Neosporosi canina: cause, sintomi e trattamento

La neosporosi è una malattia infettiva che spesso si manifesta in modo asintomatico, ma che in alcuni casi può essere fatale.
Neosporosi canina: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio, 2021

La neosporosi canina è una malattia infettiva causata da Neospora caninum, un parassita che colpisce cavalli, bovini e altri mammiferi. Il cane è il suo unico ospite definitivo, quindi l"agente patogeno è specializzato nell"insidiarsi nei muscoli sotto forma di cisti.

In generale, molti dei cani infetti sono asintomatici, ma i cuccioli hanno bisogno di una prognosi adeguata. Continuate a leggere se volete saperne di più sulla neosporosi canina e su come riconoscerla.

Cos"è la neosporosi canina?

Come abbiamo detto in precedenza, questa infezione è causata dal protozoo parassita N. caninum, un microrganismo parassitario intracellulare. Fino a poco tempo fa si credeva che il cane fosse l"unico ospite definitivo, ma di recente si è scoperto che anche altri canidi come coyote, lupi grigi e dingo possono esserlo.

I veterinari stimano che la prevalenza del parassita – il numero di cani infetti in una data popolazione – varia dallo 0 al 100% a seconda della regione. Negli Stati Uniti, ad esempio, si stima che circa il 7% dei cani sia positivo in alcune zone. In Inghilterra si stima una prevalenza del 5,5-23,6%.

I cani randagi e quelli a contatto con gli animali da allevamento hanno maggiori probabilità di essere infettati.

Il parassita assume 3 forme durante il suo ciclo vitale:

  • Oocisti: sono come delle uova, che si formano nel tratto intestinale del cane e vengono escrete nell"ambiente mediante le feci.
  • Tachizoiti: le forme infettive che proliferano di oocisti una volta ingerite dal cane.
  • Bradizoiti: formano le cisti nei muscoli dell"animale.
Cane vicino una mucca.


Sintomi

Come abbiamo detto, molti dei cani infetti non mostrano sintomi. Sfortunatamente, alcuni adulti e cuccioli sono più inclini a determinati sintomi clinici, che sono il prodotto dei tachizoiti che causano infiammazione e necrosi nei tessuti colpiti.

Pertanto, i sintomi più comuni sono di natura neuromuscolare, tra cui:

  • Il sintomo caratteristico dell"infezione si manifesta nei cuccioli di età inferiore ai 6 mesi. Questi possono presentare una paralisi delle zampe posteriori, che segue uno schema ascendente. Questa evidenza clinica di solito inizia ad apparire a 3-9 settimane di vita dell"animale.
  • L"atrofia muscolare generalizzata si verifica in uno schema ascendente. Gli arti posteriori generalmente sono i più coinvolti rispetto a quelli del torace.
  • Successivamente possono comparire difficoltà a deglutire, paralisi della mascella e marcata debolezza cervicale.
  • Altre complicazioni sono la comparsa di polmonite, convulsioni, anoressia, carie, infiammazione del muscolo cardiaco e persino la morte.

Nei cuccioli sintomatici, l"atrofia muscolare è progressiva e si traduce in una contrazione continua dei muscoli interessati. Quando appare questo quadro clinico, la prognosi dell"animale è piuttosto grave.

Trattamento

Purtroppo, non si è ancora scoperto un trattamento efficace contro la neosporosi canina. Alcuni antibiotici sono stati utilizzati nei cuccioli con un discreto successo, ma i farmaci non garantiscono in alcun modo la sopravvivenza dell"animale. In quasi tutti i casi, il farmaco scelto è la clindamicina, che viene usato da 3 settimane a 2 mesi.

In generale, i cani adulti tendono a rispondere meglio al trattamento rispetto ai cuccioli. Una volta comparsi i sintomi clinici neuromuscolari nell"animale, la prognosi diventa negativa in poco tempo.

Se il trattamento è tempestivo e somministrato prima che si verifichi la paralisi, la prognosi potrebbe migliorare leggermente.

cane dal veterinario.

Consigli per prevenire la neosporosi canina

Poiché non esiste un trattamento definitivo, la misura migliore che può essere presa è prevenire la malattia in modo efficace. I veterinari ci informano che le femmine incinte possono trasmettere l"agente patogeno ai loro cuccioli per via transplacentare, quindi dobbiamo stare molto attenti.

In generale, i cani vengono infettati dal contatto ravvicinato con carne o tessuti bovini con cisti di bradizoite. Non è ancora del tutto chiaro se anche le oocisti presenti nell"ambiente siano infettive per i cani come lo sono per gli altri animali. Pertanto, la cosa migliore da fare è limitare il più possibile il contatto con gli animali da allevamento.

La neosporosi canina spesso passa inosservata ma, quando si manifesta, può essere fatale. Per prevenirla, limitate il contatto del vostro cane con il bestiame ed evitate le passeggiate nelle aree rurali. Quando si tratta di malattie infettive, prevenire è sempre meglio che curare.

Potrebbe interessarti ...
La toxoplasmosi nel gatto: di cosa si tratta?
I Miei AnimaliRead it in I Miei Animali
La toxoplasmosi nel gatto: di cosa si tratta?

La toxoplasmosi è una malattia causata dal parassita Toxoplasma godii. Trattandosi di una patologia asintomatica, non si diagnostica facilmente.



  • Neosporosis, capcvet.org. Recogido a 21 de diciembre en https://capcvet.org/guidelines/neosporosis/
  • Dubey, J. P., & Lindsay, D. S. (1996). A review of Neospora caninum and neosporosis. Veterinary parasitology, 67(1-2), 1-59.
  • Dubey, J. P., Schares, G., & Ortega-Mora, L. M. (2007). Epidemiology and control of neosporosis and Neospora caninum. Clinical microbiology reviews, 20(2), 323-367.
  • McAllister, M. M., Dubey, J. P., Lindsay, D. S., Jolley, W. R., Wills, R. A., & McGuire, A. M. (1998). Rapid communication: Dogs are definitive hosts of Neospora caninum. International journal for parasitology, 28(9), 1473-1479.