Terciopelo: habitat e caratteristiche

Le femmine di questa specie tendono a nutrirsi delle prede più grandi, mentre i maschi si accontentano di piccole lucertole e rane. Questo è uno dei motivi per cui il Terciopelo presenta un accentuato dimorfismo sessuale.
Terciopelo: habitat e caratteristiche
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 10 giugno, 2023

Il terciopelo è un rettile riconosciuto per la sua lunga storia di incidenti mortali. Il suo morso può lasciare lesioni permanenti che influiscono notevolmente sulla qualità di vita delle persone. Il numero di eventi di questo tipo è dovuto alla sua natura timorosa, poiché attacca al minimo accenno di pericolo.

Questa specie fa parte della famiglia Viperidae, un taxon che raggruppa al suo interno un gran numero di specie velenose e pericolose, come i serpenti a sonagli. Il nome scientifico di questo animale è Bothrops asper e deve la sua fama alla caratteristica forma delle sue fossette, comunemente note come “4 nasi”. Continuate a leggere e scoprite di più su questo animale pericoloso.

Habitat del terciopelo

Questo Viperide è un tipo di serpente che è distribuito dal Nord America meridionale al Sud America, passando per Colombia, Messico, Guatemala, Venezuela, Honduras, Costa Rica e Panama. Pertanto, si trova nelle valli delle Ande, sulle coste del Pacifico e nei Caraibi.

Il suo habitat naturale è costituito da boschi con ambienti umidi o secchi ed è una specie terrestre, ma capace di arrampicarsi sugli alberi se necessario. Sebbene sia in grado di vivere in zone aride o secche, si limita a zone con fiumi o torrenti che gli consentono di sopravvivere. Inoltre, a causa del cambiamento del suolo forestale per l’agricoltura, le zone agricole sono diventate nuovi habitat per la specie.

I terciopelo sono animali solitari e notturni che dipendono in gran parte dal calore del loro ambiente. Sono animali ectotermi (la loro temperatura interna è condizionata dall’ambiente), quindi i mesi con giornate fredde e secche sono per loro i meno attivi.

Un grande esemplare di terciopelo.

Caratteristiche del terciopelo

Questo rettile è di dimensioni moderate, capace di raggiungere  fino a 274 centimetri di lunghezza e un peso di 6 chili. La forma del corpo è in genere sottile, con una larghezza di almeno 20 centimetri, e presenta un marcato dimorfismo sessuale, in quanto le femmine sono più grosse e più pesanti dei maschi.

Il terciopelo è caratterizzato dall’avere una testa piatta lanceolata, il che significa che ha la forma di un triangolo o “freccia”. In mezzo ai suoi occhi sono presenti 4 orifizi o “nasi”, 2 dei quali servono per respirare (nasi), mentre gli altri sono fossette sensoriali. Queste ultime non sono collegate ai polmoni, ma fungono da rilevatori di calore.

La pelle, invece, presenta colorazioni variabili che comprendono il caffè, il marrone, il verde oliva e il nero, con motivi a rombi su tutto il corpo. Nel ventre la specie presenta questi stessi colori, ma più chiari e con alcune macchie scure. Infatti, tutte le sue squame formano una chiglia ben marcata, ossia linee intermedie sporgenti con una trama ruvida.

La specie può essere confusa con il ferro di lancia (Bothrops atrox), un parente stretto dello stesso genere che presenta gli stessi modelli di colore del terciopelo. Tra i due vi sono piccole differenze che non sono percepibili ad occhio nudo, come il numero e la forma delle squame, la colorazione dei bordi, ecc. Sebbene solo gli specialisti possano identificarli con precisione, entrambi sono molto pericolosi a causa del loro veleno potenzialmente letale.

Carattere e comportamento

Questo serpente si espone al sole durante il giorno per riscaldarsi e prepararsi alla caccia. Per questo motivo rimane nascosto sotto il fogliame, inseguendo le sue prede o usando la coda come esca, attirandole e intrappolandole.

Gli esemplari di terciopelo sono abbastanza sedentari, quindi non si allontanano molto dal loro habitat, a meno che il cibo non scarseggi o non vi sia abbastanza umidità.

È considerata una specie aggressiva e molto irritabile, sebbene ciò sia dovuto alla sua natura nervosa. Pertanto, qualsiasi segno di pericolo fa sì che passi subito alla difesa, il che porta a diversi incidenti anche se non è stata disturbata. L’unico obiettivo di questo animale è difendersi, solo che è meno paziente rispetto ad altri tipi di vipere.

Veleno del terciopelo

Il terciopelo è la specie che provoca il maggior numero di incidenti che hanno a che fare con i serpenti nelle regioni del Centro e Sud America. Il veleno di questo Viperide provoca infiammazione, emorragia e necrosi, lasciando gravi sequele nelle vittime dopo il tanto temuto morso.

Uno degli effetti più significativi del veleno è la morte del tessuto muscolare (necrosi). Questo perché provoca lesioni che non possono essere riparate e che peggiorano man mano che la tossina si diffonde. Infatti, un articolo sulla rivista scientifica Toxicon riporta che i sieri antivipera non neutralizzano rapidamente il veleno, rendendo difficile evitare le sequele.

Alimentazione del terciopelo

La dieta di questi rettili consiste in un’ampia varietà di prede, inclusi alcuni roditori, uccelli, lucertole e anfibi. Secondo uno studio dell’Università del Perù, questi serpenti cambiano prede man mano che crescono. Quando sono giovani si nutrono principalmente di rane e lucertole, mentre da adulti mangiano alcuni piccoli mammiferi, uccelli e anuri più grandi.

Riproduzione del terciopelo

La riproduzione di questo animale dipende in gran parte dal clima, in quanto predilige i mesi più umidi, ed ha la capacità di riprodursi una o due volte l’anno. Per questo motivo, a causa delle variazioni climatiche tra le zone in cui è distribuito, non segue uno schema definito per quanto riguarda l’accoppiamento.

In questo processo, i maschi seguono la loro potenziale partner per cercare di attirare la sua attenzione e persino provare a mettere la testa accanto a lei, come metodo per corteggiarla. Se la femmina accetta, si allunga nella direzione del maschio per iniziare l’accoppiamento. Tuttavia, sono loro ad avere il controllo, dal momento che possono accoppiarsi con diversi maschi prima di rimanere incinte.

Una volta avvenuta la fecondazione, la neomamma attraverserà un periodo di gestazione compreso tra i 6 e gli 8 mesi, per dare alla luce tra i 5 e gli 86 piccoli. Questi serpenti sono organismi vivipari che non presentano cure parentali, quindi una volta nati, i piccoli dovranno cavarsela da soli.

Stato di conservazione

Il terciopelo è considerato un animale di successo, poiché non ci sono prove che la sua popolazione sia in declino. Per questo motivo, il Libro rosso dei rettili della Colombia lo ha classificato come specie di minor preoccupazione. Tuttavia, dal momento che si è adattato bene agli ambienti agricoli, è probabile che l’interazione con questo serpente aumenterà, portando ad altri problemi.

Questo Viperide viene percepito come un potenziale pericolo, il che può portare a tentativi di eliminarlo come soluzione per mantenere la sicurezza delle persone negli ambienti agricoli. Pertanto, è necessario cercare subito delle alternative: queste situazioni devono essere risolte prima che sfuggano al controllo.

Abbiamo tutti i motivi di temere questo rettile velenoso, ma bisogna anche riconoscere che l’invasore è l’uomo. In tal senso, gli animali si limitano a difendersi dagli “intrusi” senza malizia o coscienza, cercando di sopravvivere. Per poter convivere, è necessario comprendere che gli altri animali hanno diritto a vivere quanto voi, e un buon inizio è senz’altro imparare a conoscerli almeno un po’.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Sasa, M., Wasko, D. K., & Lamar, W. W. (2009). Natural history of the terciopelo Bothrops asper (Serpentes: Viperidae) in Costa Rica. Toxicon54(7), 904-922.
  • Ramírez-Arce, D. G., Zúñiga-Ortiz, A., & Wasko, D. K. (2021). Habitat use and age structure of the Fer-de-Lance (Bothrops asper, Viperidae) in Braulio Carrillo National Park, Costa Rica. Herpetological Journal31(1).
  • Wasko, D. K. (2009). Spatial and feeding ecology of the fer-de-lance (Bothrops asper) in Costa Rica. University of Miami.
  • Tryon, B. W. (1985). Bothrops asper (terciopelo). Caudal luring. Herpetological Review16, 28.
  • Wasko, D. K., & Sasa, M. (2012). Food resources influence spatial ecology, habitat selection, and foraging behavior in an ambush-hunting snake (Viperidae: Bothrops asper): an experimental study. Zoology115(3), 179-187.
  • Teixeira, C., Cury, Y., Moreira, V., Picolo, G., & Chaves, F. (2009). Inflammation induced by Bothrops asper venom. Toxicon54(7), 988-997.
  • Gutiérrez, J. M., León, G., Rojas, G., Lomonte, B., Rucavado, A., & Chaves, F. (1998). Neutralization of local tissue damage induced by Bothrops asper (terciopelo) snake venom. Toxicon36(11), 1529-1538.
  • Alape-Girón, A., Sanz, L., Escolano, J., Flores-Diaz, M., Madrigal, M., Sasa, M., & Calvete, J. J. (2008). Snake venomics of the lancehead pitviper Bothrops asper: geographic, individual, and ontogenetic variations. Journal of proteome research7(8), 3556-3571.
  • Kaiser, I. I., Gutiérrez, J. M., Plummer, D., Aird, S. D., & Odell, G. V. (1990). The amino acid sequence of a myotoxic phospholipase from the venom of Bothrops asper. Archives of Biochemistry and Biophysics278(2), 319-325.
  • Díaz-Ricaurte, Juan, Cubides-Cubillos & Ferreto, Bruno (2018). Bothrops asper. Catalogo de Anfibios y Reptiles de Colombia 4 (2): 8-22.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.