Ballerina bianca: habitat e caratteristiche

Pochi uccelli si muovono con la grazia della ballerina bianca. Volete saperne di più su questa specie?
Ballerina bianca: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre, 2021

La ballerina bianca (Motacilla alba), popolarmente conosciuta anche come batticoda o ballerina bianca e nera, è un piccolo uccello appartenente alla famiglia dei Motacillidae. La sua presenza in alcune regioni è associata all’arrivo dell’inverno.

Questo uccello può adattarsi facilmente a quasi tutti gli habitat e non teme la presenza dell’uomo, motivo per cui è comune vederlo nelle città altamente popolate. Di seguito troverete tutte le informazioni su questo curioso uccello.

Habitat della ballerina bianca

Questo uccello è distribuito in tutta Europa, Asia e Nord Africa. Inoltre, può abitare le zone temperate e fredde dell’Eurasia, dell’Alaska e della Groenlandia. Durante l’inverno si sposta attraverso l’Africa e l’Asia meridionale verso il nord dell’Equatore.

Tuttavia, le 11 sottospecie (a volte considerate specie isolate) della ballerina bianca frequentano un luogo specifico che le differenzia nettamente tra loro. Pertanto, la sua instabilità geografica è evidente, poiché il complesso delle specie si trova in territori disparati.

In generale, questo uccello predilige terreni aperti, soleggiati e con bassa vegetazione, dove l’acqua è abbondante. Può essere inoltre visto vicino alle case nelle fattorie, nei paesi o nelle grandi città. La ballerina bianca evita le zone aride e le fitte foreste.

Una lavandaia bianca su una pietra.

Caratteristiche fisiche

La ballerina bianca è un piccolo uccello che misura da 16 a 19 centimetri di lunghezza, con un’apertura alare di circa 28 centimetri. È interessante notare che questo uccello ha una lunga coda sempre in movimento e un piumaggio molto elegante che lo rende facile da identificare.

Questo piumaggio ha toni bianchi, neri e grigiastri. Ha la schiena grigio cenere, il ventre bianco e le ali in genere nere con alcune strisce bianche che risultano visibili quando piegate. Le zampe e il becco sono neri, ma il centro del viso e la parte superiore e inferiore della testa sono bianchi.

Questo animale presenta un leggero dimorfismo sessuale, poiché il maschio ha il ventre bianco mentre petto e dorso sono neri. La sua coda è lunga e nera con un bordo bianco. La femmina è abbastanza simile al maschio fisicamente, ma i colori sulla schiena sono leggermente più chiari.

I piccoli di questa specie hanno una testa grigiastra chiara e le zampe e il becco sono neri. Inoltre, i piccoli mostrano una maggiore uniformità cromatica rispetto agli adulti, non presentano un colore nero sulla testa e portano una striscia grigiastra nella regione pettorale.

Durante la stagione invernale la ballerina bianca presenta un piumaggio simile, anche se il colore nero sulla testa è più ridotto, il collo è bianco e ha una striscia nera sul petto. Entrambi i sessi sono molto simili, ma la femmina si differenzia per le piume grigie sulla nuca.

Comportamento della ballerina bianca

Nonostante la ballerina bianca sia considerata una specie stanziale, tende a muoversi in modo instabile a brevi e medie distanze. Gli esemplari possono spostarsi in inverno, dal centro-orientale dell’Europa al bacino del Mediterraneo e l’Africa. In Spagna vengono frequentemente avvistati tra ottobre e novembre e durante la primavera (tra febbraio e aprile).

D’altra parte, una delle curiosità più sorprendenti di questa specie è che cerca rifugio dai predatori sui viali delle grandi città, dove solitamente nidificano gli adulti. Allo stesso modo, i grandi gruppi tendono a radunarsi di notte nei centri urbani per dormire e all’alba si spostano verso le praterie fuori città.

Un altro aspetto sorprendente della ballerina bianca è che può correre agilmente sul terreno in cerca di cibo. È stata anche vista beccare il terreno e appollaiarsi vicino alle acque superficiali (come i margini dei corsi d’acqua) per catturare animali acquatici.

La ballerina bianca solitamente fa il nido all’interno di oggetti abbandonati, utilizzando pezzi di legno e rami secchi. Allo stesso modo, può nidificare nello spazio dove sono presenti grandi nidi di altri uccelli come fanno altre specie (i passeri, per esempio).

Alimentazione della ballerina bianca

Per quanto riguarda la sua dieta, questo uccellino mangia un’ampia varietà di insetti sia terrestri che acquatici, oltre ad altri piccoli invertebrati come ragni, crostacei, molluschi e pesci. Allo stesso modo, la ballerina bianca può nutrirsi di piante ed erba nei campi aperti che frequenta.

Riproduzione della ballerina bianca

Questo uccello solitamente protegge i territori in cui nidifica, costruendo tali nidi sotto tegole o pietre, su muri e pareti o nascosto tra la vegetazione (tra cui l’edera). In genere, la femmina depone da 5 a 6 uova grigio-brunastre maculate, che si schiudono dopo 11-16 giorni.

I genitori sono responsabili dell’alimentazione dei pulcini fino a quando non lasciano il nido a 16 giorni, anche se può succedere che vengano accuditi un po’ più a lungo.

Stato di conservazione

Secondo la Lista Rossa dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN), lo stato di conservazione della ballerina bianca è “Least Concern (LC)”. Finora non sono state rilevate minacce dirette a questa specie, anche se potrebbe essere interessata in futuro da molti cambiamenti generali.

La perdita di habitat naturale dovuta all’aumento delle aree urbanizzate e all’uso indiscriminato di pesticidi potrebbe influire su questa specie in futuro.

Uno degli uccelli più comuni in Spagna.

Come avete potuto vedere, la ballerina bianca è un uccello che copre un vasto territorio e che nel corso della storia è stata legata all’arrivo dell’inverno in molte regioni. Sebbene la sua riproduzione non sia molto distintiva, il suo comportamento presenta diversi aspetti sorprendenti che rendono questa specie unica.

Potrebbe interessarti ...
Inquinamento acustico, acerrimo nemico degli uccelli
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Inquinamento acustico, acerrimo nemico degli uccelli

L'inquinamento acustico provoca enormi danni nel sistema riproduttivo degli uccelli ed interferisce con la comunicazione negli stormi.