Il comportamento del camaleonte

Il comportamento del camaleonte ha molto a che fare con la sua capacità di cambiare colore, ma non è l'unica cosa curiosa che imparerete con questo articolo.
Il comportamento del camaleonte

Ultimo aggiornamento: 05 agosto, 2021

Conosciuti per la loro lingua protrattile e la loro capacità di guardare un posto diverso con ogni occhio, questi sauri non passano mai inosservati. Anche il comportamento del camaleonte, grazie alla complessità intrinseca della sua biologia, non è da meno in termini di peculiarità.

Questo articolo si concentra proprio sul comportamento di questi rettili, tanto affascinanti quanto solitari e riservati. Se volete conoscerli al di là delle loro capacità fisiche, questo è il posto giusto.

Le caratteristiche del camaleonte

I camaleonti sono un gruppo di rettili sauropsidi dell’ordine Squamata (squamoso). Appartenenti alla famiglia dei Chamaleonidae, questi animali contano circa 160 specie distribuite nelle regioni temperate del mondo.

La stragrande maggioranza dei camaleonti è distribuita in tutta l’Africa e il Madagascar, ma alcune specie si trovano su alcune sponde del Mediterraneo, probabilmente introdotte dall’uomo in passato attraverso scambi culturali con l’Egitto e altri paesi africani.

I camaleonti occupano un’ampia varietà di habitat, quindi le loro abitudini e adattamenti differiscono da una specie all’altra. Si trovano nelle foreste pluviali, nelle aree montuose, nelle foreste secche e persino nelle aree desertiche. Essendo animali ectotermici, dipendono dalla temperatura esterna per sopravvivere, quindi non possono colonizzare luoghi molto freddi.

Un'altra specie di camaleonti.

Il comportamento del camaleonte

In genere il comportamento del camaleonte è solitario, e si possono osservare in gruppo solo nella stagione riproduttiva. È un animale con abitudini diurne e la sua attività si sviluppa in base al suo habitat, poiché alcuni sono più adatti alla vita arborea e altri, che vivono a terra, variano le tecniche di caccia, mimetizzazione e termoregolazione.

Sono cacciatori di invertebrati che usano la loro potente lingua protrattile per catturare gli insetti. Tuttavia, poiché hanno anche predatori, sono timidi e sfuggenti, perché il confronto diretto non è mai un’opzione per loro.

Mimetizzazione e variazione di colorazione

Lo scolorimento del camaleonte risponde a una serie di strati cellulari specializzati:

  • Melanofori: situati nello strato interno della pelle, ospitano la melanina, un pigmento nero.
  • Guanofori: posti sui precedenti, contengono una serie di cristalli che riflettono la luce bianca e blu.
  • Cromatofori: localizzati nell’epidermide, sono le cellule che producono colori caldi e scuri dai pigmenti, come i carotenoidi.

Sebbene il cambiamento di colore sia un meccanismo di difesa molto importante nel comportamento dei camaleonti, ci sono specie che mostrano un modello di colore fisso. La luce del sole, la temperatura e lo stato emotivo dell’individuo sono le principali cause del cambiamento di tonalità, non la crypsis o passare inosservati nell’ambiente.

Meccanismi del cambiamento di colore

Mentre alcune teorie affermano che il cambiamento di colore nei camaleonti è dovuto alla riorganizzazione dei pigmenti all’interno dei cromatofori, altre parlano di cellule chiamate iridofori. Questi ultimi trasportano nanocristalli di guanina che fungerebbero da specchi, che sono sincronizzati per riflettere lunghezze d’onda specifiche.

L’utilità di questi nanocristalli sta nel permettere al camaleonte di cambiare colore per comunicare con i suoi congeneri, sfruttare il calore del sole o mimetizzarsi.

Alcune specie sono persino in grado di riflettere la luce infrarossa. Sebbene il motivo non sia del tutto chiaro, alcuni studi mettono in relazione questo comportamento del camaleonte per mimetizzarsi davanti a prede che rilevano la radiazione infrarossa.

Il comportamento del camaleonte anti-predatore

A seconda dell’habitat e dei predatori che ogni specie possiede, le tecniche anti-predazione possono variare. I camaleonti generalmente cercano rami diversi ogni notte e si fermano sulle punte, dove il fogliame li nasconde. A questo di solito aggiungono il criptico della loro colorazione di base.

La sua capacità di muovere ogni occhio in modo indipendente, così come la sua incredibile acuità visiva, compensano la lentezza dei suoi movimenti quando si muove. È comune osservare questi rettili sempre vigili e immobili, analizzando il terreno lentamente ma costantemente.

Quando si tratta di difendersi, i camaleonti mostrano una serie di comportamenti volti a mettere in guardia: dondolare il corpo, aprire la bocca, gonfiarsi il più possibile o sbuffare sono alcuni di questi. Nei momenti di pericolo si difendono mordendo, spingendo o frustando la coda.

Un comportamento curioso registrato in alcune specie è il pugno con la lingua —che sarebbe tradotto come pugno con la lingua—, che consiste nello sparare con forza la lingua per colpire e spaventare il predatore. Altri camaleonti combinano questo con una colorazione sorprendente nella struttura per dare più effetto all’attacco.

Il comportamento riproduttivo del camaleonte

Il cambiamento di colore è lo strumento più importante nella comunicazione intraspecifica camaleontica. Attraverso questo meccanismo, indicano il loro stato riproduttivo: il maschio di solito mostra colori vivaci e fa movimenti di corteggiamento davanti alla femmina.

In altri casi, i maschi competono tra loro per il diritto di riprodursi in scontri diretti. Possono essere combattimenti o gare nell’esibizione dei colori davanti alla femmina. Loro, da parte loro, indicano la loro volontà di accoppiarsi cambiando i propri colori e alzando la coda.

Non c’è cura dei genitori nel comportamento del camaleonte: le femmine seppelliscono o nascondono le uova e poi se ne vanno.

Il comportamento del camaleonte è molto curioso.

I camaleonti sono uno di quegli animali affascinanti che risvegliano l’istinto di volerli catturare, o anche passare il tempo ad osservarli e ad imparare da loro. Tuttavia, questo non deve essere confuso con la loro rimozione dal loro ambiente e il loro mantenimento in una casa, poiché sono davvero poco adattati alla cattività. I rettili liberi sono sempre meglio studiati.

Potrebbe interessarti ...
Avere un camaleonte come animale domestico: cosa c’è da sapere
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Avere un camaleonte come animale domestico: cosa c’è da sapere

Avere un camaleonte come animale domestico non è semplice come potrebbe sembrare: queste lucertole hanno bisogno di cure speciali.



  • Dodd Jr, C. K. (1981). Infrared reflectance in chameleons (Chamaeleonidae) from Kenya. Biotropica, 161-164.
  • Nečas, P (2020). Tongue Punching, an unknown secondary antipredatory function of the tongue-shooting in chameleons (Reptilia: Chamaeleonidae). Archaius Vol 1(1), 1-3.
  • Teyssier, J., Saenko, S. V., Van Der Marel, D., & Milinkovitch, M. C. (2015). Photonic crystals cause active colour change in chameleons. Nature communications6(1), 1-7
  • Nečas, P (2020). Tongue Punching, an unknown secondary antipredatory function of the tongue-shooting in chameleons (Reptilia: Chamaeleonidae). Archaius Vol 1(1), 1-3.