Qual è l'habitat del ragnetto rosso e in che modo influisce sull'agricoltura?

Il ragnetto rosso è uno dei tipi più comuni di parassiti tra le colture annuali e provoca una grande perdita di produttività agricola.
Qual è l'habitat del ragnetto rosso e in che modo influisce sull'agricoltura?
Ana Díaz Maqueda

Scritto e verificato la biologa Ana Díaz Maqueda.

Ultimo aggiornamento: 20 giugno, 2024

Lontano da quanto si possa pensare, il ragnetto rosso non è un ragno, anche se i due sono abbastanza imparentati. Questi artropodi sono acari del genere Tetranychus , della classe degli aracnidi insieme a ragni, scorpioni o zecche. Una delle caratteristiche principali di questi animali è che di solito sono parassiti per le colture.

Per questo motivo, i ragnetti rossi sono stati ben studiati e, nonostante la loro diversità di specie e la difficoltà di distinguerli sul campo, la loro storia biologica è molto simile. Ciò significa che scelgono habitat simili, hanno cicli riproduttivi quasi identici e, cosa più sorprendente, costruiscono tutti ragnatele.

Le foglie: la casa del ragno rosso

Come dicevamo, il ragno rosso è un tipico animale infestante delle colture. Questi artropodi formano colonie molto numerose sul lato inferiore delle foglie delle piante. Sotto di loro costruiscono sottili ragnatele che li differenziano da altri parassiti come afidi o tripidi, che vivono anche sotto le foglie.

Questi animali possono vivere su quasi ogni tipo di pianta coltivata, purché abbiano foglie verdi dove colonizzare e nutrirsi e la temperatura sia giusta.

acari sulle piante.

Ciclo vitale

Nelle zone calde del pianeta, questi acari possono riprodursi e nutrirsi durante tutto l’anno, poiché le piante mantengono le foglie verdi. Invece nelle zone con inverni freddi e dove le coltivazioni non esistono o sono costituite da latifoglie, il ragnetto rosso è in grado di andare in letargo.

Per fare questo, le femmine si accoppiano quando le temperature cominciano a scendere, in modo da entrare in un torpore dotato della prossima generazione di acari. Quando le foglie scompaiono, si nascondono dietro la corteccia degli alberi o anche tra i detriti vegetali che possono trovarsi a terra.

Quando arriva la primavera, le femmine si svegliano e iniziano a deporre le uova.

Se la temperatura è stabile e calda e non ci sono problemi di umidità, questi animali possono completare un ciclo riproduttivo in meno di una settimana. Ciò significa che, dal momento in cui la femmina depone le uova, bastano solo sette giorni perché quella generazione raggiunga l’età adulta.

Differenziare gli adulti dai giovani è relativamente facile. Gli adulti hanno otto zampe e un corpo ovale e hanno anche due occhi rossi sulla testa. Le femmine hanno una grande macchia scura sui loro corpi, anch’essa ricoperta di setole, che conferiscono loro un aspetto peloso.

I giovani hanno lo stesso numero di zampe ma sono molto più piccoli degli adulti. Le larve appena nate, che sono come minuscole goccioline lucenti, hanno solo sei zampe.

Quando una pianta è estremamente infetta e comincia a morire, i ragnetti femmina sono in grado di trasportarsi verso altre piante grazie alle correnti d’aria. Alla fine della stagione calda, le colonie di acari iniziano a diminuire man mano che i loro predatori aumentano e le temperature scendono.

Quali danni provoca il ragnetto rosso alle colture?

Un’infestazione da ragnetto rosso può pregiudicare seriamente l’agricoltura, anche se non tutte le colture vengono danneggiate allo stesso modo. Il danno prodotto dipende in larga misura dal momento in cui si verifica l’infestazione.

Il modo in cui questi animali si nutrono si basa sull’aspirazione del contenuto cellulare delle piante. Generalmente una piccola popolazione di ragnetti rossi non rappresenta un problema, ma se il numero di individui aumenta, le piante potrebbero morire o ridurre drasticamente la loro produttività.

Inizialmente, l’infestazione da acari viene rilevata come punti luminosi sulle foglie. A poco a poco queste foglie diventano giallastre fino a seccarsi e cadere a terra. Quando l’infezione è grave, l’intera pianta finisce ricoperta di ragnatele rosse, compresi i frutti e i rami.

Nelle colture di alberi da frutto, la perdita insignificante di foglie non causerà alcun danno alla pianta. Tuttavia, se l’infestazione si verifica durante la primavera o all’inizio dell’estate, può influenzare il raccolto dell’anno successivo.

D’altra parte, nelle colture orticole annuali, come zucchine, fragole, meloni o zucca, un’infestazione da ragnetto rosso può avere un impatto critico sulla produzione di quell’anno.

Nelle leguminose, come piselli o fagioli, il ragnetto rosso non attacca le foglie, ma i baccelli stessi. In questo modo il danno alla produzione è diretto.

ragnetto rosso

Infine, oltre a danneggiare l’agricoltura, questi animali possono infettare i campi di piante ornamentali, come le rose. Pertanto, danno ai fiori un aspetto malato, quindi non possono essere venduti.

Come abbiamo visto, il ragnetto rosso è un importante parassita in molti tipi di colture. Un buon controllo biologico con la rotazione delle colture, oltre ad un buon utilizzo del suolo, può prevenire le perdite economiche che questo invertebrato provoca.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Clotuche, G., Mailleux, A. C., Yano, S., Detrain, C., Deneubourg, J. L., & Hance, T. (2013). Settlement decisions by the two-spotted spider mite Tetranychus urticae. Comptes Rendus Biologies, 336(2), 93-101.
  • Ellner, S. P., McCauley, E., Kendall, B. E., Briggs, C. J., Hosseini, P. R., Wood, S. N., … & Murdoch, W. W. (2001). Habitat structure and population persistence in an experimental community. Nature, 412(6846), 538-543.
  • Morris, M. A. (1998). Biological control of Tetranychus urticae (Koch) on peppermint by Neoseiulus fallacis (Garman): density relationships, overwintering, habitat manipulation and pesticide effects.
  • Suzuki, T., Kojima, T., Takeda, M., & Sakuma, M. (2013). Photo-orientation regulates seasonal habitat selection in the two-spotted spider mite, Tetranychus urticae. Journal of Experimental Biology, 216(6), 977-983.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.