Quanto vive un camaleonte?

Il modello e la storia di vita dei camaleonti mirano all'ottimizzazione. In questo modo, passano tutta la vita a cercare di garantire la sopravvivenza della loro specie.

Ultimo aggiornamento: 18 novembre, 2021

I camaleonti sono tra i rettili più incredibili che esistano, poiché hanno la particolare capacità di cambiare colore. Questa capacità li ha resi popolari come animali domestici, poiché il loro aspetto particolare e le loro diverse tonalità di colore sono famosi in tutto il mondo. Tuttavia, a differenza di altri rettili longevi, il camaleonte ha una vita molto più breve.

In generale, la durata media della vita di un camaleonte dipende dalla specie, poiché alcuni hanno una vita molto breve. Inoltre, sebbene sembri un rettile facile di cui occuparsi, sono molti i fattori che possono influire ulteriormente sulla sua sopravvivenza. Continuate a leggere e scoprite quanto vive un camaleonte.

Quanto vive un camaleonte?

In generale, un camaleonte ha un’aspettativa di vita che va da 1 a 20 anni di vita, uno intervallo molto grande. Come potete immaginare, la differenza di longevità tra i vari esemplari è dovuta a diversi fattori. Nel caso degli animali in cattività, i fattori seguenti sono molto importanti:

  • Stress: non è facile osservare chiaramente questo fattore, perché i camaleonti di solito non esprimono lo stress, ma ne soffrono soltanto.
  • Riproduzione: nel caso delle femmine, ogni ciclo di riproduzione riduce drasticamente la loro longevità, quindi dovreste rifletterci bene prima di far riprodurre il vostro animale domestico. Inoltre, molti esemplari depongono uova anche se non si riproducono (uova sterili).
  • Cibo e idratazione: anche la qualità della loro alimentazione e idratazione incide sull’aspettativa di vita di questi animali, quindi è bene non trascurare nessuno di questi due aspetti.

Va notato che lo stress deteriora notevolmente la salute del camaleonte, perché riducendo le sue difese lo espone ad altre patologie. Questo fattore è un nemico silenzioso, quindi il modo migliore per combatterlo è far sì che il vostro animale domestico viva in condizioni adeguate. Non dimenticate che questi esemplari in genere non sono sociali come altri animali domestici, quindi cercate di dare loro il loro spazio.

Il comportamento del camaleonte è molto curioso.

L’aspettativa di vita dipende anche dalla specie

Ciò non significa che qualsiasi camaleonte possa raggiungere i 20 anni, ma che alcuni possono arrivare a vivere più a lungo se ricevono le cure necessarie. Questo perché la durata media della vita dipende anche dalla specie. Ecco alcuni degli esemplari più popolari e la rispettiva aspettativa di vita.

Camaleonte cornuto o camaleonte di Jackson (Trioceros jacksonii)

Il camaleonte cornuto è un famoso animale lungo da 15 a 25 centimetri e che presenta anche delle bellissime corna. Questi esemplari appartengono al continente africano, dove abitano le foreste umide della regione. In generale, gli esemplari maschi vivono solitamente per circa 10 anni, mentre le femmine raggiungono solo i 5 o 6 anni di età.

Camaleonte a quattro corna (Trioceros quadricornis)

Questa specie è un animale domestico raro che di solito misura tra i 25 ei 35 centimetri di lunghezza. È originario della Nigeria e del Camerun, dove vive in foreste molto tranquille e lontano dai centri urbani. Per ciò che riguarda la loro aspettativa di vita, le femmine non superano i 5 anni, mentre i maschi raggiungono un massimo di 7 anni.

Un camaleonte cornuto.

Camaleonte pigmeo (genere Rieppeleon)

Questi sono alcuni dei camaleonti più piccoli che esistono, raggiungendo un massimo di 8 centimetri di lunghezza. Questi animali di solito non sono molto comuni come animali da compagnia, poiché alcuni paesi richiedono una documentazione speciale per poterli avere in casa. Per quanto riguarda l’aspettativa di vita, i maschi raggiungono i 3 anni di età, mentre le femmine raggiungono a malapena un anno.

Un camaleonte su uno sfondo bianco.

Camaleonte del Madagascar (Furcifer labordi)

Questo esemplare è endemico del Madagascar e può essere trovato solo nel suo habitat naturale. È un esemplare molto piccolo di appena 10 centimetri di lunghezza che ha una vita molto breve. Infatti, è considerato il vertebrato con l’aspettativa di vita più breve, poiché vive solo 4 o 5 mesi e muore poco dopo essersi riprodotto.

Camaleonte di Parson (Calumma parsonii)

Questa specie ha una lunghezza di 80 centimetri, il che lo rende uno dei più grandi camaleonti esistenti. Grazie alle sue dimensioni, è spesso considerato un ottimo animale domestico per gli appassionati di erpetologia. L’aspettativa di vita di questi esemplari è di circa 15 anni per i maschi, mentre le femmine raggiungono al massimo gli 8 anni.

Questo tipo di camaleonte vive molto più a lungo rispetto ad altri.

Un'altra specie di camaleonti.

Camaleonte velato (Chamaeleo calyptratus)

Questo camaleonte è facilmente riconoscibile per la sua cresta che raggiunge i 10 centimetri di altezza, mentre il suo corpo è lungo 45 centimetri. Questo esemplare è solitamente uno dei più popolari come animale domestico, in particolare i maschi. I maschi arrivano a vivere 6-8 anni, mentre le femmine arrivano al massimo ai 4-5 anni.

Cosa mangiano i camaleonti?

Perché alcuni camaleonti vivono più a lungo e altri meno?

Grazie ai processi evolutivi, ogni specie si è specializzata per potersi adattare a ciascuno dei suoi habitat. In questo modo, ogni tipo di camaleonte opta per una strategia di vita diversa che lo avvantaggia nella sopravvivenza. Il processo di selezione naturale detta i cambiamenti fisiologici di tutti gli esseri viventi.

Quando si tratta di camaleonti, il motivo per cui alcuni vivono più a lungo di altri è a causa della loro specifica strategia di riproduzione. Quegli esemplari che si riproducono in tenera età vivono una vita breve, mentre quelli che si accoppiano in tarda età vivono più a lungo. Le ragioni alla base di questi meccanismi sono elencate di seguito:

  • Riproduzione precoce: secondo questa strategia, l’obiettivo è quello di maturare il prima possibile per riprodursi, poiché è probabile che nel loro ambiente siano presenti delle minacce difficili da evitare. Con la consapevolezza di non avere molto tempo da vivere in natura, questi camaleonti “scommettono” tutto sulla riproduzione per garantire la sopravvivenza della propria specie.
  • Riproduzione tardiva: all’interno di questo gruppo, non vi sono particolari minacce che mettano a rischio la loro popolazione, per questo motivo si concentrano sulla crescita del proprio corpo, nutrendosi bene e sviluppando caratteristiche ottimali. Per questo motivo impiegano più tempo per arrivare alla stagione riproduttiva, il che allunga notevolmente la loro aspettativa di vita.

Perché i maschi vivono più a lungo delle femmine?

Come accennato in precedenza, la riproduzione ha un costo molto alto per le femmine, in quanto devono fornire tutti i nutrienti che andranno a nutrire i loro piccoli. Ogni evento riproduttivo logora il corpo delle madri, rendendole deboli e più suscettibili a diverse malattie. Per questo motivo vivono molto meno dei maschi.

E i maschi che difficoltà hanno?

Potreste pensare che le femmine facciano tutto il lavoro da sole, poiché i loro compagni non sembrano contribuire molto. Non è così, perché sono diverse le difficoltà che influiscono sulla vita quotidiana dei maschi. Il maschio investe energia e sostanze nutritive nello sviluppo del proprio corpo, poiché dovrà lottare contro gli altri per il diritto all’accoppiamento (selezione sessuale).

Anche se a prima vista non sembra importante, queste lotte hanno un costo energetico elevato per ogni esemplare. Inoltre, durante questi conflitti possono rimanere feriti, il che in alcuni casi costa loro la vita. In fin dei conti, la riproduzione colpisce in un certo modo anche il maschio, che deve “fare a gara” per potersi riprodurre.

Un camaleonte pantera su un albero.

L’aspettativa di vita dei camaleonti è strettamente legata alla loro storia naturale. Questo perché ognuna delle loro caratteristiche ha una funzione all’interno del loro habitat, in quanto frutto di un processo di selezione naturale. Il semplice fatto che alcune specie vivano più a lungo di altre è un ulteriore esempio dell’esistenza del processo evolutivo che fa sviluppare ed evolvere gli animali.

Potrebbe interessarti ...
Mimetismo del camaleonte: come fa a cambiare colore?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Mimetismo del camaleonte: come fa a cambiare colore?

Il mimetismo del camaleonte è qualcosa che da sempre attira l'attenzione dell'essere umano. Ma sappiamo a cosa è dovuto? E come si verifica?



  • Eckhardt, F., Kappeler, P. M., & Kraus, C. (2017). Highly variable lifespan in an annual reptile, Labord’s chameleon (Furcifer labordi). Scientific reports, 7(1), 1-5.
  • Karsten, K. B., Andriamandimbiarisoa, L. N., Fox, S. F., & Raxworthy, C. J. (2008). A unique life history among tetrapods: an annual chameleon living mostly as an egg. Proceedings of the National Academy of Sciences, 105(26), 8980-8984.
  • Eckhardt, F., Kraus, C., & Kappeler, P. M. (2019). Life histories, demographies and population dynamics of three sympatric chameleon species (Furcifer spp.) from western Madagascar. Amphibia-Reptilia, 40(1), 41-54.
  • Kieselbach, D., Müller, R., & Walbröl, U. (2007). Camaleones. Editorial HISPANO EUROPEA.
  • Karsten, K. B., Andriamandimbiarisoa, L. N., Fox, S. F., & Raxworthy, C. J. (2009). Sexual selection on body size and secondary sexual characters in 2 closely related, sympatric chameleons in Madagascar. Behavioral Ecology, 20(5), 1079-1088.