Monachella nera: habitat e caratteristiche

Questi uccelli passano attraverso una muta post-nuziale completa, durante la quale rinnovano tutto il loro piumaggio tra luglio e ottobre. Questo li aiuta a prepararsi e iniziare il loro corteggiamento tra dicembre e febbraio.
Monachella nera: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 13 luglio, 2021

La monachella nera è un uccello di taglia media che mostra uno dei comportamenti di corteggiamento più curiosi del mondo animale. E’ una delle specie in cui si può osservare come la selezione naturale agisca per mantenere le migliori caratteristiche adattative.

Questo uccello appartiene all’ordine dei passeriformi e si serve del canto per conquistare i suoi compagni. Inoltre, il genere a cui appartiene comprende una grande diversità di monachella nera, ma questa volta parleremo nello specifico della Oenanthe Leucura.

Habitat della monachella nera

Questo uccello predilige habitat con poca vegetazione, come scogliere, viali, pendii e anfratti. Può anche vivere in edifici abbandonati, cave o dighe, purché ci siano strutture alte per costruire il nido.

La sua distribuzione è limitata alla penisola iberica e al Nord Africa. In Spagna rimane nei sistemi montuosi del Mediterraneo, anche se predilige luoghi asciutti e poco piovosi. In inverno si sposta verso zone vicino ai tropici, come l’Andalusia occidentale.

Un culbianco nero su una pietra.

Caratteristiche fisiche

La monachella nera è un uccello lungo 18 centimetri, con una colorazione marrone scuro su tutto il corpo, mentre la coda si distingue per il suo candore. Inoltre, all’estremità delle piume della coda mantiene una sorta di margine, tipo una “T” rovesciata in nero, che ne consente la facile identificazione. Per quanto riguarda il becco e le zampe, anch’essi sono neri; da qui il nome “monachella nera”.

Le femmine sono caratterizzate da toni più chiari, raggiungono colorazioni marroni e a macchie sul collo e sul ventre, ma seguono gli stessi schemi del maschio. I giovani hanno toni marroni nella zona del ventre, con piumaggio nero lungo il corpo.

Comportamento

Questo uccello in primavera trascorre la notte in coppia all’interno di grotte o cavità, mentre d’inverno dorme in gruppo. Inoltre, la è considerato più socievole con altri esemplari della sua specie che con altri tipi di monachella nera. Per questo motivo si possono osservare esemplari che si nutrono insieme a un massimo di 6 individui.

In generale è un animale timido e capriccioso, che mostra un comportamento difensivo quando si sente in pericolo. Per farlo, si serve della coda: la agita e la solleva costantemente, cercando di sembrare più robusto per dissuadere il suo aggressore.

Interazioni con altre specie

Sembra esserci un comportamento territoriale, poiché i maschi di altre specie rispondono negativamente al canto di questo uccello. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Ethology, è stato determinato che 5 specie di passeriformi hanno reagito al canto della monachella nera, indicando una possibile territorialità. Inoltre, durante la stagione riproduttiva sono stati osservati anche esemplari aggressivi.

Questo può anche significare sicurezza, poiché indicherebbe ad altre specie che non c’è pericolo di essere trovati dai predatori.

Dieta della monachella nera

La dieta di questo esemplare è costituita da insetti catturati a terra attraverso la caccia, in cui utilizzano salti leggeri. Le monachelle bianche di solito cercano rocce, fessure, cespugli e cavità, nel tentativo di trovare alcuni ortotteri, mantidi, emitteri, lepidotteri, mosche, imenotteri, ecc.

Riproduzione

Stiamo parlando di un tipo di uccelli monogamo, anche se sono stati osservati alcuni casi di poliginia – 1 maschio e 2 femmine. I legami di coppia vengono mantenuti durante tutto l’anno, poiché tornano persino a nidificare nelle stesse grotte o fessure.

Per ottenere una compagna, il maschio esegue un rituale di inseguimento, in cui cerca di convincere la femmina. Questo processo avviene alla fine di dicembre, così che tra gennaio e febbraio le coppie si sono già costituite.

Inseguire e danzare

Durante il corteggiamento, il maschio deve dimostrare alla femmina che è la scelta migliore. Per farlo, compie dei voli stravaganti, in cui mostra il suo piumaggio e le sue dimensioni. Accompagnato dal suo canto, sale lentamente per attirare l’attenzione del potenziale partner. Inoltre, quando tocca terra, continua con una danza che consiste in piccoli salti, aprendo il piumaggio e mostrando la coda.

L’obiettivo della danza è attirare l’attenzione della femmina, ma anche quello di mostrare i possibili luoghi di nidificazione. Infatti, prima che la coppia si stabilisca, il maschio mostra diverse grotte in attesa che la sua compagna ne accetti una e vi entri.

In questo momento avviene il loro comportamento più particolare: il trasporto di pietre.

Trasporto di pietre

Il nido della monachella nera è solitamente costruito sopra un mucchio di pietre. Per questo motivo, il futuro padre ne trasporta un gran numero nel nido. Tuttavia, non tutte queste pietre diventano una parte essenziale del nido, potrebbero anche non essere utilizzate per questo. Ciò significa che i maschi trasportano quasi 3 chilogrammi di pietre nel processo che non sempre vengono utilizzate.

Anche se sembra strano, il motivo per cui hanno questo comportamento è dovuto a un ulteriore tipo di valutazione da parte della femmina. Cioè, nonostante la sua conquista, il maschio deve ancora dimostrare il suo valore trasportando pietre. Questo aiuta la futura mamma a sapere quanto impegno mette nella sua riproduzione e le dice anche la qualità genetica del maschio.

Potreste pensare che non abbia senso, dal momento che un uccello non può essere consapevole se il suo compagno ha o meno una buona qualità genetica ad occhio nudo. Tuttavia, ciò che la femmina vede è la quantità di pietre che il suo corteggiatore riesce a portare. Questo è più che sufficiente, perché se riesce a portarne tante vuol dire che le sue ali sono ben sviluppate e sopportano molta fatica.

Copulazione

Se la futura madre decide che il maschio è una buona scelta, avviene l’accoppiamento, in cui entrambi eseguono una danza che termina con il maschio che feconda la femmina. A questo punto, la quantità di pietre che vengono trasportate è molto importante, poiché se la coppia non soddisfa le aspettative, il legame può dissolversi.

Lo scioglimento della coppia è raro, ma può avvenire.

Deposizione e incubazione della monachella nera

La madre inizia a deporre le uova entro la metà di febbraio e ne depone una quantità molto variabile. Le femmine possono deporre in media da 3 a 4 uova per covata, potendo avere fino a 10 covate. Ciascuno dei nuovi piccoli nascerà dopo 14 giorni di incubazione e tutti saranno accuditi dalla madre e nutriti dal padre.

A 14 o 15 giorni i pulcini di solito lasciano il nido, anche se iniziano i loro primi voli di prova il terzo giorno di vita. Finalmente, una settimana dopo, possono nutrirsi da soli, ma continueranno ad essere accuditi dai genitori per altri 15 giorni prima di diventare indipendenti.

Stato di conservazione

Nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, la monachella nera è una specie di minor preoccupazione. Tuttavia, è stata rilevata una riduzione della sua popolazione, sebbene questa non sia stata costante. È stato proposto che le invasioni delle praterie e il rimboschimento delle zone aride possano essere alcuni fattori associati a questa situazione.

Monachella nera: habitat e caratteristiche

Gli uccelli in genere mostrano alcuni dei modelli di corteggiamento più belli e questa monachella nera non fa eccezione. Va infine ricordato che questi comportamenti servono agli animali per selezionare l’organismo meglio preparato per quanto riguarda la produzione della prole. In altre parole, la selezione naturale opera sempre dall’ombra.

Potrebbe interessarti ...
Corteggiamento animale: il lek e la selezione sessuale
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Corteggiamento animale: il lek e la selezione sessuale

Il lek è un corteggiamento in cui i maschi di una specie si riuniscono in un'area comune per esibire le proprie caratteristiche ed attirare le femm...



  • Møller, A. P. (1992). Interspecific response to playback of bird song. Ethology90(4), 315-320.
  • Moreno, J., Soler, M., Møller, A. P., & Linden, M. (1994). The function of stone carrying in the black wheatear, Oenanthe leucura. Animal Behaviour47(6), 1297-1309.
  • Joan, R. E. A. L. (2000). Los incendios pueden favorecer la recolonización de la collalba negra Oenanthe leucura. Ardeola47(1), 93-96.
  • Richardson, F. (1965). Breeding and feeding habits of the black wheatear Oenanthe leucura in Southern Spain. Ibis107(1), 1-16.
  • Soler, M., Moreno, J., Møller, A. P., Lindén, M., & Soler, J. J. (1995). Determinants of reproductive success in a Mediterranean multi-brooded passerine: the Black Wheatear Oenanthe leucura. Journal für Ornithologie136(1), 17-27.
  • Moreno Klemming, J., Carrascal, L. M., Salvador Vilariño, V., & Salvador Milla, A. (2016). Collalba negra–Oenanthe leucura (Gmelin, 1789).