L'hoatzin, un animale straordinario

Per le sue caratteristiche fisiche e comportamentali, l'hoatzin potrebbe facilmente essere descritto come l'uccello più strano del pianeta. Continuate a leggere queste righe e scoprite il motivo per cui è conosciuto come "mucca volante".
L'hoatzin, un animale straordinario

Ultimo aggiornamento: 12 dicembre, 2022

L’hoatzin o Opisthocomus hoazin è un uccello talmente speciale che è l’unica specie vivente classificata all’interno della famiglia tassonomica Opisthocomidae . Numerosi studi hanno cercato di metterlo in relazione con altri gruppi di uccelli come i Galliformi, i Gruiformi o i Cuculidi. Tuttavia, per via delle sue caratteristiche anatomiche e comportamentali uniche, si è deciso di assegnare all’hoatzin una famiglia a parte.

Abitante delle zone paludose tropicali dell’Amazzonia e dell’Orinoco in Sud America, l’hoatzin, come i ruminanti, fa fermentare il cibo prima di introdurlo nello stomaco. Continuate a leggere questo articolo e approfondite con noi le caratteristiche di questo singolare animale.

Caratteristiche fisiche dell’hoatzin

In età adulta, gli hoatzin maschi raggiungono un’altezza media di 60-80 centimetri, mentre le femmine di 50-60 centimetri. Hanno un corpo snello e ampio, un collo lungo e una testa piccola. Il loro muso, privo di piume, è di un azzurro intenso, mentre gli occhi si distinguono per avere l’iride rossa. La loro testa è ornata da una lunga cresta seghettata a forma di ventaglio nei toni del castano. Per quanto riguarda le zampe, questo uccello è anisodattilo, cioè ha tre dita rivolte in avanti e una rivolta indietro.

D’altra parte, sebbene non sia molto bravo a volare, l’hoatzin si distingue per essere in grado di arrampicarsi sugli alberi con facilità e per essere un ottimo nuotatore. Infine, il suo canto è composto da vari suoni striduli e rumorosi che assomigliano a grugniti.

Un hoatzin.
Opisthocomus hoazin.

L’uccello ruminante

A differenza di altri tipi di uccelli che hanno una dieta basata su vari tipi di cibo, l’hoatzin si caratterizza per essere un animale prettamente erbivoro. Il suo apparato digerente, unico tra gli uccelli, si è evoluto in modo tale da poter scomporre il materiale vegetale di cui si nutre in natura.

Grazie alla presenza di batteri anaerobici nel gozzo di questo particolare animale, è in grado di trasformare facilmente la cellulosa in glucosio. Vale a dire, l’hoatzin utilizza il metodo della fermentazione batterica, proprio come fanno alcuni ruminanti, come le mucche, per nutrirsi.

Un fatto piuttosto curioso è invece che questo uccello consuma solo due tipi di piante nel suo habitat naturale, il Caladium e il filodendro. Inoltre, a causa delle sue abitudini alimentari, l’hoatzin emana un odore simile allo sterco, motivo per cui in alcuni luoghi è noto come “uccello puzzola”.

I loro piccoli mantengono una caratteristica dei dinosauri

Classificato come fossile vivente, tutto ciò che ha a che fare con il processo riproduttivo dell’hoatzin è piuttosto particolare. Da un lato, essendo un animale gregario, costruisce i suoi nidi in piccole colonie, dove sono presenti diversi aiutanti che collaborano con i genitori nel processo di incubazione, alimentazione e difesa dei piccoli.

Inoltre, i loro nidi, fatti di piccoli rami, si trovano sugli alberi sopra l’acqua. In questi nidi, depongono solitamente da 2 a 3 uova per volta. Una volta nati, i pulcini vengono nutriti con una pasta vegetale rigurgitata dai genitori.

Questi pulcini hanno mantenuto una caratteristica molto particolare che possedeva un gruppo di uccelli preistorici noto come Archaeopteryx. Tale particolarità è la presenza di artigli all’estremità di ogni ala che li aiutano ad aggrapparsi ai rami e ad arrampicarsi su di essi. Tuttavia, questi scompaiono durante lo sviluppo verso lo stadio adulto.

Un hoatzin in natura.
Opisthocomus hoazin.

L’hoatzin proviene dall’Africa

Come descritto sopra, numerosi studi hanno tentato di classificare l’hoatzin in un ordine o gruppo di uccelli esistente. Tuttavia, analizzando le sue caratteristiche fisiche, genetiche e comportamentali, si è giunti alla conclusione che si tratta di una specie unica nel regno animale.

Fino a poco tempo fa, l’hoatzin era l’unico membro della famiglia Opisthocomidae. Tuttavia, grazie a una recente scoperta pubblicata sulla rivista Die Naturwissenschaften, è stato possibile stabilire che questo uccello ha un parente già estinto. Si tratta della specie Hoazinavis lacustris, un uccello preistorico che abitava la Terra più di 20 milioni di anni fa. La sua scoperta, da parte di paleontologi brasiliani, francesi e tedeschi, è avvenuta nello stato di San Paolo, in Brasile.

Analogamente, questo documento espone una teoria abbastanza solida sull’origine dell’hoatzin. Secondo questa ricerca, questo uccello non è originario del Sud America, ma è migrato direttamente dal continente africano milioni di anni fa. Secondo questo gruppo di scienziati, gli hoatzin hanno attraversato questa rotta a bordo di piccole zattere costituite da resti di piante e spinte dai venti e dalle maree dell’Atlantico.

Senza dubbio, questa specie stravagante e particolare potrebbe essere classificata come l’uccello più strano del pianeta. Ricordiamoci però che esistono ancora molti animali da scoprire, che potrebbero avere caratteristiche simili o addirittura più affascinanti di quelle dell’hoatzin.

Potrebbe interessarti ...
5 uccelli nettarivori che forse non conoscete
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
5 uccelli nettarivori che forse non conoscete

Gli uccelli nettarivori si nutrono di nettare contribuendo così all'impollinazione. Hanno il piumaggio molto colorato e lucido.



  • Cracraft J. The Hoatzin. Current biology : CB. 2022;32(20):R1068-r9.
  • Mayr G, Alvarenga H, Mourer-Chauviré C. Out of Africa: Fossils shed light on the origin of the hoatzin, an iconic Neotropic bird. Die Naturwissenschaften. 2011;98(11):961-6.
  • Pacheco MA, García-Amado MA, Manzano J, Matta NE, Escalante AA. Blood parasites infecting the Hoatzin (Opisthocomus hoazin), a unique neotropical folivorous bird. PeerJ. 2019;7:e6361.
  • Bardele CF, Schultheiß S, Lynn DH, Wright AG, Dominguez-Bello MG, Obispo NE. Aviisotricha hoazini n. gen., n. sp., the Morphology and Molecular Phylogeny of an Anaerobic Ciliate from the Crop of the Hoatzin (Opisthocomus hoazin), the Cow Among the Birds. Protist. 2017;168(3):335-51.

I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.