8 specie di boa constrictor

In alcuni boa constrictor gli arti vestigiali si presentano come piccoli piedi nella zona del ventre.
8 specie di boa constrictor
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 10 marzo, 2023

I boa sono animali grandi e robusti, noti per la loro abitudine di soffocare la preda prima di mangiarla. Dal momento che hanno una distribuzione molto ampia, questi rettili hanno modificato alcune caratteristiche fisiche per potersi adattare al loro ambiente. Per questo motivo, esiste un gran numero di specie e sottospecie di boa constrictor.

Nelle prossime righe potrete conoscere alcune delle più comuni, ma tenete presente che la loro classificazione tassonomica è ancora oggetto di dibattito. Pertanto, i nomi scientifici possono risultare diversi a seconda dei media consultati. Ciò però non toglie nulla alle loro straordinarie caratteristiche; continuate a leggere per conoscerle.

Caratteristiche del Boa

Un boa constrictor.

In generale, l’evoluzione dei serpenti è passata attraverso la perdita degli arti, motivo per cui sono arrivati ad avere l’aspetto che hanno oggi. Da parte loro, i boa presentano le vestigia di questi, come se fossero un passaggio intermedio tra i serpenti antichi e quelli attuali. Pertanto, sono considerati il gruppo più ancestrale di questo tipo di rettili.

I boa appartengono alla famiglia dei Boidi, i quali hanno la capacità di catturare e consumare prede più grandi della loro stessa testa. Infatti, mancano di strumenti come il veleno, quindi utilizzano la costrizione e l’ampia apertura della bocca come mezzi per cacciare e nutrirsi. Inoltre, hanno un sistema di rilevamento a infrarossi che facilita loro questo processo.

La maggior parte delle specie di boa ha corpi grandi e larghi, con colori diversi, a seconda della zona in cui abitano. Questi rettili presentano un’ampia varietà di caratteristiche fisiche, motivo per cui la loro classificazione tassonomica è oggetto di dibattito. I parenti più stretti e con i quali condividono alcune caratteristiche sono i pitoni.

Come vengono classificati i boa?

Esistono molte controversie sulla classificazione di questi rettili, quindi l’Università del Massachusetts in collaborazione con Yale ha condotto una ricerca per rivedere la loro tassonomia. Tra i risultati, si sono resi conto che boa e pitoni, pur essendo molto simili, non sono così strettamente imparentati.

Per questo motivo, i boa e alcuni serpenti simili sono stati raggruppati all’interno della superfamiglia Booidea, mentre i pitoni hanno finito per costituire un gruppo gemello di questa superfamiglia, il Pythonidea. La classificazione anteriore sosteneva che pitoni e boa, dal momento che erano lunghi, larghi e avevano quasi le stesse caratteristiche fisiche, dovevano appartenere alla stessa famiglia.

I boa mancano di denti nella premascella, e questa caratteristica, insieme alla morfologia della loro testa, li distingue dal gruppo dei pitoni. Per conoscerli meglio, di seguito elenchiamo alcune specie di boa.

Boa dalla coda rossa (Boa constrictor constrictor)

È un grande rettile tropicale originario dell’America, forse il più conosciuto del gruppo. Può raggiungere i 3 o 4 metri di lunghezza, con un peso che arriva fino a 45 chilogrammi. La testa è di forma triangolare, con occhi piccoli e pupille verticali. Questo boa è di colore grigio cannella, con macchie rettangolari marroni e il ventre chiaro. Il nome è dovuto al fatto che i colori della coda possono variare fino al bruno rossastro.

Boa constrictor amarali

La testa triangolare di questo boa è ornata da una striscia scura su ciascun lato. Inoltre, presenta dei colori simili a quelli del boa constrictor, con la presenza di pallide variazioni di color caffè, marrone e rosso. La distribuzione di questa specie è ampia e va dal Messico al nord dell’Argentina, prediligendo le aree boschive. Anche a scopo difensivo, è in grado di emettere un forte stridio o addirittura di saltare.

Boa imperator

Questa sottospecie è una delle più piccole, anche se può comunque raggiungere i 2,5 metri di lunghezza. Questo rettile è privo di fossette labiali, il che lo rende incapace di rilevare gli infrarossi. Inoltre, il suo corpo si distingue per presentare dei cerchi a forma di anello, oltre a una macchia scura che parte dall’occhio e si estende ai lati.

Boa dalla coda lunga (Boa constrictor longicauda)

Questo serpente abita le foreste di Tumbes, in Perù. Anche questo animale presenta una striscia centrale scura e macchie a forma di sella di cavallo lungo il corpo, mentre il colore può variare dal giallo al grigio chiaro. Attualmente, la sua classificazione tassonomica è ancora oggetto di dibattito.

Boa argentino (Boa constrictor occidentalis)

Come si può intuire dal nome, è distribuito principalmente in Argentina e Paraguay, tra le Ande e il fiume Prana. Questa sottospecie in genere combina colori scuri con altri più chiari. Questo tipo di boa può raggiungere fino a 2,5 metri di lunghezza.

Boa constrictor melanogaster

Questo rettile vive solo in Ecuador, vicino al fiume Yaupi, anche se è probabile che sia distribuito anche in parte dell’Amazzonia. Questo boa ecuadoriano è caratterizzato dall’avere una coda più grande rispetto ad altre sottospecie, oltre al fatto che presenta colori generalmente chiari, a causa della mancanza di melanina nel ventre.

Un boa su un albero.

Boa dominicano (Boa nebulosa)

Il boa dominicano, come suggerisce il nome, è una specie che abita la Repubblica Dominicana nel Mar dei Caraibi. È abbastanza simile al boa constrictor, con la differenza che il muso è più prominente e gli occhi sono piuttosto convessi. La colorazione di questo esemplare è più scura, tra i toni del grigio e del marrone con qualche macchia nera.

Boa orophias

La distribuzione di questa specie di boa è ristretta all’isola di Santa Lucia, nel Mar dei Caraibi. I colori di questo serpente sono principalmente toni del marrone, sui quali si trovano tra 27 e 31 macchie subrettangolari, simili a selle, e alcune macchie scure sotto la mascella. Inoltre, il suo ventre presenta colori più chiari, sul bianco o grigio.

Sebbene esista un’ampia varietà di specie e sottospecie di boa, purtroppo la maggior parte è a rischio, a causa dell’utilizzo delle loro pelli per la realizzazione di vari prodotti. Una delle sue caratteristiche più importanti è la diversità di colori, che lo rende il bersaglio perfetto per gli amanti della moda.

I boa sono specie territoriali, quindi attaccano solo allo scopo di nutrirsi e difendersi. Pertanto, nonostante inducano timore, in realtà cercheranno di risparmiare quanta più energia possibile, evitando il conflitto. Conoscere questi rettili è utile per sapere come agire di fronte a loro.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Pinto-Coelho, D., Hamdan, B., & Lira-da-Silva, R. M. (2020). GEOGRAPHIC AND ALTITUDINAL DISTRIBUTION OF SNAKES OF THE FAMILY BOIDAE IN THE STATE OF BAHIA, NORTHEASTERN BRAZIL. Revista Nordestina de Zoologia12(2), 26-50.
  • Singh, L., Sharma, T., & Ray-Chaudhuri, S. P. (1968). Chromosomes and the classification of the snakes of the family Boidae. Cytogenetic and Genome Research7(3), 161-168.
  • Murphy, J. B., Lamoreaux, W. E., & Barker, D. G. (1981). Miscellaneous notes on the reproductive biology of reptiles. 4. Eight species of the family Boidae, genera Acrantophis, Aspidites, Candoia, Liasis and Python. Transactions of the Kansas Academy of Science (1903), 39-49.
  • Pyron, R. A., Reynolds, R. G., & Burbrink, F. T. (2014). A taxonomic revision of boas (Serpentes: Boidae). Zootaxa3846(2), 249-260.
  • De Vosjoli, P., Klingenberg, R., & Ronne, J. (2012). Boa Constrictor Manual. Fox Chapel Publishing.
  • Albino, A. M. (2013). UN NUEVO BOIDAE (REPTILIA: SERPENTES) DEL EOCENO TEMPRANO DE LA PROVINCIA DEL CHUBUT, ARGENTINA. Ameghiniana24(1-2), 61-66. Retrieved from https://ameghiniana.org.ar/index.php/ameghiniana/article/view/1849
  • Pinto-Coelho, D., Hamdan, B., & Lira-da-Silva, R. M. (2020). GEOGRAPHIC AND ALTITUDINAL DISTRIBUTION OF SNAKES OF THE FAMILY BOIDAE IN THE STATE OF BAHIA, NORTHEASTERN BRAZIL. Revista Nordestina de Zoologia12(2), 26-50.
  • Reynolds, R. G., Niemiller, M. L., & Revell, L. J. (2014). Toward a Tree-of-Life for the boas and pythons: Multilocus species-level phylogeny with unprecedented taxon sampling. Molecular Phylogenetics and Evolution71, 201-213.
  • Reynolds, R. G., & Henderson, R. W. (2018). Boas of the world (superfamily Booidae): a checklist with systematic, taxonomic, and conservation assessments. Bulletin of the Museum of Comparative Zoology162(1), 1-58.
  • Scanferla, A., & Smith, K. T. (2020). Exquisitely preserved fossil snakes of Messel: insight into the evolution, biogeography, habitat preferences and sensory ecology of early boas. Diversity12(3), 100.
  • Uetz, P., Freed, P, Aguilar, R. & Hošek, J. (eds.) (2021) The Reptile Database, http://www.reptile-database.org, Accesed in 21 july of 2021

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.