dormono nelle grotte.

I loro forti arti vengono utilizzati per muoversi come dei quadrupedi, anche se possono saltare da 3 a 4 metri in orizzontale e da 10 a 12 metri in discesa. Un branco di langur grigi varia in dimensioni dai 2 ai 90 esemplari.

Langur grigio, mamma con piccolo seduta su un muretto.

Gli esemplari che vivono in branco sono abbastanza competitivi tra loro e mostrano diversi tipi di comportamento aggressivo. Tuttavia, all’interno dei propri gruppi, i sistemi sociali possono essere poligami, calmi e positivi. Ad esempio, in una situazione in cui un membro del gruppo è malato, un altro langur grigio cercherà di rianimarlo sedendosi vicino o sopra di lui, scuotendolo o saltando sull’addome del compagno malato.

Fatti curiosi sul langur grigio

Il langur grigio è chiamato anche langur Hanuman, che prende il suo nome dal dio indù, Lord Hanuman. Secondo la mitologia, Hanuman fu determinante nella sconfitta di Ravana da parte di Lord Rama. Mentre salvava la principessa Sita, la coda di Hanuman prese fuoco. Così si mise la coda in bocca per spegnere il fuoco, ma questo gli fece divenire la faccia nera. Questa è la spiegazione mitologica del perché i langur di Hanuman hanno il viso nero.

Solitamente, sono considerate creature sacre e generalmente non sono disturbate dall’uomo. I langur grigi si automedicano e mangiano i rami di Sterculia urens, una pianta originaria dell’India che usano per contrastare gli effetti della loro dieta ricca di stricnina. La Sterculia urens è un lassativo da prescrizione in Inghilterra, conosciuto come Normacol.

Comunicazione

La forma di comunicazione più comune tra i langur grigi è la vocalizzazione. Ci sono 19 diverse vocalizzazioni registrate, che includono forti richiami e rumorosi e vari latrati, grugniti, urla rimbombanti, versi d’allarme e singhiozzi. Le loro sacche laringee si rigonfiano permettendogli di emettere questi forti suoni.

Di solito, si sentono diversi richiami durante il movimento, le interazioni aggressive tra maschi adulti, o quando vengono sorpresi da un predatore.

I grugniti e le grida rimbombanti si sentono soprattutto durante le interazioni agonistiche, mentre i richiami di allarme indicano che il pericolo è vicino. La maggior parte dei membri del gruppo inizia a singhiozzare quando viene individuato un altro gruppo.

Riproduzione e famiglia

Poiché i sistemi sociali del langur grigio sono così variabili, l’accoppiamento può essere di tipo poligamico. Le femmine non mostrano segni esteriori della gestazione e continuano ad accoppiarsi anche durante la gravidanza.

Langur grigio, riproduzione.

Questo comportamento può essere un modo con cui le femmine ingannano i nuovi maschi per prevenire l’infanticidio. Infatti, può essere molto comune quando un nuovo maschio prende il controllo di un branco.

Il nuovo maschio commette un infanticidio nel tentativo di uccidere tutti i discendenti del maschio precedente, in modo da poter creare più rapidamente il proprio gruppo.

Per sollecitare l’accoppiamento, le femmine scuotono la testa, abbassano la coda e mostrano la regione anogenitale. Il periodo di gestazione del langur grigio è di circa 200 giorni. Mentre alcune popolazioni si riproducono durante tutto l’anno, altre si allineano ai cambi di stagione. Le nascite singole sono le più comuni, anche se in alcuni casi si generano parti gemellari.

  • http://pin.primate.wisc.edu/factsheets/entry/gray_langur/taxon
  • https://www.worldlandtrust.org/species/mammals/southern-plains-grey-langur/
  • https://infogalactic.com/info/Gray_langur