Sapevi che i cani hanno una nozione del tempo?

La nozione di passaggio del tempo è un concetto difficile da comprendere, ma facile da applicare. Infatti, diverse specie animali - come i cani - lo hanno sviluppato e lo praticano ampiamente nella loro vita quotidiana.
Sapevi che i cani hanno una nozione del tempo?
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 27 giugno, 2024

La maggior parte dei cani tende a sviluppare varie abitudini man mano che si adatta alla convivenza con la propria famiglia. Sebbene quasi tutti siano semplici come scegliere un posto dove riposarsi o fare i propri bisogni, altri sono piuttosto curiosi, come il caso di chiedere sempre cibo allo stesso tempo.

Certo, questo non significa che siano in grado di “leggere” l’orologio, ma è chiaro che i cani hanno una certa nozione del passare del tempo. A differenza degli umani, i cani domestici mancano delle complesse capacità cognitive che consentono loro di interpretare il sistema temporale.

Tuttavia, non è necessario sapere come funziona un orologio per avere un’idea dello scorrere del tempo. È grazie a questo che i cani sono in grado di “costruire un programma” e anticipare determinati eventi regolari nella loro giornata. Continua a leggere questo spazio e scopri di più sulla nozione del passare del tempo nei cani.

Cos’è la nozione di tempo?

Per cominciare, è necessario definire due cose: il tempo e la nozione di tempo. Il tempo è un concetto complesso che le persone usano innatamente per distinguere passato, presente e futuro. Visto in un altro modo, è un’unità di misura utilizzata per ordinare gli eventi che si verificano nell’universo osservabile.

La nozione di tempo, invece, si riferisce alla percezione che ogni essere vivente ha dello scorrere del tempo. Cioè come vivono, come vivono e come interpretano i diversi eventi che si verificano in un determinato periodo di tempo.

Naturalmente, questa percezione dipende da ciascun osservatore, quindi è possibile che due individui indipendenti “sentano” che il loro tempo scorre in modo diverso.

I cani percepiscono il passare del tempo

Come accennato in un articolo pubblicato sull’International Journal of Developmental and Educational Psychology, la nozione di tempo negli esseri umani è influenzata dallo sviluppo psicomotorio e dalla percezione spaziale.

Infatti, sebbene il concetto di “tempo” non sia completamente noto, la nozione di esso viene acquisita attraverso l’esperienza e l’interazione con l’ambiente.

Questo ci permette di dedurre che gli esseri viventi non hanno bisogno di conoscere il concetto di “tempo” o le sue implicazioni per percepirlo. Pertanto, le specie prive di capacità cognitive complesse, come i cani, potrebbero avere il proprio senso del tempo e la capacità di “prevedere” determinati eventi ripetitivi.

Sebbene non sia possibile stabilire come i cani “percepiscono il tempo”, ci sono alcuni studi che hanno dimostrato la loro capacità di distinguere la durata di determinate attività. Ad esempio, uno studio pubblicato sulla rivista Psychology & Neuroscience ha rilevato che i cani possono discriminare tra eventi di lunga durata e di breve durata.

È importante sottolineare che sebbene i cani siano in grado di “calcolare” il tempo che intercorre tra un evento e l’altro, hanno bisogno di viverlo con costanza per non “dimenticarlo”. Ecco perché per lo più “prevedono” le attività più ripetitive della tua giornata o quelle che ricevono rinforzi positivi, come fare una passeggiata, mangiare o giocare.

Limiti della nozione di tempo nei cani

Un aspetto interessante della nozione di tempo negli esseri umani è che spesso si basa su altri segnali sensoriali, come la posizione del corpo o la vista, per “calcolare” il tempo trascorso. Naturalmente, sebbene ciò aumenti l’accuratezza della percezione del tempo, non ne garantisce l’efficacia.

In modo simile, anche i cani usano determinati segnali visivi e uditivi per misurare il passare del tempo.

Nella ricerca pubblicata sul Journal of Comparative Psychology, sono stati utilizzati segnali uditivi e visivi per verificare se erano in grado di stimare la loro durata. I risultati sono stati interessanti, poiché sono riusciti a completare l’attività con successo, ma non nel modo previsto.

Il suddetto studio afferma che, indipendentemente, i cani sono in grado di stimare la durata dei segnali sia uditivi che visivi. Tuttavia, quando vengono presentati contemporaneamente, gli esemplari decidono di concentrarsi solo su uno dei segnali sensoriali (in questo caso, su quelli uditivi).

Le informazioni di cui sopra suggeriscono che la nozione di tempo dei cani perde diversi segnali sensoriali, aumentando il margine di errore per le loro “previsioni”. È vero che questo non ha molta rilevanza o un impatto sostanziale sulla tua vita quotidiana, ma genera diverse situazioni interessanti.

I cani hanno bisogno di indizi per “percepire” il tempo

Uno studio pubblicato sulla rivista Applied Animal Behavior Science afferma che i cani sono in grado di stimare il tempo necessario ai loro tutori per tornare a casa. Tuttavia, sottolineano anche che non sembrano “perderli”, ma piuttosto nel momento in cui ricevono segnali sensoriali, “ricordano” che sono partiti e stanno per arrivare.

Ciò non sorprende, poiché è noto che i cani danno la priorità ai segnali sensoriali per determinare quanto tempo è trascorso. Chiaramente questo non è né efficiente né affidabile. Anche così, questo meccanismo è più che sufficiente perché un cane cominci a “prevedere” certi eventi della giornata.

La nozione di tempo dei cani non è la stessa degli umani

Ogni specie e individuo percepisce il passare del tempo in modo diverso, quindi è comprensibile che la nozione di tempo dei cani non sia la stessa di quella degli umani. Tuttavia, le differenze sono ancora più grandi di quanto sembri.

Ad esempio, ci sono diversi tutor che si sorprendono quando si allontanano solo per pochi minuti ei loro cani li accolgono come se fossero lì da ore. In parte, il responsabile di questo comportamento è la percezione del tempo dei cani e dei loro limiti.

Come accennato in precedenza, i cani utilizzano vari tipi di segnali sensoriali per “calcolare” il passare del tempo. In questo caso, l’indizio fondamentale che ricevono è la partenza e il ritorno dei loro tutori.

Finché riceve entrambi, il cane si comporterà come se fossero trascorse le stesse ore che è abituato a trascorrere da solo.

Visto in un altro modo, il cane sa solo che passa molto tempo dal momento in cui il suo padrone se ne va fino al suo arrivo. Pertanto, anche se viene lasciato solo per pochi minuti, il suo cervello interpreta che è trascorso lo stesso periodo di sempre, facendolo impazzire per l’eccitazione.

Naturalmente, questi eventi di frenesia sono causati da problemi di stress e ansia, che modificano la percezione temporale del cane. Questi fattori, a loro volta, sono strettamente correlati. Infatti, se il cane non avesse una qualche nozione del passare del tempo, è improbabile che soffra di disturbi come l’ansia da separazione.



La percezione del tempo nei cani è unica

Come si vede, la nozione del passare del tempo nei cani è unica nel suo genere e presenta diverse peculiarità. Naturalmente, la sua funzione e il suo impatto sulla vita quotidiana dell’animale non sono ancora del tutto chiari. Tuttavia, è abbastanza interessante che il migliore amico dell’uomo sia in grado di “prevedere” alcuni eventi nel suo ambiente.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.